Ultimo ma non meno importante: Nel momento più stupido

Google sta ancora una volta prendendo a calci negli stinchi l'arcinemico Apple. In un modo piuttosto rinfrescante.

googlephotos
I due giganti dell'ICT Apple e Google probabilmente non saranno più buoni amici. Ma non possono fare a meno l'uno dell'altro. I due campi sono troppo potenti per questo. I clienti Apple non vogliono fare a meno dei prodotti Google e viceversa. Questo è il motivo per cui Google offre anche il servizio Google Photos per iOS, per esempio - e gli utenti Apple una vera alternativa all'iCloud o allo storage locale dell'iPhone. Perché allora lo stupido momento in cui ci si accorge che la memoria è piena solo quando si scatta una foto appartiene al passato. Un fenomeno con cui devono lottare soprattutto quelle persone che tengono tutta la loro collezione di foto sul loro smartphone invece di fare il backup delle immagini in locale di tanto in tanto e poi cancellarle. Nella vita di tutti i giorni, ci si rende conto: è un numero sorprendente di persone. Naturalmente, ci sono anche iCloud, Dropbox o altre soluzioni cloud, ma l'esperienza dimostra che Google offre molto e nella maggior parte dei casi non vuole nemmeno soldi per questo - il simpatico gigante della porta accanto si accontenta di qualche dato utente. E così anche l'app Google Photos è gratuita - 3,23 GB di cloud storage inclusi. Forse ve ne ricorderete la prossima volta che apparirà il messaggio "memoria piena". (hae)

https://www.youtube.com/watch?v=aEK37MBTUPk

(Visitato 16 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento