Intrattenimento a 360°: anche l'industria in difficoltà nutre fiducia

Il più grande meeting svizzero dell'industria degli eventi 360° Entertainment è stato cancellato l'anno scorso a causa della corona - ora ha celebrato la sua resurrezione digitale. ESB e Ticketcorner invitati all'evento online martedì. I relatori e i relatori si sono incontrati nello studio NEP a Volketswil, da dove l'evento è stato trasmesso in diretta. Nonostante tutte le avversità, ci sono anche barlumi di speranza, perché le nuove idee sono cresciute dalla necessità.

Il moderatore Reto Caviezel (CEO Carré Events, a sinistra) Christoph Bill (presidente della SMPA e organizzatore dell'Heitere Festival a Zofingen) in conversazione con la co-presidente della SP e consigliere nazionale Mattea Meyer (online).

Il 2021 dovrebbe essere l'estate della riunione. L'industria dell'intrattenimento svizzera è ai blocchi di partenza, ma dipende da direttive chiare da parte dei politici su come potrebbe essere il ritorno al business degli eventi. Finora, questi non esistono. Finché ci sono differenze, si va avanti e indietro tra il Consiglio degli Stati e il Consiglio Nazionale. "È difficile, ma diamo tutto", ha detto Meyer. Il consigliere nazionale ha anche detto che presto ci sarà una soluzione che porterà la sicurezza della pianificazione nell'industria degli eventi. "Dovrebbe essere a posto per la fine della primavera", spera Mattea Meyer. Quando potranno essere organizzati di nuovo i primi grandi eventi con più di 10.000 persone? La valutazione della consigliera nazionale Mattea Meyer: "Presumo che i primi grandi eventi avranno luogo di nuovo nel 2022". Alla domanda se l'industria è stata abbastanza forte, Bill dice: "Abbiamo cercato di ottenere qualcosa tra di noi. Quello che non succede abbastanza è il dialogo tra gli organizzatori e le autorità. Dobbiamo sapere cosa sta arrivando, in modo da poterci preparare subito".

A medio termine, tuttavia, il desiderio di eventi dovrebbe finalmente portare a un'inversione di tendenza. Il futurologo Dietmar Dahmen ha sottolineato che l'umanità ha molti anni di esperienza con la peste e altre pandemie. "Il piacere e l'amore per la vita torneranno", prevede Dahmen.

Un nuovo inizio invece di un sonno assopito

Gli operatori del locale desiderano aprire presto. "Al momento, non vorremmo altro che un ritorno alla normalità", ha detto Felix Frei, ex capo dell'Hallenstadion e attuale presidente dell'Associazione degli operatori svizzeri di stadi e arene, VSSA. Tuttavia, la normalità per i locali sarà cambiata dopo Corona. Così come il mercato dell'intrattenimento. Perché ci sarà una scossa nel mercato". Roger Büchel, CEO del Kongresshaus Zurich, e Bruno Vollmer, COO dello ZSC Lions, sono d'accordo su questo. C'è anche accordo tra gli esperti sul fatto che gli eventi ibridi acquisteranno importanza. "Tuttavia, l'esperienza dal vivo non si estinguerà mai". Secondo Frei, un concetto di apertura con concetti di protezione adattati sarebbe attualmente necessario.

Sponsor alla ricerca di nuovi formati di eventi

Finora, i partner degli organizzatori dell'evento erano spesso solidali con loro. Ma più dura la pandemia di Corona, più le industrie degli sponsor soffrono. Anche la loro solidarietà ne risente? Jörg Schönberg, capo delle vendite e fondatore di Doppelleu Boxer, lo nega. È interessato a collaborazioni a lungo termine. Insieme ai suoi partner, vuole uscire più forte dalla crisi.

Jörg Schönberg non prevede quindi al momento di ridurre il budget. Nemmeno gli altri due partecipanti alla discussione, Oliver Niedermann, responsabile del marketing di Raiffeisen Svizzera, e Martin Koch, responsabile dello sponsoring e degli eventi della Federazione delle cooperative Migros. Piuttosto, tutti e tre sono alla ricerca di nuovi formati di eventi. Per Koch e Schönberg, un festival fantasma senza spettatori è una nuova interessante possibilità.

Innovazione nata dalla necessità: eventi ibridi

Secondo Niedermann, gli eventi ibridi potrebbero anche aprire gruppi target completamente nuovi. Tuttavia, secondo Koch, non sostituiranno l'intrattenimento dal vivo. Perché le emozioni dal vivo non possono essere sostituite. Schönberg crede addirittura che l'apprezzamento per gli eventi e la gastronomia aumenterà in futuro perché la gente si è accorta di quello che ne ricava attraverso Corona. Niedermann dice che la domanda potrebbe anche salire al di sopra di dove era prima di Corona. Tutti e tre gli esperti dicono che l'industria degli eventi deve fare i conti con una nuova realtà. Questo consiste in concetti di protezione e formati di eventi alternativi. Sono convinti che coloro che reagiscono in modo flessibile a questi cambiamenti riusciranno a dominare la transizione verso la nuova normalità.

Le previsioni esatte non esistono

"L'industria degli eventi deve finalmente svegliarsi dal suo coma artificiale. Quello che viene fatto alla nostra industria in termini di apertura è completamente sbagliato", dice Thomas Kastl, direttore della St. Jakobshalle Basel. Al momento, però, l'industria è frenata dai politici. Un ombrello protettivo sarebbe un buon strumento per ottenere di nuovo una maggiore sicurezza di pianificazione. Ma questo richiederebbe la volontà politica. Ora l'industria spera in risposte chiare dai politici e in un ombrello protettivo che copra presto l'industria degli eventi. Se questo sarà sufficiente per tutti gli organizzatori di eventi è un'altra questione.

Fiducia in mezzo alle avversità: L'ospite del forum Hans-Willy Brockes (Managing Director ESB Marketing Network, a sinistra) e Andreas Angehrn (CEO Ticketcorner).
(Visitato 249 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento