200 scienziati si battono per una legge sulla protezione del clima

In una dichiarazione congiunta di lunedì, oltre 200 scienziati si sono espressi a favore di un "Sì" alla legge sulla protezione del clima. Senza un quadro politico, la Svizzera non potrà raggiungere gli obiettivi climatici e gli impegni assunti nell'ambito dell'Accordo di Parigi.

Il cambiamento climatico è qui e ora, e la società è già fortemente colpita dai suoi impatti, si legge nella dichiarazione. "Noi scienziati siamo preoccupati per questi sviluppi e ci impegniamo a garantire che le decisioni in materia di politica climatica siano prese sulla base delle migliori informazioni disponibili".

I firmatari sono tutti professori e scienziati senior provenienti dai settori del clima, dell'energia, dell'ambiente, della sostenibilità e delle politiche ambientali, delle scienze sociali e umane, dell'economia e del diritto, si legge nella lettera di accompagnamento.

La legge sulla protezione del clima è la controproposta indiretta alla Glacier Initiative, che è stata ritirata con riserva. La legge sulla protezione del clima contiene diversi obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra, con l'obiettivo di raggiungere lo "zero netto" nel 2050. Allo stesso tempo, i consigli hanno adottato programmi di finanziamento per le innovazioni tecniche e la sostituzione dei sistemi di riscaldamento a combustibili fossili.

L'SVP ha presentato un referendum contro la legge sulla protezione del clima. La votazione si terrà il 18 giugno. (SDA)

Altri articoli sull'argomento