L'UFSP vuole motivare i giovani a vaccinarsi attraverso i social media

Gli adolescenti e i giovani adulti devono essere motivati a fare la vaccinazione Covid con video divertenti sui social media. Martedì, l'UFSP ha lanciato una campagna su TikTok, Youtube e simili.

Con tre brevi video fail, l'UFSP vuole mostrare ai giovani dai 12 ai 29 anni che dovrebbero avere il coraggio di fare la vaccinazione Covid, come è stato dichiarato in un'informazione media dell'Ufficio federale della sanità pubblica UFSP martedì. Le clip autoironiche con giovani protagonisti, in cui le cose vanno male, sono destinate a placare le paure "diffuse" dei giovani nei confronti della vaccinazione.

Il tasso di copertura vaccinale tra i ragazzi ha ancora del potenziale, secondo l'UFSP. Virginie Masserey, capo della sezione di controllo delle infezioni, ha detto all'evento virtuale che il 27% dei giovani dai 12 ai 19 anni ha ricevuto entrambe le dosi del vaccino finora. Il 40,6% aveva ricevuto una dose finora. Tra i giovani tra i 20 e i 29 anni, il 46% è stato completamente vaccinato finora, ha detto Masserey. Il 56% di loro ha ricevuto una dose.

Vita quotidiana più facile

La vaccinazione non porta solo benefici per la salute, ma anche benefici sociali - la vita quotidiana diventa di nuovo più facile, che si tratti di uscire o viaggiare. Anche le conseguenze psicologiche della pandemia dovrebbero essere ridotte. Questo vale, per esempio, per l'eliminazione della quarantena.

Questi vantaggi sono spesso anche le motivazioni dei ragazzi per farsi vaccinare. Tanto più che da lunedì è necessario un certificato per i giovani dai 16 anni in su per visitare molti locali al chiuso. "La vaccinazione permette ai ragazzi di tornare alla normalità", dice Masserey.

Secondo l'UFSP, il costo della campagna è di 230.000 franchi svizzeri, di cui il 70 per cento è destinato alle spese di diffusione nei media sociali. La campagna funzionerà anche sui canali convenzionali in pubblico dal 5 ottobre, ha aggiunto.

Dalla fine di agosto, l'UFSP raccomanda la vaccinazione a tutti gli adolescenti di età superiore ai 12 anni. È raro che i ragazzi sviluppino corsi gravi del virus. Ma dovrebbero anche essere protetti dagli effetti del virus, per esempio da Long Covid. Masserey ha detto che coloro che sono vaccinati non solo hanno meno probabilità di trasmettere il virus, ma si riduce anche lo sviluppo di altre varianti del virus. Sono previste altre campagne. (SDA)

 

(Visitato 940 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento