Pre-gruppo

Con i concerti pre-roll, DDB Brussels ha reso un artista emergente il numero uno delle classifiche belghe.

vorgruppe

È sempre più evidente che le campagne pre-roll hanno un grande potenziale se il periodo di "salto" viene integrato attivamente nel concetto. Durante i famosi sei secondi, si decide se lo spettatore è interessato alla pubblicità o se può finalmente distogliere lo sguardo allo scadere della stessa. In passato ci sono state molte sperimentazioni in questo senso. Alcuni hanno ridotto la durata dello spot a sei secondi e hanno detto tutto comunque quando poteva essere saltato - l'esempio più recente è quello dei Calanda Glatsch-Prerolls di Publicis.

La "madre di tutti i pre-roll non skippabili" è Geico con la campagna "unskippable ad", vincitrice del Grand Prix di Cannes nel 2015. Anche in questo caso, tutto è stato detto dopo pochi secondi, ma gli spettatori hanno comunque guardato il presunto fermo immagine per un minuto, incantati, perché il cane di famiglia ha approfittato dell'ora congelata. Una pietra miliare nella storia della pubblicità moderna.

L'ultimo lavoro pre-roll di DDB Brussels è molto meno originale, ma per questo ancora più efficace. Ogni anno, l'emittente radiofonica Studio Brussel, specializzata in musica alternativa, cerca nuovi talenti con lo spettacolo dal vivo "De Nieuwe Lichting" e sostiene i vincitori nel lancio della loro carriera. Quest'anno con una spinta dalle industrie creative. Grazie a un preciso targeting, DDB ha posizionato gli artisti come "gruppi di supporto" davanti a clip di Youtube di artisti noti, molto cliccati e, soprattutto, stilisticamente adatti. L'idea dei gruppi di supporto è stata chiarita agli spettatori fin dall'inizio attraverso una comunicazione chiara. Con l'effetto che il 40% degli spettacoli è stato seguito fino alla fine, lo show ha avuto un enorme successo e uno dei partecipanti è diventato una star delle classifiche. (hae)

Altri articoli sull'argomento