La campagna "Dirty Diesel" è un successo

La campagna sull'aria sporca sviluppata da Freundliche Grüsse si è conclusa con successo lunedì.

public-eye

I commercianti svizzeri di materie prime vendono carburante tossico all'Africa. Con conseguenze drammatiche per la salute delle persone. Insieme ai suoi partner africani, Public Eye (ex Dichiarazione di Berna) rimanda in Svizzera un container di aria sporca.

Con l'arrivo del container "Return To Sender" e la consegna di quasi 20.000 firme a Trafigura, la campagna Dirty Diesel di Public Eye si è conclusa con successo lunedì. Grazie alla pressione pubblica che è stata costruita insieme alle organizzazioni partner, molto è stato raggiunto in poco tempo, scrive Public Eye in un comunicato stampa.

csm_PublicEyeGeneve001_47e3234210
csm_PublicEyeGeneve002_5050afd9c4

Soprattutto in Africa: il governo del Ghana ha migliorato massicciamente lo standard nazionale di zolfo e ridurrà il contenuto di zolfo ammesso dallo stato per le importazioni di diesel da 3000 ppm (parti per milione) a 50 ppm a partire da marzo 2017.

Public Eye è fiducioso che altri governi dell'Africa occidentale che stanno discutendo la questione seguiranno l'esempio.

Trafigura, il destinatario della petizione, ha accettato la petizione ma continua a nascondersi dietro la legalità del suo modello di business tossico, proprio come Vitol, Glencore, Addax & Oryx e Mercuria.

csm_PublicEyeGeneve008_562c252ba9

La campagna è stata sviluppata dall'agenzia zurighese Freundliche Grüsse e lanciata a settembre (Werbewoche.ch riportato).

Altri articoli sull'argomento