A causa del "buddy system" ci sono poche donne nell'industria cinematografica

L'Ufficio federale della cultura (UFC) ha commissionato uno studio sul perché c'è un grande divario di genere nella cinematografia svizzera. Lo studio mostra che le donne non rientrano nel cosiddetto "sistema degli amici".

(Fonte: Bak.admin.ch)

La differenza tra gli studi e la professione è impressionante: circa lo stesso numero di donne e di uomini si diplomano in una scuola di cinema svizzera, dopo di che si apre un divario. "Le donne sono sottorappresentate nel cinema professionale", scrive l'ufficio di ricerca Interface. Nel 2020, ha condotto uno studio sull'uguaglianza dei registi in Svizzera per conto del BAK. I risultati sono stati presentati al Festival di Locarno di quest'anno.

Per esempio, i lungometraggi svizzeri finanziati pubblicamente hanno il 35% di sceneggiatori e produttori donna, solo il 29% di registi donna e un marginale 13% di direttori della fotografia donna. Un'eccezione è il montaggio e l'editing con poco più della metà delle donne.

L'effetto di generazione è presente

Tuttavia, si osserva un effetto generazionale: "Tra i registi più giovani (nati nel 1980 o più tardi), emerge un quadro più equilibrato - con l'eccezione della posizione della telecamera - con il 37 per cento di registi donne e ben il 50 per cento di produttori donne". Proporzioni crescenti di donne si registrano anche tra i membri più giovani delle associazioni professionali e tra le domande di finanziamento accettate.

Per scoprire i fattori che influenzano la disparità di condizioni, 139 laureati in cinema sono stati intervistati per iscritto e sono state condotte interviste con 16 registi e 10 esperti - per esempio di associazioni o enti finanziatori.

Sono emersi i seguenti ostacoli alla carriera delle donne cineaste: quasi nessuna condizione di lavoro favorevole alla famiglia, un "buddy system" di uomini a cui è difficile accedere e un diffuso pensiero stereotipato dei ruoli. I registi più giovani, in particolare, sono meno disposti a sottomettersi alle connotazioni maschili di maniere, gerarchie e condizioni di lavoro irregolari per avere successo.

Quali misure funzionano?

Il rapporto Schuss discute anche le misure di uguaglianza di genere che già esistono o sono raccomandate. Si va dalle campagne online ai programmi di coaching agli incentivi nei finanziamenti culturali. Nel caso dei finanziamenti federali, per esempio, i costi di cura dei bambini e dei parenti bisognosi di assistenza sono ammissibili dal 2020. Ulteriori ricerche dovrebbero mostrare quali misure aumentano effettivamente la diversità. (SDA)

(Visitato 175 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento