Previsioni di crescita positive per il mercato tedesco della pubblicità display online

L'Online-Vermarkterkreis (OVK) del Bundesverband Digitale Wirtschaft (BVDW) e.V. prevede un'ulteriore crescita di quasi l'8% nel mercato tedesco della pubblicità display online nel 2024, dopo che nel 2023 sono state generate vendite per 5,5 miliardi di euro, superando le previsioni.

Rasmus Giese, presidente di OVK (a sinistra) con Steffen Bax, vicepresidente di OVK

Il mercato della pubblicità display online è in crescita nel 2024. L'Online-Vermarkterkreis (OVK) prevede un aumento del 7,9% a 5,94 miliardi di euro. In questo modo si raggiunge la soglia magica dei 6 miliardi di euro di fatturato. Questa previsione è guidata da due aree: La pubblicità programmatica genererà poco meno di tre quarti del fatturato, con 4,4 miliardi di euro. La pubblicità video online continuerà a crescere in modo sproporzionato, con una crescita del 24%, fino a raggiungere poco meno di 2,8 miliardi di euro. Anche la pubblicità audio online continua ad affermarsi con successo. Nel 2023 ha registrato una crescita del 10%. Per il 2024, l'OVK prevede addirittura una crescita del 12% a 140 milioni di euro.

Nel 2023, la pubblicità display online genererà un fatturato di 5,5 miliardi di euro, che corrisponde a una crescita del 6,4%. Questo dato supera le previsioni dello scorso anno, che erano del 4,6% a marzo e del 5,6% a settembre. Il quarto trimestre in particolare ha contribuito a questa crescita con un aumento del 21% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Per Rasmus Giese, presidente di OVK (United Internet Media), i risultati per il 2023 e le previsioni per il 2024 sono motivo di ottimismo: "La pubblicità display online rafforza in egual misura il branding e la performance. La sua indispensabilità è particolarmente evidente nell'andamento di fine anno, quando abbiamo superato le nostre stesse aspettative". Secondo le previsioni di OVK, il mercato dell'online display advertising può fare ancora meglio nel 2024. Se le condizioni del mercato non cambieranno radicalmente, abbiamo gli occhi ben puntati sulla soglia dei sei miliardi".

La disponibilità a pagare per i contenuti editoriali su Internet rimane stabile

Lo studio sulle tendenze associato alle previsioni di OVK affronta per la seconda volta il tema dei contenuti a pagamento. La percentuale di utenti disposti a pagare per i contenuti editoriali su Internet è rimasta stabile rispetto al 2021. Attualmente è pari al 22% (2021: 21%). L'aumento maggiore rispetto al 2021 è stato registrato dalle tariffe flat mensili, che sono aumentate di un terzo. Il 12% degli intervistati ha dichiarato di aver pagato mensilmente per i contenuti editoriali su Internet lo scorso anno (2021: 9%).

Gli utenti disposti a pagare tendono a essere più giovani, più istruiti e con un reddito più elevato. Tra loro, la disponibilità a pagare per gli abbonamenti digitali è aumentata. Tuttavia, la percentuale di coloro che non sono disposti a pagare per i contenuti editoriali su Internet è aumentata dal 45% al 51% negli ultimi due anni. In questo caso giocano un ruolo le ragioni economiche e finanziarie e l'esistenza di abbonamenti alla carta stampata nelle famiglie. Lo studio mostra anche che la pubblicità è ancora indispensabile per finanziare le offerte ed è accettata dagli utenti. Due persone su tre che non pagano per i contenuti online accettano il consenso obbligatorio per i cookie dei siti web. Tra gli utenti paganti, la percentuale sale al 74%.

"I contenuti a pagamento continuano a essere un argomento polarizzante", afferma Steffen Bax, vicepresidente dell'OVK (iq digital), aggiungendo: "Allo stesso tempo, lo studio di tendenza sottolinea che la pubblicità è indispensabile per finanziare i contenuti editoriali. Solo così i contenuti giornalistici rimarranno gratuiti e accessibili a tutti anche in futuro. La stragrande maggioranza degli utenti lo accetta, come sottolinea ancora una volta questo studio".


Metodologia e studio:

Previsioni: nella seconda metà del 2019, l'Online-Vermarkterkreis (OVK) del Bundesverband Digitale Wirtschaft (BVDW) e.V., insieme agli esperti della società di ricerche di mercato Statista, ha sviluppato un nuovo modello per determinare le dimensioni del mercato della pubblicità display in Germania. Il modello si basa su un approccio olistico che fornisce una valida stima complessiva del mercato grazie alla combinazione dei ricavi dichiarati per la pubblicità digitale delle aziende organizzate nell'OVK e all'analisi di dati primari e secondari relativi ad altre aziende del settore della pubblicità digitale. Sono stati presi in considerazione i fatturati dei seguenti fornitori e piattaforme: membri dell'OVK, editori e marketer tedeschi non organizzati nell'OVK, piattaforme internazionali, intermediari. Le statistiche pubblicitarie dell'OVK includono tutte le forme di formati in-page e in-stream, compreso l'out-stream su desktop e mobile. La ricerca a pagamento basata su parole chiave, l'affiliate marketing o il newsletter marketing, la pubblicità per le applicazioni nell'app store e la pubblicità nei giochi non sono inclusi nel modello.

Informazioni sullo studio di tendenza: Il campione era composto da 3.000 utenti di offerte di media digitali. Il sondaggio è stato condotto nell'ottobre 2023. I risultati sono rappresentativi in base a sesso, età e istruzione.

Altri articoli sull'argomento