Che cosa significa "Lakehouse"?

Benno Maggi spiega nella sua rubrica "Cosa significa... in realtà?". termini del campo del marketing e della comunicazione. Questa volta ci spiega il termine "Lakehouse".

Was bedeutet eigentlichOra che tutti stanno lentamente rientrando al lavoro dopo quelle che sembrano interminabili vacanze estive, sarebbe facile cedere alla tentazione di liquidare la nuova parola d'ordine "casa sul lago" come un ricordo o una narrazione delle vacanze, ma attenzione, non è così.

Anche se le vacanze estive nel mondo delle agenzie e del marketing svizzero stanno lentamente assumendo dimensioni francesi, come descritto in modo così bello e sarcastico dallo scrittore Frédéric Beigbeder nel suo romanzo del 2001 "99 franc" (lettura obbligatoria per i giovani pubblicitari) e nel frattempo durano dall'inizio di luglio all'inizio di settembre: non si può prenotare una casa sul lago su Airbnb, ma piuttosto (si spera) cambierà radicalmente il marketing nei prossimi anni.

Se il marketing si alleasse finalmente con la tecnologia

Un data lakehouse è un'architettura di gestione dei dati che combina i vantaggi di un data warehouse tradizionale e di un data lake. I data warehouse sono stati sviluppati già negli anni '80 come livelli di archiviazione ad alte prestazioni che supportavano la cosiddetta business intelligence (BI) e le analisi indipendenti da un database di transazioni operative. I Data Lake sono entrati in voga negli anni '0 perché rappresentavano un livello di archiviazione economico per i dati non strutturati e semi-strutturati.

Un data lakehouse offre oggi un aiuto grazie al facile accesso e al supporto per le analisi di business che si trovano nei data warehouse, con la flessibilità e il costo relativamente basso di un data lake. Tutto chiaro?

In caso contrario, fanno parte della maggioranza dei marketer svizzeri. Ed è proprio questo il problema per cui la Svizzera è ancora un Paese in via di sviluppo in termini di tecnologie di marketing (martech). È un peccato, perché l'uso corretto del martech non solo offre infinite possibilità di essere creativi, ma converte anche questa creatività in risultati rilevanti per il cliente.

Il nostro settore farebbe quindi bene se l'anno prossimo gli strateghi delle agenzie, i CMO e i CIO tagliassero un po' le loro vacanze estive e pensassero invece a una data lakehouse insieme. Questo aiuterebbe finalmente a comprendere le soluzioni tecnologiche esistenti, che aiuterebbero a utilizzare la moltitudine di possibilità per scopi di marketing: dalle piattaforme per la gestione degli asset digitali e l'automazione del marketing ai chatbot e agli strumenti di monitoraggio per i social media. La gestione di sistemi separati, come purtroppo avviene ancora in molte aziende, comporta non solo costi di investimento, ma anche costi di gestione spaventosi per entrambe le parti, per non parlare dell'amministrazione di due sistemi. E nessuno può più permetterselo. Una casa sul lago, invece, può farlo.


Benno Maggi è co-fondatore e CEO di Partner & Partner. Ha origliato l'industria per oltre 30 anni, scoprendo per noi parole e termini che possono essere usati per chiacchiere, pomposità, eccitazione, giocare a Scarabeo o semplicemente perché.

(Visitato 496 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento