"Per tutti coloro che operano con spirito da principiante"

Il fondatore di Foundry, Sacha Moser, ha portato un sostegno ben noto per la sua impresa di Zurigo: Pascal Baumann, già partner di Sir Mary, è ora a bordo come "Creative Tribe Leader". Un'intervista doppia.

"I più pratici della pubblicità": questo è il ruolo che Sacha Moser (a sinistra) e Pascal Baumann vogliono svolgere nel mercato pubblicitario svizzero. (Immagine: zVg.)

Johannes Hapig: Sacha Moser, Pascal Baumann, per cominciare devo farvi una domanda sul servizio fotografico che abbiamo fatto per questa intervista: Sfondo in cemento, estetica berlinese, tatuaggi - l'obiettivo di Foundry qui in Svizzera è diventare "i più belli della pubblicità"? 

Sacha Moser e Pascal Baumann (all'unisono): Grazie per il complimento. Ma noi preferiremmo "Le persone più pratiche della pubblicità".

Sacha Moser Questo è più in linea con entrambi i nostri caratteri e si spera che sia anche il maggiore valore aggiunto per i nostri clienti orientati alla crescita.

 

Pascal Baumann, sei entrato in Foundry come Creative Tribe Leader dopo aver lasciato Sir Mary. Ma lei conosce il fondatore di Foundry, Sacha Moser, da molto tempo. Ti ricordi quando vi siete incontrati per la prima volta?

Baumann: Uff..., è una domanda difficile. Credo che ci siamo incontrati per la prima volta alla Publicis. Sacha era un dipendente fisso e io ero un libero professionista. Ci siamo occupati di un cliente comune, poi ci siamo visti più volte - prima della pandemia spesso negli aeroporti, devo dire, perché in tempi normali entrambi lavoravamo molto dalle lounge degli aeroporti. E così, dopo aver salutato Sir Mary, ci siamo messi a parlare in modo abbastanza naturale.

Moser: Naturalmente ero enormemente contento, ma anche sorpreso. Credo che tu mi abbia contattato per primo! La possibilità che tu ti unisca qui, non l'avrei mai sognata all'inizio. Ma non ci siamo affrettati in nulla, abbiamo sviluppato le idee insieme in modo molto rilassato ... e anche ora ci stiamo prendendo il nostro tempo per vedere cosa ci sta bene.

 

Sacha Moser, lei non dirige un'agenzia di comunicazione "classica". Cosa fa esattamente Foundry?

Moser: Aiutiamo le aziende a crescere. I nostri clienti sono principalmente startup sostanziali, ma anche aziende consolidate che vogliono o hanno bisogno di riallinearsi. Controlliamo e ottimizziamo la strategia, i processi e il branding; ci occupiamo del marketing e della comunicazione. Ma diamo anche una mano quando un flagship store deve essere cancellato. (ride). In generale, siamo qui per tutti coloro che operano con uno "spirito da principiante". O vorrebbe imparare a farlo. Buoni esempi sono i nostri partner clienti Planted e Alpian, e la recentissima aggiunta alla Tribù, la Student Projecthouse, l'incubatore interno di startup dell'ETH.

 

Lei è svizzero, ma finora ha costruito principalmente Foundry a Berlino. Perché il ritorno o l'espansione nel suo paese d'origine ora?

Moser: La nostra strategia è la crescita. Non solo per noi, ma anche per i nostri clienti. Fino all'inizio del 2020, abbiamo servito principalmente una clientela internazionale, ma da un po' di tempo stiamo aggiungendo sempre più aziende attive a livello internazionale dalla Svizzera o con importanti filiali svizzere. Ecco perché abbiamo voluto rafforzare la nostra sede di Zurigo.

 

Pascal Baumann, è stato anche il motivo per cui ha lasciato Sir Mary? Volevi "costruire" di nuovo?

Baumann: Da un lato, sono sicuro che è una ragione importante. D'altra parte, Sir Mary stava diventando un po' troppo affollato per me. Sir Mary è principalmente un'agenzia orientata a livello locale...

 

 ...che ha un grande successo in Svizzera.

Baumann: Sì, e giustamente! Ma avevo sempre lavorato a livello internazionale prima del mio periodo a Sir Mary e sentivo che mi mancava. Amo i miei colleghi della Bertastrasse, e mi mancano anche loro, perché sono persone fantastiche. Ma dopo la pandemia, festeggeremo solo insieme, non lavoreremo insieme. (ride). Foundry mi apre nuove prospettive: Ci sono clienti che trovo follemente eccitanti. Planted, Alpian e l'ETH Startup Incubator sono tutti molto orientati al digitale, ma non ancora storditi dall'"arrocco" di tutte le grandi agenzie. Si tratta di aziende per le quali non hai già lavorato diverse volte nella tua carriera.

 

Cosa c'è di diverso in queste aziende?

Baumann: Hanno dipendenti giovani e ambiziosi che vogliono ancora ottenere qualcosa. Ho imparato che per me, l'inizio di un progetto, quando c'è molto da definire e creare, è sempre il più emozionante. Che sia in Foundry in Svizzera o nelle aziende che serviamo come clienti. Questa libertà di essere innovativi, di improvvisare, di fare semplicemente le cose, mi dà un grande piacere. Con le mani, cioè... Più tardi, diventa "cerebrale" e abbastanza strutturato. (ride)

 

A volte mi sembra che l'unica vera libertà che si ha nel consigliare i clienti è quando si lavora per startup, casi di turnaround, o al massimo per le ONG?

Moser: Beh, dipende certamente dalla situazione. In generale, direi che quando qualcuno "deve" comunicare - per farsi conoscere, per riallineare il suo business, o semplicemente perché la sua sopravvivenza economica dipende da questo - la disponibilità a trovare soluzioni davvero creative è maggiore. Naturalmente, possiamo poi portare idee non convenzionali. Ma bisogna anche indossare un cappello molto grande. Perché se un progetto fallisce, hai ancora più responsabilità. È allora che bisogna rimboccarsi le maniche.

 

A proposito di "mani in pasta". Pascal Baumann, ricordo ancora bene come una volta hai stampato 8.000 copie del nostro Settimana pubblicitaria hanno spruzzato a mano con graffiti.

Baumann: Ti ricordi anche la tendinite che ho sofferto? (ride) Ci metto il cuore e l'anima in tutto quello che faccio. A volte, naturalmente, penso che avrei potuto andare in un'agenzia governativa. Poi mi sedevo davanti a uno schermo per sei-otto ore e magari facevo delle chiamate zoom. Ma quando saremo fuori dai guai con questa pandemia, l'analogico è tanto più importante per me. Voglio creare mondi visivi che non si possono solo guardare, ma che si possono sentire.

 

Quello che Sacha Moser ha detto prima sul dipingere i negozi si adatta a questo.

Moser: Vorrei sottolinearlo ancora una volta: La costruzione del marchio funziona per noi su diversi livelli - digitale, naturalmente, ma costruiamo anche spazi. In questo momento, abbiamo un progetto a Ginevra dove stiamo espandendo 1400 metri quadrati di studi per il nuovo servizio clienti digitale. Un punto di contatto importante. A Berlino, abbiamo sviluppato il concetto di 120 negozi per la rete via cavo e il provider Internet Pyur. Queste sono esperienze di marca attraverso i confini, attraverso le dimensioni. Prendiamo spunto da Pippi Calzelunghe in tutti i compiti che ci vengono affidati - cosa diceva una volta? "Non abbiamo mai provato prima - quindi è destinato ad andare bene!" Naturalmente abbiamo l'esperienza e gli specialisti necessari, ma è una questione di atteggiamento.

Baumann: Questo è anche un punto assolutamente importante per me che rende Foundry. Voglio dire, certo che è pubblicità, certo che è comunicazione, ma raramente ho sperimentato così tanta variazione in un'agenzia. Non facciamo solo campagne digitali, social media - facciamo anche interior design, libri di design, vestiti, film... Dove altro puoi trovare tutto questo?

 

Il loro motto aziendale non ufficiale, ho appreso durante il colloquio preliminare, è "Mindset Beats Skillset".

Moser: Proprio così! È anche scritto sulle tazze che abbiamo nel cucinino. Questo viene da Markus, uno dei nostri principali dipendenti, e dà forma a Foundry - o meglio alle persone che sono a Foundry. Siamo in parti uguali guidati strategicamente e guidati creativamente, e da questo derivano i nostri principi. Per esempio, abbiamo detto lo scorso marzo 2020, quando tutto è iniziato, non importa cosa, non licenzieremo nessuno nei prossimi dodici mesi. Quando si arrivava a giugno, luglio 2020, e la situazione rimaneva così complessa, sudavo un po'. Ma ne è valsa assolutamente la pena. Perché abbiamo investito nella squadra ancora una volta, abbiamo messo il pedale al metallo negli ultimi due trimestri e abbiamo conquistato nuovi clienti. E già nel Q4 2020, siamo stati in grado di registrare la nostra più grande crescita dall'inizio dell'azienda. Per molti, questa crisi è stata anche un'opportunità; soprattutto nel settore digitale, abbiamo un numero enorme di richieste. Ecco perché abbiamo costruito una nuova unità di performance e media.

 

Il vostro modello di business è quello di aiutare le idee a prendere vita. Pensi che ci sarà un boom di start-up dopo la pandemia - e che Foundry otterrà poi clienti ancora più interessanti?

Baumann: Lei solleva un punto molto importante. Puoi pensare quello che vuoi di Corona e di tutte le misure. Ma avevano un aspetto brillante - ed era il momento di ripensare. La calma ti ha dato la possibilità di vedere il tuo punto di vista e, soprattutto, dove volevi andare. Se vi siete aggrappati ai vecchi modi di fare le cose durante la crisi, ovviamente, non avete avuto alcuna possibilità. Ma se hai usato il tempo per orientarti, per vedere quali opportunità c'erano là fuori per crescere... è stato incredibile. E - senza voler sembrare cinico - in qualche modo mi mancherà non appena sarà finita. Quello spirito pionieristico che si sente è con noi nel futuro. Guai a voi se non l'avete usato.


Su Fonderia secondo l'agenzia, sono "persone con una mentalità pratica" che "amano costruire marchi che durano". Nel fare ciò, il team intorno al fondatore Sacha Moser si affida al "potere del contenuto rilevante e differenziante, all'estetica che definisce, alle idee audaci e alle partnership innovative".

Negli ultimi anni, Foundry è cresciuta rapidamente e ora ha uffici a Berlino, Zurigo e New York City. Ma i principi di base non sono cambiati: "Guidati dalla creatività e dalla strategia, sosteniamo le aziende e le organizzazioni nello sviluppo di una visione condivisa. Questo è il modo in cui assicuriamo una crescita sostenibile e creiamo soluzioni che toccano le persone e le muovono in modo positivo", dice l'agenzia. 

(Visited 759 times, 2 visits today)

Altri articoli sull'argomento