Il Consiglio della stampa non è responsabile dei tweet privati dei giornalisti

Il Consiglio della stampa non ha considerato la denuncia contro il tweet privato di un giornalista della BaslerZeitung (BaZ) perché non è competente a farlo.

twitter-phone

Nel giugno 2017, il capo della redazione della casa federale BaZ aveva inviato un tweet in cui sosteneva che due noti politici svizzeri avevano sostenuto un'azione a Berlino in cui erano stati urlati i sopravvissuti all'Olocausto. Le due persone interessate hanno presentato una denuncia contro BaZ al Consiglio svizzero della stampa per violazione del dovere di dire la verità. Non erano a conoscenza dell'azione, anzi, erano fermamente contrari a tali azioni. Non erano nemmeno membri del gruppo che protestava a Berlino, avevano semplicemente appoggiato un appello di quel gruppo otto anni prima che chiedeva il rispetto dei diritti umani dei palestinesi.

Di regola, Twitter non è un mezzo di comunicazione editato, come sarebbe richiesto dal regolamento interno del Consiglio della stampa per intervenire, scrive il Consiglio della stampa sul caso. Né la Basler Zeitung potrebbe essere responsabile di un testo che non è stato modificato da essa, anche se l'autore del tweet ha twittato spesso e lo ha fatto con l'identificazione come "Journalist@BaslerZeitung".

Tuttavia, il Consiglio della stampa è consapevole che la diffusione di informazioni via Twitter solleva questioni fondamentali sulla sua competenza. Vorrebbe quindi tornare su questo punto.

(Visitato 15 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento