Saluti dall'home office - Episodio 38: Matthias Kiess, TBWA\Zurich

Anche il capo di TBWA Matthias Kiess lavora tra le sue quattro mura grazie a Corona. Nell'episodio 38 di "Greetings from the Home Office" descrive le sue esperienze due settimane prima del suo ritorno previsto.

Grüsse aus dem Homeoffice

Matthias Kiess è in TBWA Switzerland dalla fine del 2004 e dal 2012 è responsabile della direzione. In precedenza, ha ricoperto varie posizioni di marketing nell'industria dei beni di consumo e farmaceutica.

 

 

Werbewoche.ch: Il tempo dell'home office sta finendo in molti posti - quando tornerai in agenzia?

Matthias Kiess: Miriamo a un ritorno graduale alla carica, che dovrebbe essere annunciato il 25 maggio 2020.

 

Tutta la sua agenzia si trova in un home office?

Più o meno. Ci sono alcuni che vorrebbero rinunciare all'ufficio in casa e assaporare di nuovo l'aria dell'agenzia, ed è per questo che continuano a tornare in ufficio. La famosa seconda casa.

 

Hai incontrato qualche problema tecnico durante l'impostazione della tua stazione di lavoro all'epoca?

No, in realtà è andato tutto liscio. L'infrastruttura era sul posto e il software necessario era già disponibile e doveva solo essere attivato.

 

Dove ti sei stabilito?

Da un lato nella "dipendenza" mia e di mia moglie (vedi foto sopra), dall'altro in caso di conflitti di bisogni distribuiti su tutta la casa. Terrazza inclusa in caso di bel tempo.

Grüsse aus dem Homeoffice

Di cosa hai bisogno per poter fare il tuo lavoro?

Mobile, WLAN, MacBook e silenzio.

 

Hai dovuto "aggiornare" o prendere del materiale dall'agenzia durante il periodo dell'home office?

Una tastiera decente, un mouse decente e un secondo schermo hanno reso la mia vita lavorativa un po' più facile.

 

È difficile separarsi abbastanza quando i bambini sono a casa?

Grazie al fatto che la nostra "Dependance" è su un piano separato, la demarcazione è molto più facile. Ma non impedisce i piccoli momenti in cui la porta si apre poco prima di mezzogiorno e il più giovane chiede: "Cosa c'è per pranzo? Sei molto rapidamente riportato alla realtà familiare e sai cosa fare.

 

Ha già avuto esperienze di lavoro a domicilio o è la prima volta?

Beh, l'esperienza dell'home office è stata finora molto sporadica e questa compulsione per il cambiamento improvviso è stata poi molto illuminante.

 

Quali processi sono difficili rispetto alla normale vita quotidiana di un'agenzia quando bisogna farli "a distanza"?

Molte decisioni sono raggiunte attraverso conversazioni dettagliate, e non è sempre facile condurle tramite schermi. Se sono richieste conversazioni più delicate, come nel settore delle risorse umane, la comunicazione screen-to-screen può sembrare molto distante e impersonale. I processi Pitch, d'altra parte, funzionano anche a distanza, anche se lo scambio è diverso.

 

Quali lavori vanno bene?

La gestione del progetto e la comunicazione possono essere fatte facilmente a distanza con gli strumenti appropriati. Non appena si arriva alla concezione e il coordinamento nelle squadre è necessario, la sfida diventa più grande, ma finora ha sempre funzionato senza problemi. Inoltre, con il tempo si sviluppa una familiarità nella cooperazione, che rende superflue molte formalità.

 

C'è qualcosa che funziona più facilmente o più produttivamente nell'ufficio a casa?

Certo, la distrazione è minore e non appena si trattano argomenti come le questioni future, l'organizzazione dell'agenzia, i concetti strategici o i calcoli nella privacy della propria stanza, l'isolamento è certamente efficiente.

 

Cosa fanno per il soffitto che ti cade in testa a casa?

Vai in bicicletta in ufficio ogni tanto. Non c'è quasi nessuno e sei automaticamente in modalità lavoro e hai quasi più pace e tranquillità che a casa. Per me è anche importante essere fisicamente attivo, cosa che faccio con frequenti deviazioni all'Horgenerberg.

Grüsse aus dem Homeoffice

Ha imparato o perfezionato qualcosa durante questo periodo?

Penso che siamo stati fortunati con il bel tempo. Così ho potuto acquisire nuove competenze nello stand-up paddling e ora trasformare il nostro giardino in un bijoux dopo una ristrutturazione con postumi disastrosi. Il che è stato estenuante, ma allo stesso tempo un'attività molto soddisfacente. In generale, si nota che grazie al maggior tempo a disposizione, la quantità di attività fisica è aumentata in modo massiccio, il che è molto liberatorio.

Grüsse aus dem Homeoffice

Ti è già capitato qualcosa come il nervosismo da ufficio in casa?

Credo piuttosto di avere un caso Corona e non un caso home office. Quello che sta succedendo qui mi fa pensare molto e solleva domande sulla proporzionalità.

IMG_6256

Cosa le manca di più della vita fisica quotidiana di un'agenzia?

Si avverte un grande ritiro, che si manifesta in uno stato d'animo di base di scetticismo, paura e avversione al rischio. L'intuitivamente umano, che si manifesta, per esempio, negli incontri, nello scambio o nel desiderio di cambiamento, viene represso e porta a uno stato insoddisfacente.

 

Cosa ti manca in generale della normale vita quotidiana?

L'atteggiamento spensierato. Ora tutto viene messo in discussione e soppesato.

 

Guardando indietro, cosa le mancherà di più della situazione attuale?

Questa forma aperta di lavoro dall'ufficio e dall'home office crea una maggiore libertà che puoi usare a beneficio di te stesso e della tua famiglia, il che corrisponde sicuramente a un aumento della qualità della vita.

 

Siete sicuri che la vostra agenzia sopravviverà alla crisi?

Sì, sono io. Siamo ben posizionati, abbiamo una squadra forte e un portafoglio di grandi clienti con cui continueremo a lanciare idee di successo in futuro.

 

Come tutti sappiamo, ogni cosa ha i suoi lati positivi. Cosa c'è nella tua attuale situazione di home office?

Come già detto sopra: la libertà appena conquistata.

 

In che misura la vostra agenzia trarrà beneficio dalla crisi o dalle lezioni apprese?

Bisogna sempre avvicinarsi alle cose nuove con fiducia. I cambiamenti vengono digeriti più velocemente di quanto si possa pensare. Solo chi è costantemente in movimento può andare avanti. Quindi usiamo la situazione per interrogarci ancora una volta su cosa possiamo fare ancora meglio.

 

Quando e perché ha riso per l'ultima volta in relazione all'home office?

Im digitalen Montagsmeeting, 9 Uhr auf Hangout. Denn dann lacht man am meisten ab dem eigenen Unvermögen, wenn die Technologie wieder einmal Herr der Lage ist und du dich selber verzweifelt fragst: Habe ich schon wieder was falsch gemacht?!? Und dabei die ganze Agentur online Zeuge ist.

 

Cosa vorresti dare ai tuoi colleghi del settore da portare con sé nel loro cammino attraverso la crisi?

Rimanete coraggiosi.

IMG_6224

Il coronavirus ha una forte presa sulla società. Quelli che possono stare a casa, stanno a casa. Anche l'industria della pubblicità, della comunicazione e del marketing sta spostando su larga scala le operazioni verso l'home office. Con la serie "Saluti dall'ufficio di casa" Werbewoche.ch fa luce sulla vita lavorativa quotidiana tra le quattro mura di casa propria.

Tutti gli episodi in un colpo d'occhio:

(Visitato 113 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento