La Commissione UE avvia un'indagine contro Facebook

La Commissione UE sta avviando un'indagine formale contro Facebook per sospetta violazione della concorrenza nel servizio di annunci "Facebook Marketplace". Questo è stato annunciato dal commissario europeo per la concorrenza Margrethe Vestager a Bruxelles venerdì.

Attraverso il Marketplace, gli utenti del social network possono comprare e vendere privatamente beni gli uni dagli altri. Secondo la Commissione UE, vuole chiarire se Facebook sta sfruttando la sua posizione in altri mercati per questo servizio in modo anticoncorrenziale. Se le aziende concorrenti pubblicizzassero i loro servizi su Facebook, Facebook potrebbe entrare in possesso di dati commercialmente preziosi e poi usarli contro i concorrenti, secondo il sospetto.

Facebook ritiene che il caso sia infondato. "Continueremo a cooperare pienamente con l'indagine per dimostrare che è infondata", ha detto l'azienda statunitense. Commentando le accuse, ha detto solo: "Continuiamo a sviluppare nuovi e migliori servizi per soddisfare la domanda in evoluzione delle persone che usano Facebook. Marketplace e Dating offrono alle persone più scelta, ed entrambi i prodotti operano in un ambiente molto competitivo con molti grandi attori".

La Commissione UE vede comunque motivo di un'indagine intensiva. "Dopo la conclusione della sua indagine preliminare, la Commissione non può escludere la possibilità che Facebook distorca la concorrenza nel campo dei servizi di pubblicità classificata online", ha detto l'autorità di Bruxelles. Per esempio, Facebook potrebbe ricavare informazioni accurate sulle preferenze degli utenti dalle attività pubblicitarie dei suoi concorrenti. Queste informazioni potrebbero poi essere utilizzate per ottimizzare Facebook Marketplace.

Enormi quantità di dati raccolti

"Facebook è usato da quasi tre miliardi di persone ogni mese e ha un totale di quasi sette milioni di inserzionisti", ha detto Verstager. "L'azienda raccoglie grandi quantità di dati sulle attività degli utenti del suo social network e di altri servizi, ed è quindi in grado di rivolgersi a gruppi specifici di clienti".

La Commissione indagherà a fondo se Facebook ha un vantaggio competitivo sleale grazie a questi dati. "Dobbiamo garantire che i dati non siano usati per distorcere la concorrenza nell'economia digitale di oggi", ha sottolineato il vicepresidente della Commissione.

L'indagine esaminerà anche se l'incorporazione di Facebook Marketplace nel social network costituisce un "tying", che Facebook potrebbe usare per ostacolare o escludere i servizi di annunci online concorrenti. Questo potrebbe essere una violazione delle regole contro gli accordi anticoncorrenziali tra aziende, ha aggiunto. Il procedimento si svolge in modo aperto.

La Competition and Markets Authority (CMA) del Regno Unito ha anche avviato un'indagine sull'uso dei dati da parte di Facebook venerdì. Cercheranno di cooperare, ha spiegato ancora la commissione. (SDA)

(Visitato 107 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento