La spesa pubblicitaria sui social media sale di nuovo dopo la pandemia

Socialbakers evidenzia le ultime tendenze per il secondo trimestre del 2020 nel suo Social Media Trends Report. I risultati chiave riguardanti il budget degli annunci, il costo per clic (CPC) e il tempo di permanenza online su Facebook includono un ritorno ai livelli pre-Covid 19 pandemia.

Socialbakers-Social-Media-Trends-Report-Q2-2020-6

Uno sviluppo chiave è la crescente popolarità dei video organici postati dai marchi per guidare il coinvolgimento all'interno della comunità, la maggior parte dei quali sono a casa o nei loro uffici durante la pandemia.

"Il Q2 è stato un trimestre dinamico dal punto di vista del marketing. La spesa pubblicitaria è rimbalzata e il CPC è aumentato dopo che le aziende nella maggior parte delle regioni e dei settori sono tornate alla normalità", ha detto Yuval Ben-Itzhak, CEO di Socialbakers. "All'inizio di giugno, abbiamo visto un calo della spesa pubblicitaria, soprattutto negli Stati Uniti, a causa del #BlackoutTuesday. Tuttavia, la spesa pubblicitaria è tornata alla normalità molto rapidamente. Poi, alla fine di giugno, abbiamo visto un altro calo della spesa pubblicitaria - molto probabilmente a causa del boicottaggio degli annunci di Facebook, che potrebbe anche avere un impatto sui numeri del terzo trimestre 2020".

 

La spesa pubblicitaria è in aumento e si avvicina ai livelli pre-Covid-19

La spesa pubblicitaria sui social media è aumentata significativamente a livello globale nel Q2 2020. I marchi a livello globale hanno speso il 26% in più in pubblicità nel secondo trimestre rispetto alla fine del primo trimestre, quando i budget erano ancora molto influenzati dalla pandemia del coronavirus. Ogni settore analizzato ha mostrato un aumento della spesa pubblicitaria negli ultimi tre mesi. Tuttavia, ci sono stati casi in cui la spesa pubblicitaria è diminuita temporaneamente, probabilmente a causa dei movimenti sociali online #BlackoutTuesday e il boicottaggio degli annunci di Facebook organizzato dai diritti civili e dai gruppi di attivisti.

L'impatto del boicottaggio degli annunci di Facebook ha colpito più duramente il Nord America, dove la spesa è scesa del 31,6% nelle ultime due settimane del secondo trimestre. Con il boicottaggio che dovrebbe durare almeno fino a luglio, è probabile che la spesa pubblicitaria diminuisca ulteriormente all'inizio del terzo trimestre.

Facebook-Boykott

Aumento del costo per clic in tutto il mondo, ma ancora al di sotto del livello dell'anno precedente

Il costo per clic per tutti gli account degli annunci di marca è sceso durante la pandemia, raggiungendo un minimo di 0,075 dollari in aprile. Tuttavia, alla fine del Q2 2020, erano aumentati del 42,7% a 0,107 dollari, secondo i dati di Socialbakers. Mentre l'aumento mostra una ripresa in quanto la maggior parte dei paesi ha superato l'impatto iniziale del Covid-19, il CPC era ancora inferiore del 23,6% rispetto alla fine del secondo trimestre 2019 (0,107 dollari contro 0,140 dollari).

Globler CPC steigt

Attività online degli utenti di Facebook a livelli pre-pandemici

I dati di Socialbakers mostrano che quando la quarantena è stata tolta, l'attività degli utenti online in tutto il mondo è tornata in gran parte ai livelli pre-pandemia. Le interazioni relative a Facebook sono scese dal 100% al 50,8% nel secondo trimestre prima di rimbalzare alla fine del trimestre. Dopo l'aumento anormale di metà marzo, il calo è principalmente un ritorno a livelli normali.

 

Instagram domina nelle dimensioni del pubblico e nelle interazioni

Instagram ha continuato la sua tendenza al rialzo nel secondo trimestre, crescendo il suo pubblico e raggiungendo quasi il suo picco di interazione alla fine del trimestre. La portata dei profili dei 50 più grandi marchi di Instagram è ora del 31% superiore a quella di Facebook. L'impegno è rimasto anche significativamente più forte su Instagram, con 18,7 volte più interazioni che su Facebook, nonostante il 70,7 per cento di tutti i post dei marchi siano pubblicati su Facebook.

Instagram vs Facebook

Il contenuto video sta crescendo e mostra un grande potenziale

Alla luce della pandemia del marzo 2020, i contenuti video sulle piattaforme di social media hanno cominciato a salire alle stelle. Twitter - con oltre il 20 per cento dei tweet da pagine di marca - ha la più alta quota di contenuti video sulle piattaforme di social media, rispetto a Facebook e Instagram. Su Instagram, i contenuti video hanno rappresentato il 17,1% di tutti i post nel secondo trimestre del 2020, in aumento del 16,3% rispetto al secondo trimestre del 2019. Facebook ha visto un aumento del 5,3% dei video rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, con contenuti video che costituiscono il 18% dei contenuti sulla piattaforma. Inoltre, l'utilizzo di Facebook Live è aumentato del 27% rispetto al Q2 2019 e del 126% negli ultimi quattro mesi. Facebook Live è stato di gran lunga il formato di maggior coinvolgimento sulla piattaforma nel Q2.

"Il video è un ottimo modo per aumentare il coinvolgimento organico, soprattutto in questi tempi pandemici", ha detto il CEO di Socialbakers Yuval Ben-Itzhak. "Sulla base di un impegno costantemente elevato, ci aspettiamo che molti marchi continuino a utilizzare Facebook Live e i video in diretta nel terzo e quarto trimestre. Il messaggio è chiaro: i marchi che non stanno investendo in video dal vivo stanno lasciando a sinistra il potenziale coinvolgimento".

Facebook Live Nutzun_t um 27 Prozent

Il rapporto della piattaforma di social media marketing Socialbakers evidenzia le ultime tendenze dei social media per il secondo trimestre del 2020, dando uno sguardo più da vicino alle tendenze fondamentali del marketing online e ai cambiamenti nel business della pubblicità sui social media.

(Visitato 87 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento