Che cosa significa "allentare"?

Benno Maggi spiega nella sua rubrica "Cosa significa... in realtà?". spiega termini del campo del marketing e della comunicazione. Questa volta ci spiega il verbo "allentare" e ci racconta la storia del marchio che c'è dietro.

Was bedeutet eigentlichI dirigenti sono attualmente consapevoli dei cambiamenti che la pandemia e la conseguente introduzione delle norme del Ministero dell'Interno porteranno alle loro organizzazioni. In questo modo, sottovalutano che un altro elemento sta sconvolgendo le loro organizzazioni in modo molto più insidioso, perché non è imposto dal Consiglio federale ma è autodeterminato: Slack.

Probabilmente oggi non c'è agenzia o dipartimento di marketing che non utilizzi slack per tutto il suo valore. Nato come strumento di comunicazione interna per i videogiocatori, oggi non solo è il programma di chat e produttività più diffuso al mondo, ma sta anche cambiando la cultura della comunicazione delle aziende in cui viene utilizzato. E lo sta facendo in grande stile. Oggi è utilizzato da oltre il 70% di tutte le aziende "Fortune 100" e la crescita non accenna a diminuire. A maggior ragione da quando l'azienda è stata acquisita da Salesforce: Salesforce ha appena iniziato a svolgere un ruolo effettivo nel marketing.

L'inglese "to slack" o "slack" è da tempo dialettizzato nella vita di tutti i giorni e significa scambiare messaggi di testo e immagini, documenti, gif ed emoji proprio attraverso questo canale. Nella lingua d'origine, la parola viene usata in molti modi diversi: Come verbo, significa ciondolare, rallentare, indugiare, rilassarsi, rallentare. Come sostantivo, indica il tempo inattivo, fiacco, cedevole o svogliato.

Forse è per questo che Slack è più popolare tra i dipendenti che tra i capi. Mentre i secondi si lamentano del fatto che il morale, la concentrazione e la comunicazione verbale potrebbero atrofizzarsi, i primi pensano che sia fantastico il fatto che ci si possa riunire in innumerevoli canali per formare gruppi e scambiare idee, in modo che qualcosa sia sempre "in corso" perché qualcuno da qualche parte avrà sicuramente qualcosa da riferire. Una sfida che probabilmente ci impegnerà a lungo.

Quando il lavoro diventa gioco

Per capire perché tutti noi rallentiamo, dobbiamo risalire alle origini di questo fenomeno. È una storia selvaggia che inizia con uno strano videogioco fallito. Dietro Slack c'è inizialmente uno sviluppatore, Stewart Butterfield, che, insieme al suo ex capo Cal Henderson e ad altri, ha lasciato Flickr per cimentarsi nella creazione di un gioco online multigiocatore e non di combattimento chiamato Tiny Speck.

La cosa è fallita in modo grandioso. Ma l'esigenza di sviluppare uno strumento che cambiasse il modo in cui le persone lavorano in modo ludico era cresciuta. Un'aspirazione non certo modesta, che poi sono riusciti a realizzare effettivamente anni dopo. Il marchio è diventato da tempo un verbo e un nome familiare, entrambi praticamente il riconoscimento del branding. Il segreto è non prendere troppo sul serio il software e il lavoro!

Slack non è solo la startup software-as-a-service con la crescita più rapida della storia, ma ha cambiato radicalmente il modo in cui comunichiamo e lavoriamo tra di noi nel giro di cinque anni.

Non facciamo telefonate da molto tempo. Le e-mail sono così anni '00. Anche gli SMS e i DM sono 10 e non più in. Con Slack ci muoviamo in canali vivi, sempre immediatamente e contemporaneamente in canali diversi. Impariamo a comunicare in mondi e bolle parallele e ad anticipare i loro umori e le loro opinioni. Per questo motivo tutti noi, datori di lavoro o dipendenti, non dovremmo oziare o rallentare, ma piuttosto allineare la nostra organizzazione e il nostro comportamento ad essa. Altrimenti, il bullismo, le offese, i festeggiamenti e simili minacciano di prendere il sopravvento. Da un punto di vista gestionale, si tratta di una sfida completamente diversa da quella dell'ufficio domestico.


Benno Maggi è co-fondatore e CEO di Partner & Partner. Ha origliato l'industria per oltre 30 anni, scoprendo per noi parole e termini che possono essere usati per chiacchiere, pomposità, eccitazione, giocare a Scarabeo o semplicemente perché.

Altri articoli sull'argomento