Radio Svizzera giorno 17: più soldi dalla Confederazione per l'educazione

Le radio private svizzere ricevono buoni voti dall'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM), soprattutto per quanto riguarda le opportunità di formazione dei giornalisti. L'OFCOM vuole sostenere la formazione e il perfezionamento con più fondi dal piatto del canone.

bildschirmfoto-2017-08-24-um-14.16.55

I fondi messi a disposizione dal canone sono in gran parte utilizzati, ha dichiarato il direttore dell'UFCOM Philipp Metzger in occasione della Giornata della radio svizzera di giovedì. Allo stesso tempo, ha invitato i responsabili a non allentare i loro sforzi e a formare costantemente i creatori in vista delle conseguenze della digitalizzazione. La digitalizzazione cambierà notevolmente anche i profili professionali delle stazioni radio. A questo si può rispondere solo con dipendenti ben addestrati e ulteriormente istruiti.

L'OFCOM è felice di sostenere finanziariamente l'industria in queste sfide, ha detto Metzger. Questo perché il Parlamento ha deciso di rendere disponibili più soldi per questo dalle tasse per il settore privato.

DAB+ come modello di cooperazione

Philipp Metzger ha anche descritto il passaggio da FM a DAB+ come un successo. Questo sta procedendo molto bene perché tutta l'industria sta partecipando. Questo è stato sottolineato anche da Gilles Marchand, direttore generale designato della SRG, che sta attuando questo cambiamento tecnologico insieme alle emittenti private.

Ha detto che non solo la SRG ma tutte le stazioni radio stanno affrontando grandi sfide in molte aree che potrebbero essere meglio gestite insieme. Ha anche parlato dell'iniziativa No Billag. Se sarà accettata, significherà la messa a tacere di tutte le stazioni radio della SSR. Ma secondo lui, anche l'esistenza di molte stazioni radio private sarebbe minacciata se l'iniziativa fosse adottata.

Ecco perché l'industria deve unirsi per lottare contro la petizione che chiede l'abolizione dei diritti di licenza. È un malinteso che l'indebolimento della grande SSR porterebbe ad un rafforzamento delle emittenti private, ha detto Marchand. I principali beneficiari sarebbero i media stranieri e i giganti come Google e Facebook.

(Visitato 25 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento