La pubblicità raddoppia ogni franco del suo valore aggiunto

Per conto di KS/CS Kommunikation Schweiz, BAK Economics ha condotto un nuovo studio sull'importanza economica dell'industria pubblicitaria nel 2019. Conferma la grande influenza della pubblicità sull'economia svizzera.

studie-ks-cs

Lo studio "L'importanza economica del settore pubblicitario in Svizzera", condotto dall'istituto indipendente di ricerca economica svizzero BAK Economics per conto di KS/CS Kommunikation Schweiz nel 2019, mostra non solo quanto sia elevato il valore aggiunto di questo settore, ma anche quale profonda impronta lasci la pubblicità sull'intera economia.

 

Più di 3 miliardi di CHF di valore aggiunto

Le entrate nette dei clienti dalla pubblicità in Svizzera - compresi i GAFA (Google, Apple, Facebook, Amazon) - sono stimate a 6,6 miliardi di franchi per il 2018. In confronto, questo corrisponde a circa l'uno per cento del prodotto interno lordo (PIL). L'industria pubblicitaria in senso stretto - solo agenzie pubblicitarie e marketing - impiega più di 22.000 lavoratori, paga salari per un totale di circa un miliardo di franchi svizzeri e genera un valore aggiunto diretto di circa 1,6 miliardi di franchi all'anno. Ogni franco di pubblicità genera un altro franco di valore aggiunto in altri settori, così che il valore aggiunto totale ammonta a circa 3,3 miliardi di franchi.

 

Stessa importanza economica della città di Zug

Le stime mostrano, tuttavia, che l'importanza della comunicazione commerciale nel suo complesso - dalla pubblicità, PR, marketing e sponsorizzazione ai dipartimenti pubblicitari dei clienti - è molto più alta. Con quasi 38.000 posti di lavoro a tempo pieno, l'intero settore delle comunicazioni ha più o meno la stessa importanza economica della città economicamente forte di Zug.
 

kscs_bak-studie_2019_de.pdf

Nota: I risultati non possono essere confrontati direttamente con lo studio omonimo del 2013.

(Visitato 58 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento