"Tutti dovrebbero capire l'idea"

Un centinaio di giovani talenti hanno partecipato l'anno scorso all'ADC Young Creatives Award in squadre di due per vincere un trofeo e un posto alla Young Lions Competition. Il principale sponsor e maestro di lavoro era la Suva. Il concorso cercava idee di comunicazione per proteggere gli apprendisti dal rischio di incidenti sul lavoro. In una serie, Werbewoche presenta i quattro team vincitori che andranno a Cannes quest'anno.

Unbenannt-11d_0

Con Olivia Gnani (22 anni) e Nora Bertoli (24 anni), vincitrici della categoria stampa, la giovane Svizzera è rappresentata anche da due donne a Cannes. Abbiamo parlato con loro del potere delle buone idee e della provocazione.

Unbenannt-20_4

WW: I tuoi soggetti mostrano fatti semplici, implementati con un tocco creativo: Oggetti per il tempo libero in calchi di gesso. Come ti è venuta questa idea?
Olivia Gnani: Per prima cosa abbiamo fatto molte ricerche sul tema degli incidenti. Così siamo arrivati rapidamente al tema del tempo libero e da lì all'idea che un incidente sul lavoro fa male soprattutto lì. Se non puoi più lavorare, molte persone potrebbero non trovarlo così male. Ma non essere in grado di organizzare autonomamente il proprio tempo libero dopo un incidente è un'altra cosa. Questo è quello che volevamo dimostrare - che ti mancano le tue attività del tempo libero e i tuoi amici. Così abbiamo voluto rivolgerci direttamente ai giovani.
Nora Bertoli: All'inizio volevamo solo avvolgere barre e altri oggetti enormi nel gesso. Ma sarebbe stato troppo elaborato. Abbiamo poi pensato a quali oggetti più piccoli e distintivi avevamo bisogno affinché la gente notasse immediatamente che si trattava di incidenti industriali. Per esempio, gli utensili di sport estremamente pericolosi sono stati immediatamente omessi, perché lo spettatore li avrebbe probabilmente associati di più a un incidente sportivo. E naturalmente gli oggetti devono essere immediatamente riconoscibili. Se dovete pensare prima di tutto a cosa rappresenta l'oggetto, avete già superato il poster da un pezzo.

Unbenannt-21_3

Cosa funziona esattamente nei vostri soggetti?
Olivia Gnani: L'idea nel suo insieme è immediatamente riconoscibile. Si nota a prima vista che si tratta di svago. Il gesso fa capire che si tratta di oggetti che non si possono usare al momento. Avremmo potuto mostrare anche oggetti polverosi, ma questo non avrebbe drammatizzato la nostra affermazione in modo così netto.
Nora Bertoli: Abbiamo poi riflettuto a lungo sul fatto che i soggetti funzionino davvero così rapidamente come pensiamo. Per noi, naturalmente, le immagini sembravano facili da capire perché le avevamo affrontate. Ma non è facile mettersi nei panni di uno spettatore che vede un soggetto per la prima volta. Abbiamo anche avuto un'idea con i manifesti horror, per esempio: Per noi, questi soggetti avrebbero funzionato bene. Ma per la maggior parte degli altri, il soggetto di un film horror non avrebbe probabilmente fatto il collegamento con l'incidente industriale così rapidamente.
Olivia Gnani: Esattamente, avremmo dovuto andare oltre a livello lirico per far funzionare l'idea.

Unbenannt-22b

Cosa pensa in generale delle idee provocatorie che tendono a spaventare o addirittura a respingere?
Nora Bertoli: Penso che questi momenti di shock siano in realtà piuttosto belli, perché rimangono nella memoria più chiaramente.
Olivia Gnani: Bisogna solo assicurarsi che non siano fini a se stessi, ma che si adattino al tema e aiutino l'idea di comunicazione.
Nora Bertoli: A meno che non si punti a far percepire un'idea in modo diverso o a scatenare opinioni divergenti. Questo è precisamente il modo in cui i manifesti polarizzanti forniscono un impulso alla discussione. Inoltre, le idee più provocatorie mostrano chiaramente la tua posizione, senza paura della reazione o dell'opinione degli altri. Se posso sostenerlo, non mi importa di essere attaccato perché sostengo il prodotto o l'idea e penso che sia buono.

Cosa pensa che sia una buona idea in generale?
Olivia Gnani: È fantastico se si può usare la pubblicità per raccogliere le emozioni che la gente ha già e collegarle a un tema. Inoltre, una buona idea deve essere rapidamente comprensibile, qualcosa di nuovo che la gente non ha visto prima. Non solo le persone nel campo creativo dovrebbero capire l'idea, ma tutti.
Nora Bertoli: Penso che sia abbastanza difficile inventare qualcosa di completamente nuovo al giorno d'oggi; in qualche modo hai già visto tutto da qualche parte. Ma si può anche mettere insieme qualcosa di nuovo da alcune buone idee. È anche importante che un'idea sia implementata bene - esteticamente, cioè. In un pizzico, una buona implementazione aiuta a fare qualcosa di speciale da un'idea che non è così grande di per sé. Oppure si può implementare un'idea che è già esistita in un modo completamente nuovo. Ma in generale, mi fido del mio istinto quando si tratta di idee: se qualcosa mi coinvolge, suscita il mio interesse, mi fa ridere, di solito sei sulla strada giusta.

Intervista: Ursina Maurer
 

(Visitato 131 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento