Contro il sessismo nella pubblicità: cresce l'Ad Girls Club

Nell'Ad Girls Club, le agenzie tedesche lottano contro il sessismo nell'industria pubblicitaria. Il club è ora in crescita con altre 19 agenzie.

Isabel Gabor (l.) und Lisa Eppel sind die Gründerinnen des Ad Girls Clubs.
Isabel Gabor (a sinistra) e Lisa Eppel sono le fondatrici dell'Ad Girls Club.

È passato un anno da quando l'Ad Girls Club, che lotta contro il problema del sessismo nell'industria pubblicitaria, ha presentato il suo manifesto in Germania - nel frattempo 49 agenzie stanno lottando insieme per una maggiore uguaglianza e parità di diritti. Il club ha appena annunciato che altre 19 agenzie tedesche hanno aderito all'impegno volontario contro il sessismo nel settore pubblicitario, tra cui l'intero Omnicom Media Group Germany. L'Ad Girls Club è aperto anche alle agenzie svizzere.

L'obiettivo delle due fondatrici Lisa Eppel e Isabel Gabor è un cambiamento sostenibile e una maggiore attenzione alle strutture patriarcali e al sessismo quotidiano nelle agenzie pubblicitarie. E questo è necessario, come dimostra un'indagine del collettivo: secondo il sondaggio, oltre l'80% dei quasi 1.500 partecipanti della regione DACH ha confermato che l'industria pubblicitaria ha un problema di sessismo. Per il 46%, questo problema è addirittura un motivo per lasciare il settore.

Quote femminili, parità di retribuzione, linguaggio neutro rispetto al genere

Con il manifesto, le agenzie possono posizionarsi chiaramente contro il sessismo e impegnarsi in ulteriori misure importanti: ad esempio, una quota femminile del 50%, la parità di retribuzione, la compatibilità tra figli e carriera, persone di contatto riservate e un linguaggio neutro dal punto di vista del genere.

 

 

Altri articoli sull'argomento