Classifica della libertà di stampa: la Svizzera rimane nel gruppo dei migliori

Nonostante abbia perso di nuovo due posti, la Svizzera rimane nel gruppo superiore della classifica della libertà di stampa del 2021. La Nuova Zelanda e il Portogallo hanno superato la Svizzera perché i loro punteggi sono leggermente migliorati. RSF Svizzera è comunque preoccupata.

Nella classifica pubblicata martedì da Reporter senza frontiere (RSF), il risultato della Svizzera è rimasto stabile. Come l'anno precedente, ha perso due posti e ora è al 10° posto.

Rimane quindi nella zona "bianca" della classifica mondiale. Questo include i paesi in cui la libertà d'informazione è meglio protetta in un confronto internazionale, secondo i documenti dei media.

Tuttavia, secondo RSF Svizzera, questo buon risultato potrebbe essere messo in discussione in futuro. La classifica non riflette il recente forte aumento di attacchi verbali e talvolta fisici contro i professionisti dei media e i media in Svizzera.

"Ostilità crescente"

La sezione svizzera ha espresso la sua "estrema preoccupazione per la crescente ostilità" nei confronti dei media. Questo era diventato particolarmente acuto durante la pandemia di Corona. RSF Svizzera si aspetta che tutti rispettino il lavoro dei giornalisti, ha dichiarato il segretario generale di RSF Svizzera Denis Masmejan nel comunicato stampa.

Il giornalismo è il "vaccino più importante contro la disinformazione", scrive RSF. Tuttavia, nel 73% dei 180 paesi valutati, questo è bloccato in tutto o in parte. In questi paesi, l'ambiente per la libertà di stampa è molto scarso, povero o almeno problematico.

Mai dall'inizio delle statistiche continue c'erano stati così pochi paesi in cui RSF valutava la situazione della libertà di stampa come "buona". Il loro numero è sceso da 13 a 12; in coda, con piccoli spostamenti, ci sono la Cina, l'ex repubblica sovietica del Turkmenistan in Asia centrale, la Corea del Nord e il paese africano dell'Eritrea.

La pandemia consolida la repressione

Secondo RSF, la pandemia ha rafforzato e consolidato le tendenze repressive in tutto il mondo: "In paesi diversi come Cina, Venezuela, Serbia e Kosovo, i professionisti dei media sono stati arrestati per la loro copertura di Corona", conclude l'indagine globale. In Cina, più di 100 professionisti dei media sono in prigione, più che in qualsiasi altro paese del mondo.

I paesi nordici Norvegia, Finlandia, Svezia e Danimarca continuano a guidare la classifica della libertà di stampa. Sono seguiti da Costa Rica, Paesi Bassi, Giamaica, Nuova Zelanda, Portogallo e Svizzera. Il Liechtenstein è al 23° posto.

La Germania è stata eliminata dal gruppo di testa, scendendo di due posti al 13°. "La ragione principale di questo rating è che la violenza contro i professionisti dei media in Germania ha raggiunto una dimensione senza precedenti nel 2020", ha detto l'organizzazione, spiegando il downgrade. La maggior parte delle aggressioni fisiche e verbali si sono verificate durante o ai margini delle manifestazioni contro le misure di Corona, secondo l'organizzazione dei giornalisti. (SDA)

(Visitato 230 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento