Cosa non chiedere a un influencer

Manager Magazin ha intervistato una delle influencer più importanti della Germania - e ha anche pubblicato le domande che non hanno avuto risposta.

instagram

Con 1,1 milioni di follower su Instagram, Caro Daur gioca nella top league tedesca delle influencer donne. E conferma in un'intervista con Manager Magazin che l'industria degli influencer non è solo estremamente lucrativa, ma anche piuttosto segreta. Gli esterni devono accontentarsi delle stime degli esperti quando si tratta di capire il business del momento. I numeri concreti o il contenuto dei contratti non vengono generalmente discussi. L'influencer marketing prospera anche sul fatto che coloro che devono essere influenzati non sanno mai esattamente cosa viene mostrato, indossato o raccomandato e quando. Poiché non è raro che il contenuto sponsorizzato sia chiaramente dichiarato, l'industria dei milioni di dollari è ripetutamente confrontata con accuse di pubblicità surrettizia. Il legislatore reagisce: Nell'UE, per esempio, le stesse regole pubblicitarie si applicheranno presto agli Youtubers come alle emittenti televisive.

Amburgo ✨?? #macxcarodaur

2 giugno 2017 alle 2:02 pm

Disse Intervista con il 22enne è moderatamente interessante. Quando le si chiede se è consapevole della responsabilità che ha nei confronti dei suoi giovani seguaci, dice qualcosa come: "Responsabilità è una parola grossa. Per me, è ancora surreale quando la gente mi usa come modello, o qualcuno viene da me e mi dice quanto li influenzo". I suoi clienti probabilmente hanno meno problemi con questo.

Più interessanti sono le domande che non hanno avuto risposta e a cui ha risposto il - probabilmente un po' disilluso - Manager Magazin dopo l'intervista pubblicato sono stati. Daur non dire come funzionano esattamente i suoi contratti è comprensibile. Né le sue vendite o il suo primo compenso sono affari di nessuno. Argomenti come l'etichettatura obbligatoria, d'altra parte, sono. Inoltre, le domande se gli influencer postano, e taggano, solo per soldi una volta che raggiungono un certo livello di professionalità - e se non sarebbe solo intelligente farlo gratuitamente per il bene della credibilità - sarebbe stato intrigante, per non dire altro. "Gli influencer sono soggetti all'etichettatura obbligatoria proprio come i blogger. Ti stai conformando?" No Comment.

Unbenannt-14ge

E così la lega superiore dell'industria degli influencer continua ad essere una scatola nera affascinante e un po' misteriosa, in cui "scompaiono" molti dollari pubblicitari che erano stati precedentemente investiti altrove. E da cui i nomi delle marche escono a galla in cambio. (hae)

Immagine teaser: Instagram.com. Influencer del tema: W&V

(Visitato 85 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento