"Le attività di pubblicitario e di musicista si fecondano a vicenda".

Il neo-pubblicitario Grégoire Vuilleumier, noto come musicista Greis, parla della campagna "Shoe Creator" di Public Eye e del suo nuovo ruolo di copywriter presso Freundliche Grüsse in un'intervista a Werbewoche.

gregoire-vuilleumier-2-freundliche-gruesse

Advertising Week: Grégoire Vuilleumier, è un fanatico delle sneaker?

Grégoire Vuilleumier: Assolutamente, sicuramente.

Dal punto di vista del consumatore: come sarebbe l'attuale Campagna Public Eye Cambiare il proprio comportamento, o come si cambia?

Quando ho scoperto, grazie a Public Eye, che le condizioni di produzione delle scarpe sono almeno altrettanto gravi di quelle dell'industria tessile, ho suscitato il mio interesse. È interessante notare che il mio consumo di scarpe, che è molto elevato, è diminuito da quando è in corso la campagna. E che sto anche prestando più attenzione alle coppie più vecchie che prima avrei "abbattuto": ora cerco di mantenerle e di rinnovarle delicatamente.

TSC_Street_1

Prima non era interessato all'argomento?

Ho già affrontato il tema della sostenibilità nell'industria tessile perché il problema viene spesso sollevato in pubblico. Anche perché è una USP di alcuni marchi combinare le esigenze della moda con la sostenibilità. Questo valore aggiunto corrisponde a una domanda ovviamente esistente. Tuttavia, non mi sono mai chiesto quale sia la situazione delle scarpe.

Perché no?

Forse questo ha a che fare con il fatto che le scarpe sono fatte di molti componenti diversi: Pelle, gomma, ecc. Più la catena di approvvigionamento è complicata, più è difficile rintracciare gli abusi associati.

Ma pensi che il fanatico medio delle sneaker seguirà il tuo buon esempio?

Fortunatamente, non partiamo da zero. Se la sostenibilità e le condizioni di lavoro eque nei vestiti non fossero già un problema e dovessimo prima sfondare quella porta, allora sarebbe molto più difficile. Ma esiste un'intersezione di giovani estremamente interessati alla moda, ma anche alla sostenibilità. Sono già stati fatti molti passi avanti. Ecco perché questo è il nostro gruppo target principale. Si tratta di dimostrare che moda e sostenibilità non sono in contraddizione. Per affrontarli, abbiamo creato un mondo che non solo mostra i problemi e le possibili soluzioni, ma si presenta anche con un design che riprende il vocabolario della moda.

Questo approccio funziona?

Sicuramente. Un esempio: Colleziono e vendo anche occhiali da sole vintage. In concomitanza con il lancio della campagna, mi è stato chiesto dalla fiera dei formatori di Zurigo "Sneakerness" se volevo allestire uno stand di occhiali. Ho immediatamente implementato il marchio "The Shoe Creator". È stato interessante notare come molte persone presenti conoscessero già la campagna e come il feedback sia stato positivo. Lo stesso "Sneakerness" è interessato a fare qualcosa su questo tema l'anno prossimo, perché l'aspetto della sostenibilità manca ancora nel loro concetto generale.

Il passo successivo sarà quello di far produrre la "scarpa vincente" in modo equo. Quali sono le vostre aspettative?

Il completamento della campagna per la produzione della scarpa sarà una sfida estremamente emozionante sia per l'agenzia che per Public Eye. Non possiamo ancora rivelare troppo. Ma il punto è questo: Non sono solo. Public Eye, creazione e consulenza vanno di pari passo. In questo modo si va molto più lontano che se si produce qualcosa da soli e non si fa ping pong con gli altri. Questo è il punto che apprezzo del mio lavoro alla Freundliche Grüsse rispetto al mio lavoro di musicista, dove sono l'unico produttore esecutivo e devo risolvere ogni problema da solo.

L'idea di squadra sembra avere un ruolo centrale per lei nel suo nuovo lavoro.

Esattamente, per me che sono un musicista che ora lavora in un'agenzia, la riflessione più interessante: il sollievo fornito dalla consulenza lascia molto spazio alla creatività. Come musicista, ho sempre detto: posso avere un talento per la musica, ma nella produzione di un album il processo creativo rappresenta al massimo il 15%. Il resto è lavoro amministrativo.

È stato anche questo il motivo che l'ha spinta a entrare nel settore della pubblicità?

È stato un desiderio che ho provato ancora e ancora. Sia quando ho fatto qualcosa con M&C Saatchi a Ginevra. O quando ho conosciuto Christian Haueter (consulente della Freundliche Grüsse, ndr) e Samuel Textor (socio della Freundliche Grüsse, ndr), con i quali ho studiato e sono da allora molto amici. Ogni volta che li vedevo e me lo dicevano, dicevo: "Vorrei farlo anch'io". A un certo punto è diventata una realtà. Ma sicuramente avevo anche il desiderio di lavorare in un team in cui diversi cervelli risolvono un problema insieme. Le mie aspettative in questo senso sono state completamente soddisfatte.

Sembra tutto perfetto: ha qualche motivazione per continuare la sua carriera musicale con lo stesso impegno?

Assolutamente sì. Le attività si incrociano a vicenda. Sono qui solo da ottobre, ma ho già imparato molto sulla sistematizzazione dei processi creativi. Cerco di lasciare che questo fluisca nella composizione delle canzoni. Sono stato in studio per un mese e ho cercato di pensare fino al destinatario.

Non l'hai già fatto prima?

Ci sono molte canzoni che ho scritto qualche anno fa e che oggi non capisco. Perché in quel momento ero estremamente innamorato della complessità del pensiero che avevo appena avuto. Ma la semplificazione come forma d'arte mi ha sempre interessato. E qui posso impararlo e praticarlo.

Quindi possiamo aspettarci questa semplificazione e riduzione da Greis anche musicalmente in futuro?

Ci proverò. Ma questo non è un problema solo da Friendly Greetings. Sono circa cinque anni che cerco di farlo. Ma qui trovo gli strumenti necessari molto meglio di quanto non facessi prima, quando cercavo di capirci qualcosa da solo. E questo ha a che fare soprattutto con qualcosa: Con vanità. Il motivo per cui non ho semplificato di più prima è che ero innamorato della clausola subordinata e dell'immagine. Qui si impara a macellare i tesori con un machete. Ridurre costantemente. Ne traggo molti vantaggi.

Come persona politica, anche lei ha delle preoccupazioni in questo settore - se dovesse promuovere un prodotto o una causa che contraddice il suo atteggiamento?

Avevo queste preoccupazioni, ed è per questo che ne ho parlato prima con persone del settore. L'abitudine era quella di poter abbandonare qualsiasi cliente se non si era in grado di rappresentare qualcosa. Ma non credo che questo accadrà presto con Freundliche Grüsse, perché mi identifico al 100% con l'agenzia in termini di atteggiamento. Ma: per me, tra l'altro, lavorare per Public Eye è molto più difficile che con un altro cliente.

Perché?

Perché c'è il mio cuore. Negli ultimi 15 anni ho lavorato molto con Public Eye in privato. Poiché si tratta di qualcosa di personale, lo porto con me molto più spesso nel tempo libero. Penso che meno si è legati a un lavoro, più si è liberi di affrontarlo.

Intervista e foto: Thomas Häusermann

Altri articoli sull'argomento