Lia Rumantscha chiede maggiore visibilità per il romancio

25 anni fa, l'elettorato svizzero ha riconosciuto il romancio come lingua ufficiale parziale della Confederazione. Nonostante i molti progressi nella promozione della quarta lingua nazionale da allora, l'attuazione della comunicazione multilingue da parte della Confederazione è spesso carente. La Lia Rumantscha chiede quindi un uso più coerente del romancio nel contatto con la popolazione romancia.

La Lia Rumantscha, l'organizzazione mantello per la promozione della lingua e della cultura romancia, ritiene che lo statuto di lingua ufficiale parziale sia importante per la conservazione del romancio. Dalla votazione dell'articolo sulla lingua nel 1996, si è fatto molto per promuovere il romancio, cosa che la Lia Rumantscha riconosce con gratitudine. Per esempio, la Confederazione traduce in romancio documenti di particolare importanza, come le dichiarazioni di voto. Se un cittadino si rivolge all'amministrazione federale in romancio, l'amministrazione risponde in romancio.

Più visibilità

Tuttavia, la Lia Rumantscha vede una necessità di azione nell'implementazione della comunicazione multilingue da parte della Confederazione. In occasione del 25° anniversario dell'introduzione del romancio come lingua ufficiale parziale della Confederazione, chiede un uso più coerente del romancio come lingua ufficiale a livello federale: il Parlamento, l'amministrazione federale e le imprese vicine alla Confederazione devono utilizzare maggiormente il romancio nella loro comunicazione e nei contatti con la popolazione romancia.

In particolare, la Lia Rumantscha chiede che il romancio sia usato in tutta la Svizzera per tutti i tipi di segnaletica. Questo vale ovunque si parli delle altre tre lingue ufficiali della Svizzera. Nell'area di lingua romancia, il romancio deve essere usato anche come priorità per l'informazione alla popolazione, e questo su tutti i canali di comunicazione.

"Se il romancio non viene usato nel contesto nazionale, sarà sempre più dimenticato", dice Andreas Gabriel, segretario generale ad interim della Lia Rumantscha, spiegando la richiesta. Oltre all'uso coerente del romancio, la Lia Rumantscha vorrebbe che l'amministrazione federale e le imprese collegate alla Confederazione prestassero attenzione alla corretta terminologia in relazione alle lingue nazionali o ufficiali. "La Svizzera è quadrilingue o multilingue, ma non trilingue", dice Andreas Gabriel, riassumendo la preoccupazione.

Per illustrare come potrebbe essere semplice dare al romancio una maggiore presenza, la Lia Rumantscha ha recentemente pubblicato un breve film d'animazione sulle reti sociali. Con una strizzatina d'occhio, la clip sottolinea una clamorosa omissione nell'uso del romancio.

Sostegno in Parlamento

Il consigliere nazionale Martin Candinas, Die Mitte - CVP Graubünden, sostiene le richieste dell'organizzazione linguistica romancia: "Una piccola lingua come il romancio ha bisogno di essere presente in tutta la Svizzera". La Confederazione è obbligata a farlo, aggiunge.

Confederazione sensibilizzata

Il 10 marzo, esattamente 25 anni dopo la votazione del 1996, l'Amministrazione federale, e in particolare il delegato federale al plurilinguismo, in collaborazione con la Lia Rumantscha una campagnafar conoscere la lingua e la cultura romancia agli impiegati dell'amministrazione federale.

(Visitato 168 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento