Wirz scivola molto vicino al disastro per Suva

Con la nuova campagna della Suva, Wirz mostra perché le "regole vitali" dovrebbero essere sempre osservate nella vita professionale.

SUVA_Film_1

Un operaio forestale viene quasi ucciso da un abete, un tecnico quasi da un enorme braccio robotico. Con immagini avvincenti e impressionanti, la campagna Suva di Wirz mostra situazioni in cui solo per caso nessuno ha un incidente. I film sono accompagnati da una musica spensierata e terminano con il messaggio: "La vita è bella finché non succede niente". Ecco perché abbiamo le regole vitali della Suva". La Suva ha elaborato le "regole vitali" insieme ai vari settori.

La campagna, che funziona anche su manifesti, pubblicità, social media e come out-of-home digitale e banner animati, è un ulteriore sviluppo della campagna di prevenzione della Suva lanciata nella primavera del 2016. Il messaggio principale: nessun lavoro è così importante da dover rischiare la propria vita o quella dei propri dipendenti per esso.

Per anni, la Suva ha sostenuto l'arresto immediato del lavoro in caso di violazione di una regola vitale e la ripresa del lavoro solo quando la situazione di pericolo è stata eliminata. Tuttavia, la Suva ha contato 55 incidenti mortali sul lavoro solo l'anno scorso. Nel 75% dei casi, almeno una regola vitale non è stata rispettata.

SUVA_Film_3

Per mantenere la consapevolezza del problema, Wirz è stato incaricato di sviluppare e implementare una nuova campagna di comunicazione. Questo si basa sulla constatazione empirica che per ogni incidente mortale si devono ipotizzare circa 100.000 "condizioni e azioni non sicure", cioè situazioni di lavoro in cui i dipendenti spesso evitano incidenti solo per caso. La campagna sottolinea che osservando le regole vitali, la prevenzione degli incidenti non è lasciata al caso. 

"Wirz è riuscito a catturare perfettamente un tema importante", André Meier, capo del dipartimento di sicurezza sul lavoro di Lucerna, elogia la campagna. "Generiamo attenzione per la sicurezza sul lavoro senza inscenare un incidente. Con le immagini spettacolari, vogliamo aumentare la consapevolezza per seguire le regole vitali - e mostrare che non si dovrebbe fare affidamento sulla fortuna sul lavoro".

Livio Dainese, co-CEO e direttore creativo di Wirz, dice: "Suva riguarda la vita e la morte. Si tratta di grandi messaggi, statistiche negative e dati. Trovare una soluzione creativa e umoristica qui è prezioso e appagante". È quindi ancora più contento che la Suva abbia riposto la sua fiducia in Wirz per questo compito.

4_SUVA_F12_Roboter

Responsabile a Suva: André Meier (responsabile della sicurezza sul lavoro di Lucerna); Urs Schaad (responsabile delle comunicazioni di marketing); Erwin von Moos (Project Manager Campagne), Beat Enderlin (responsabile delle comunicazioni sicurezza sul lavoro e salute); Guido Bommer, Peter Meier, Michael Kaufmann, Urs Limacher, Mario Schernthanner, Roland Schürmann, Adam Maurus, Hanspeter Röösli, René Benno Gauch (specialisti sicurezza Suva). Responsabile a Wirz: Livio Dainese (CCO), Fernando Perez, Samuel Christ (ECD), Niels Schäfer (CD), Heinrich Schnorf (AD), Gioia Varesi, Elena Gabriel, Nico Schläpfer (Graphics), Petra Dreyfus (COO), Lena Kast, Fabiana Imhof, Barbara Waldvogel (Consulting), Erasmo Palomba (Agency Producer), Adrian Huwyler, Björn Bippus-Brender, Mario Müller, Angelo Mabellini, Aline Herzog (XLAB), Cosima Lang (Wirz Storyline), Urs Krucker (Strategy), Désirée Guzzo, Sonja Jegen, Corinne Räber (DTP), Karin Gartmann (Image Editing). Foto: Holger Pooten, Emeis Deubel, Berlino (rappresentazione), Versatile NYC (CGI/Postproduzione). Film: Stories (Società di produzione), Yves Bollag (Produttore), Meret Früh (Line Producer), Tobias Fueter (Regista), Pascal Walder (DOP), Klaus Hartl (Art Dep.), Benjamin Fueter, Alessandro Biffi (Edit). Musica: Fabian Sturzenegger, Spacetrain.

(Visitato 98 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento