Meno regali di Natale, ma si preferisce lo shopping online

Un sondaggio GfK commissionato da Digitec Galaxus mostra che uno svizzero su quattro vuole comprare meno regali di Natale quest'anno rispetto al 2019 a causa di Corona. Quelli che ancora comprano regali preferiscono farlo online.

chrismtas-shop

Oltre alle vacanze rimandate e alle feste di compleanno cancellate, quest'anno il Natale sarà anche diverso. Il Consiglio federale vuole vietare le feste di famiglia con più di dieci persone - e suggerisce di festeggiare nella foresta invece che in salotto.

Questa gioia smorzata sta avendo un effetto anche sul fare regali, come scrive Digitec Galaxus in un comunicato stampa: Secondo il sondaggio GfK, un abitante su quattro della Svizzera tedesca e francese vuole comprare meno regali questo Natale rispetto all'anno scorso a causa della pandemia. D'altra parte, solo il tre per cento vuole comprare più regali quest'anno. Dopo tutto, due terzi non sono influenzati dal virus quando comprano i regali.

grafik_1_dg_gfk

(Fonte: Galaxus.ch/Flourish)

In generale, però, la pandemia sta alimentando il consumo: Secondo le cifre dell'Ufficio federale di statistica, i commercianti svizzeri hanno registrato circa il cinque per cento in più di fatturato da giugno rispetto all'anno precedente. Il denaro che altrimenti sarebbe stato investito in vacanze, concerti o visite al ristorante viene investito in cose che rendono la vita privata più piacevole: un divano accogliente, una nuova console di gioco o una macchina da caffè per l'ufficio di casa, per esempio.

La conclusione, secondo Digitec Galaxus, è che non ci saranno regali per i figli dei cugini, per esempio, poiché le celebrazioni in un cerchio più grande non saranno comunque possibili. Per le persone gravemente colpite dalla pandemia, l'attenzione è comunque sul risparmio - e non su ciò che va sotto l'albero di Natale. Ciò che è possibile, tuttavia, è che gli svizzeri trovino più tempo per l'artigianato, la pasticceria o altre attività fai-da-te, e quindi comprino meno regali. Le cifre di vendita di Galaxus lo indicano: Più di cinque volte tanto gli articoli di artigianato sono già stati inviati lì quest'anno che in tutto il 2019.

 

Il boom dell'online continua

Secondo il sondaggio, una persona su sette non vuole comprare regali di Natale quest'anno, ma solo fare regali fatti in casa. Tuttavia, se si comprano regali, preferibilmente online: il 32% ha detto che comprerebbe set di Lego, giochi o profumi per i propri cari principalmente su internet. Al contrario, il 30% intende fare i propri acquisti natalizi principalmente nei negozi. Il 24% è indeciso.

grafik_2_dg_gfk

(Fonte: Galaxus.ch/Flourish)

Nelle settimane che precedono il Natale, Digitec Galaxus si aspetta almeno il 50% di ordini in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Per la volta record, il rivenditore online ha raddoppiato il personale nei magazzini rispetto alla fine del 2019.

grafik_3_dg_gfk

(Fonte: Galaxus.ch/Flourish)

Il sondaggio mostra anche quando inizia il periodo caldo per i regali di Natale: il 44% ha detto che se ne occupa a dicembre, il 7% di loro addirittura poco prima di Natale. Il 22%, invece, ha già comprato i primi regali a novembre, e il 24% prima.

 

Una persona su tre compra regali nei giorni delle occasioni

Quest'anno, i giorni di sconto Black Friday e Cyber Monday hanno battuto tutti i record, il che si riflette anche nei volumi dei pacchi della Posta (Werbewoche.ch riportato). Una ragione di ciò è probabilmente che molti svizzeri hanno approfittato dell'occasione per comprare dei regali: Un buon terzo degli intervistati ha detto che andrebbe a caccia di regali nei giorni precedenti il Black Friday. La metà degli intervistati, invece, non aveva intenzione di farlo.

grafik_4_dg-gfk

(Fonte: Galaxus.ch/Flourish)

Per il progetto commissionato da Digitec Galaxus, il Sondaggio GfK 501 persone sono state intervistate a metà novembre.

(Visitato 65 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento