AHA e Art.I.Schock danno un palco ai rifugiati ucraini

Artisti ucraini fuggiti dalla guerra raccontano sul palco le loro storie di fuga: in un evento di beneficenza ad Aarau, presentano un programma appositamente preparato di danza, musica, pittura e arte. La campagna è stata concepita e realizzata dall'agenzia di Zurigo Art.I.Schock.

Tra i 50.000 rifugiati di guerra ucraini in Svizzera ci sono anche molti artisti. Circa 25 di loro, provenienti dal campo della danza, dell'arte, della musica o della pittura, hanno sviluppato un programma scenico dalle loro storie di volo, che presenteranno da giovedì nella Aeschbachhalle (AHA) appena inaugurata. "L'VIV-VIVID (Lemberg - vivo)" fa a meno del testo a causa della barriera linguistica.

Lo spettacolo teatrale-circense e musicale-danzante ha lo scopo di dare agli interpreti l'opportunità di portare un pezzo di cultura ucraina in Svizzera e di raccontare la loro storia. Il ricavato della vendita dei biglietti e delle sponsorizzazioni - oltre a un contributo alla produzione - andrà in parti uguali agli artisti come sostentamento in Svizzera e come aiuto d'emergenza e sostegno postbellico alla scuola di circo Rizoma a Berdychiv.

AHA e gli artisti ucraini sono stati consigliati e sostenuti dall'agenzia di Zurigo Art.I.Schock. Oltre a un tema per i manifesti nell'area di Aarau, l'agenzia ha sviluppato una campagna sui social media: sotto l'hashtag #WeHandstandForUkraine, la comunità è stata invitata a condividere una foto in verticale con il link dell'evento per sostenere la manifestazione di beneficenza.


Responsabile dell'AHA: Dario Hauri (socio amministratore). Responsabile di Art.I.Schock: Nadine van den Berg (consulenza, gestione del progetto), Lukas Koller (grafica).

(Visitato 185 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento