Sir Mary promuove le pensioni Allianz per coloro che hanno altre cose in mente al momento

L'agenzia zurighese Sir Mary promuove "Flex Saving", il nuovo prodotto pensionistico di Allianz, con un video musicale e il motto spocchioso "Schiss uf morn!".

Allianz-Flex-PM-01

Provvedere al futuro è noioso. Soprattutto quando si è giovani e si hanno mille altre cose in testa che assicurare il proprio futuro finanziario. Ma soprattutto per le giovani generazioni, la situazione pensionistica in Svizzera sta diventando sempre più complicata. L'annuale Barometro della gioventù del Credit Suisse mostra che il 50% dei giovani sono già preoccupati per la loro previdenza.

"Come assicuratore, è nostro dovere fare qualcosa per i giovani adulti", dice Claudia Staub, Head Digital Experience and Ecosystem di Allianz Suisse. Ecco perché la compagnia di assicurazioni lancia "Flex Saving", il suo ultimo prodotto pensionistico che si adatta facilmente e flessibilmente alle esigenze dei giovani. "Ma prima di iniziare a guardare il prodotto, bisogna iniziare a parlare della pianificazione della pensione", spiega Claudia Staub.

Il risultato è un video rap intitolato "Scheiss auf morgen!" - o in dialetto "Schiis auf morn! - abbreviato S-U-M-O - che riflette un atteggiamento di base di molti giovani adulti quando si tratta di precauzione: vivere senza preoccupazioni nel qui e ora invece di doversi preoccupare del domani.

Cultura pop al posto della pubblicità

Per il video, Sir Mary era alla ricerca di musicisti che vivono la loro vita secondo il motto "Schiss uf morn!". Ne è nata una collaborazione tra la crew rap svizzera Möchtegang e Dominik Richter, che invece di finire gli studi preferisce raccogliere soldi sulle piattaforme di crowdfunding per un video demo della sua one-man digeridoo techno band.

I musicisti hanno avuto completa libertà artistica nello sviluppo della canzone. Fu dato solo il motto e si decise di produrre un video musicale che fosse stridente e si facesse strada nel cuore del gruppo target con dichiarazioni e gesti appuntiti. Sir Mary ha portato a bordo il regista tedesco Shan Blume, che da tempo si è fatto un nome come regista di video McFitti con un'estetica corrispondente. Doity si è aggiudicata il contratto come società di produzione. L'azienda berlinese è riuscita a convincere con la sua lunga lista di clienti con nomi come Sido, Marteria, Nena o Silbermond.

Distribuzione editoriale cross-channel

Il video musicale, che è pieno di autoironia, è stato Vedi così come su Radio Energy. Un'attenzione speciale è stata data al tema di come le compagnie di assicurazione dovrebbero fare pubblicità oggi per attirare l'attenzione dei gruppi target più giovani.

Allianz-Flex-PM-05

Dietro le quinte: impressioni dalle riprese

SUMO9

Responsabile di Allianz SuisseCorina Brunner, Simone Schmitt, Claudia Staub, Thomas Wegmann. Responsabile di Sir MaryFlorian Beck, Andi Portmann, Pascal Baumann, Constantin Camesasca, Tobias Röben, Paul Gutjahr, Jennifer Meier, Ria Breitenmoser, Nicolas Hostettler, Iva Bozovic, Ana Brankovic, Fabian Habisreutinger, Katharina Günther, Eticus Rozas, Daniel Zuberbühler. MusicaMöchtegang, Dominik Richter, Dominik Perino (produttore); Gadget, Reto Lazzarotto (coordinamento/gestione). Produzione di filmDoity, Sascha Pollack (produttore); Shan Blume (regista).

Allianz-Flex-PM-03

Oltre al video e alla strategia dei media, Sir Mary ha anche progettato la landing page e varie misure a pagamento. Un'attenzione speciale è stata data al materiale pubblicitario online. Questi sono visivamente basati sul video musicale, ma sono stati prodotti intenzionalmente con i telefoni cellulari e hanno contenuti appropriati al canale per Instagram Stories e Facebook Ads. La campagna è estesa con le Native Stories nei media ad alta diffusione. Attraverso i dati generati in questo modo, il gruppo target è diviso in diversi segmenti. Infine, si rivolgono di nuovo individualmente attraverso il cross-channel retargeting con messaggi su misura per le loro esigenze.

La campagna dura fino alla fine di agosto ed è iniziata con successo, anche grazie al video musicale, che è atipico per una compagnia di assicurazioni. Il fatto che la canzone sia anche controversa è stata una mossa calcolata: "Vogliamo che i giovani adulti parlino di previdenza. Ecco perché abbiamo permesso ai musicisti di affrontare temi che non riguardano noi di Allianz, ma i giovani adulti", dice Claudia Staub e aggiunge: "Naturalmente polarizza la gente e spiega una o due reazioni negative. Ma non per niente la promessa del marchio Allianz è: "Coraggio significa fare.

(Visitato 79 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento