Richieste misure urgenti di promozione per i media

Diverse organizzazioni di media e giornalisti hanno proposto al Consiglio Nazionale e al Consiglio degli Stati misure di emergenza per contrastare l'assottigliamento dell'informazione giornalistica dovuto alla situazione finanziaria dei media nella crisi di Corona.

Medien

Le proposte sono state presentate alle commissioni nazionali e del Consiglio degli Stati per i trasporti e le telecomunicazioni (KVF), come annunciato da Impressum, Syndicom e SSM giovedì. Le proposte alle commissioni consistono in un pacchetto: durante la crisi, giornali e riviste saranno consegnati gratuitamente dalle poste. Inoltre, gli abbonamenti dei mezzi d'informazione all'agenzia di notizie Keystone-SDA dovrebbero essere finanziati dalla Confederazione.

Un fondo di 100 milioni di franchi è anche destinato ad aiutare i media ad uscire dalle difficoltà finanziarie e a finanziare la ricerca giornalistica. E la riserva per le deviazioni di pianificazione del prelievo radiotelevisivo, iscritta a bilancio a 34,2 milioni di franchi per il 2020, è destinata soprattutto a sostenere le stazioni radiofoniche e televisive private autorizzate e la produzione audiovisiva nella loro situazione particolarmente difficile.

Praticamente tutti i media editoriali riportano una domanda senza precedenti di informazioni editoriali, continua il rapporto. Questo si riflette nelle cifre record dei clic, ma anche negli abbonamenti online e nelle vendite in edicola dei giornali e persino nelle donazioni dirette alle redazioni. Tuttavia, la crisi di Corona ha portato a un calo estremo del fatturato sul mercato pubblicitario, e molti media sono quindi sull'orlo del fallimento.

Le organizzazioni sottoscritte considerano un importante interesse pubblico che l'informazione giornalistica sia mantenuta per la popolazione, tanto più in questa situazione straordinaria.

Le seguenti organizzazioni professionali hanno presentato le proposte: Syndicom, Impressum, Investigativ.ch, Media Forti, Medien mit Zukunft, Medien für alle, Association romande des producteurs audiovisuels e Schweizerisches Syndikat Medienschaffender SSM. (SDA)

Altri articoli sull'argomento