Saluti dall'home office - Episodio 37: Benjamin Moser, MediaCom Svizzera

Benjamin Moser è CEO di MediaCom Svizzera. E il 37° rappresentante del settore a presentare il proprio ufficio per la serie "Greetings from the Home Office".

MediaCom

Benjamin Moser ha lavorato per MediaCom Switzerland per sette anni ricoprendo diverse posizioni e recentemente ha assunto il ruolo di CEO. Ha iniziato la sua carriera presso Mindshare e Carat in Germania.

 

Werbewoche: Il tempo dell'home office sta finendo in molti posti: quando tornerete in agenzia?

Benjamin Moser: Abbiamo creato un concetto che consente ai dipendenti di rientrare dall'11 maggio. Sono i dipendenti stessi a decidere quando e quanto spesso vogliono lavorare dall'agenzia.

 

Tutta la sua agenzia si trova in un home office?

Per la maggior parte, siamo in un ufficio a casa. Occasionalmente, i colleghi si recano sul posto quando ci sono compiti che non possono essere svolti dall'ufficio di casa o quando il soffitto di casa minaccia di cadere sulle nostre teste.

 

Hai incontrato qualche problema tecnico durante l'impostazione della tua stazione di lavoro all'epoca?

No, o almeno nessun problema di cui MediaCom sia responsabile. Solo che i miei due ragazzi a volte mi rubano la larghezza di banda sulla W-LAN, facendo andare a scatti le chiamate di squadra.

 

Dove ti sei stabilito?

Ho la fortuna di avere una stanza tutta mia, dove posso lavorare indisturbata e dove c'è tutto quello che mi serve. L'unica cosa che mancava era una buona sedia da ufficio, che ho ricevuto dall'agenzia dopo i primi giorni nell'ufficio di casa.

 

Di cosa hai bisogno per poter fare il tuo lavoro?

La cosa più importante è avere abbastanza tempo per parlare con i nostri clienti e colleghi. Un po' di tempo libero nell'agenda aiuta molto, perché spesso le conversazioni senza un motivo specifico sono le più preziose.

MediaCom

Hai dovuto "aggiornare" o prendere del materiale dall'agenzia durante il periodo dell'home office?

Ho ordinato online un'altra tastiera molto più facile da usare, dato che in precedenza avevo scelto il mio hardware più per il design che per la funzionalità.

 

È difficile separarsi abbastanza quando i bambini sono a casa?

Dato che ho la mia stanza e che mia moglie tiene sotto controllo i due bulli durante il giorno, non è un problema per me prendere le distanze. Ciononostante, i due si intrufolano regolarmente nelle mie videochiamate, cosa che al momento fa quasi parte delle buone maniere e che nessuno mi ha ancora rinfacciato. Tuttavia, so da molte persone dell'agenzia che può essere molto impegnativo rendere giustizia al proprio lavoro e ai propri figli allo stesso tempo.

 

Ha già avuto esperienze di lavoro a domicilio o è la prima volta?

Finora, raramente c'era un motivo per avere un ufficio in casa, al massimo per le emergenze o quando doveva passare un artigiano. Non ne sono mai stato un grande fan, ma ora ne vedo i vantaggi.

 

Quali lavori vanno bene?

Tutto ciò che riguarda i fatti e i fatti funziona abbastanza bene. Direi addirittura che molti compiti possono essere svolti in modo un po' più efficiente. La concentrazione è meno disturbata o è molto più facile decidere di non essere disturbati per il momento rispetto a quando si è seduti in ufficio.

 

Quali processi sono difficili rispetto alla normale vita quotidiana di un'agenzia quando bisogna farli "a distanza"?

Wir sind eine Agentur. Da ist ein ganz zentraler Bestandteil das Zwischenmenschliche und der persönliche Austausch, abseits der ganzen To Do`s. Ich tue mich zum Beispiel schwer bei unseren virtuellen Townhall-Meetings. Die Reaktionen der Kollegen sind da nicht direkt zu beobachten auf das was man sagt und präsentiert, weshalb auch die Stimmung schwerer einzuschätzen ist. Ich nehme mir deshalb zusätzlich die Zeit jeden Tag mit mindestens zwei Mitarbeitern zu telefonieren, mit denen ich sonst nicht jeden Tag direkt zusammenarbeite.  Es interessiert mich sehr wie es meinen Mitarbeitern geht und wie ich sie in dieser schwierigen Situation unterstützen kann.

 

C'è qualcosa che funziona più facilmente o più produttivamente nell'ufficio a casa?

Le persone sono più accessibili, le riunioni iniziano sempre in orario e sento che sto andando avanti più velocemente con molti argomenti.

 

Cosa fanno per il soffitto che ti cade in testa a casa?

Quando ho bisogno di distrarmi, vado nella mia sala giochi e cerco di migliorare i miei punteggi più alti. È un ottimo modo per staccare la spina e ricaricare le batterie.

 

Ha imparato o perfezionato qualcosa durante questo periodo?

Sì, le mie tecniche di "live catch" e "shatzing" quando gioco a flipper stanno migliorando sempre di più.

MediaCom

Ti è già capitato qualcosa come il nervosismo da ufficio in casa?

Sì, sempre di più. Sicuramente integrerò alcuni spunti positivi dell'esperienza dell'home office nella mia routine lavorativa quotidiana, ma sono anche molto felice di rivedere la mia famiglia MediaCom. Non vedo nemmeno l'ora di tornare ad affrontare l'ingorgo quotidiano.

 

Cosa le manca di più della vita fisica quotidiana di un'agenzia?

Può sembrare strano, ma mi mancano i viaggi in macchina per andare e tornare dall'agenzia. Per me questi sono sempre i momenti per prepararmi alla giornata al mattino e per ricapitolare e concludere la giornata alla sera. Il viaggio dal tavolo da pranzo all'ufficio di casa avviene in cinque secondi. Non c'è tempo per questi rituali e quindi i confini tra lavoro e tempo libero sono spesso confusi.

 

Cosa ti manca in generale della normale vita quotidiana?

Soprattutto, mi manca la libertà di viaggiare. Per esempio, vorrei tornare a visitare la mia famiglia in Germania.

 

Guardando indietro, cosa le mancherà di più della situazione attuale?

Mi mancherà poter vedere i miei ragazzi ogni giorno, senza eccezioni, e poter giocare con loro a calcio in giardino per mezz'ora fuori orario.

MediaCom

Siete sicuri che la vostra agenzia sopravviverà alla crisi?

Non ho alcun dubbio al riguardo. Con i nostri clienti abbiamo rapporti di collaborazione intensi e di lunga data. La situazione attuale ci porta addirittura ad avvicinarci ancora di più e ad apprezzare maggiormente la rapidità e la flessibilità con cui abbiamo reagito ai cambiamenti e sviluppato nuovi approcci alle soluzioni.

 

Come tutti sappiamo, ogni cosa ha i suoi lati positivi. Cosa c'è nella tua attuale situazione di home office?

Avevamo già un forte senso di coesione nell'agenzia prima di Corona. Ma questo è diventato ancora più forte negli ultimi mesi e tutti i colleghi si incontrano con un'incredibile comprensione e disponibilità ad aiutare. Questo è per me molto importante e mi rende ancora più consapevole del motivo per cui faccio parte di questa agenzia.

 

In che misura la vostra agenzia trarrà beneficio dalla crisi o dalle lezioni apprese?

Ci vediamo pienamente confermati nella nostra decisione di affidarci a metodi di lavoro agili, che abbiamo già implementato due anni fa. Questa agilità appresa ha reso il nostro lavoro molto più semplice, soprattutto nella situazione attuale, e ci ha permesso di concentrarci completamente sui nostri clienti invece di dover affrontare noi stessi le nuove circostanze.

 

Quando e perché ha riso per l'ultima volta in relazione all'home office?

Questo è stato sicuramente il nostro ultimo incontro virtuale in municipio e ho riso di gioia. I nostri dipendenti ci hanno mostrato un video di ringraziamento autoprodotto per come gestiamo questi momenti difficili. Questo gesto mi ha reso molto felice e mi ha lasciato un po' senza parole.

 

Cosa vorresti dare ai tuoi colleghi del settore da portare con sé nel loro cammino attraverso la crisi?

Agenzie forti e affidabili al fianco dei loro clienti sono diventate ancora più importanti a seguito di questa crisi. Le agenzie che riescono ad adattarsi alle mutevoli esigenze dei loro clienti non devono temere per il futuro.

Il coronavirus ha una forte presa sulla società. Quelli che possono stare a casa, stanno a casa. Anche l'industria della pubblicità, della comunicazione e del marketing sta spostando su larga scala le operazioni verso l'home office. Con la serie "Greetings from the home office", Werbewoche.ch fa luce sulla vita lavorativa quotidiana tra le quattro mura di casa.

Tutti gli episodi in un colpo d'occhio:

(Visitato 109 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento