Per una buona causa attraverso la natura selvaggia della Namibia: il diario del deserto di Webrepublic

Il rinoceronte nero è quasi estinto, solo pochi esemplari della specie vivono ancora, ad esempio nel deserto della Namibia. Per promuovere la protezione degli animali rari, ogni anno si svolge il tour in mountain bike "Challenge4ACause". Un team di Webrepublic ha partecipato per la quarta volta e questa volta ha scritto un diario per Werbewoche.ch.

La fortuna è con i coraggiosi (o con coloro che non sospettano ancora cosa li aspetta): L'equipaggio di Webrepublic, composto dal CEO e fondatore Tom Hanan, dal Team Manager Samuel Kirchhof, dal Campaign Manager Juan Garcia e dal consulente Oscar Pfeiffer (da sinistra a destra), riesce a malapena a salire sull'aereo per la Namibia, ma è ancora più motivato a vincere la "Challenge4ACause".

Il rinoceronte nero - popolarmente conosciuto come "rinoceronte nero" - fa parte dell'elenco delle specie a rischio critico di estinzione. Solo circa 5.500 esemplari della specie vivono ancora sparsi nelle regioni meridionali e orientali del continente africano, costantemente minacciati dai bracconieri.

Per sensibilizzare l'opinione pubblica su questa tragica situazione e per raccogliere fondi per la conservazione della specie, David Ryan, imprenditore e amministratore delegato della compagnia di viaggi Rhino Africa, organizza l'annuale  "Challenge4ACause"un tour in mountain bike di oltre 400 chilometri attraverso la natura selvaggia del deserto del Damaraland. I partecipanti pagano una quota, la cui maggior parte è destinata alla protezione dei "rinoceronti neri". In cambio, vengono supportati nella pianificazione degli itinerari e nella logistica.

Per la quarta volta, anche un team dell'agenzia zurighese Webrepublic, che sostiene l'iniziativa da otto anni, ha partecipato alla "Challenge4ACause": il CEO e fondatore Tom Hanan, il Team Manager Samuel Kirchhof, il consulente Oscar Pfeiffer e il Campaign Manager Juan Garcia hanno affrontato il caldo, le scottature e i muscoli doloranti - e si sono comportati per Advertisingweek.ch un diario del deserto.

Per sette giorni, il team Webrepublic affronterà diverse tappe nel deserto della Namibia. (Immagine: Challenge4acause.org)

Giorno 1: "E all'improvviso non ci sono più alberi".

Il nostro viaggio verso la "Challenge4ACause" finisce quasi prima di iniziare: non riusciamo quasi ad arrivare in tempo all'aeroporto di Francoforte da Zurigo, a causa del caos aeroportuale. Con molta fortuna (e per un pelo!) riusciamo a prendere la coincidenza per la Namibia e il nostro autista Kyle ci viene incontro all'aeroporto. Risponde pazientemente a tutte le nostre domande sulla Namibia, sulla cultura del Paese e sul nostro imminente tour in mountain bike attraverso il deserto del Damaraland. Lo ascoltiamo con attenzione finché il paesaggio fuori dalla finestra non lega la nostra attenzione con un potere quasi ipnotico: La città intorno all'aeroporto lascia il posto a case isolate; i cespugli e gli alberi lungo la strada diventano sempre più radi. E all'improvviso non ci sono più alberi, ma solo un vuoto tanto impressionante quanto sconosciuto; un orizzonte che sembra sfuggirci costantemente. Al Cape Cross Lodge, l'hotel da cui partiremo per la prima tappa in bicicletta, incontriamo i nostri compagni di viaggio, provenienti da tutto il mondo e, come noi, quasi senza parole per la vastità dell'ambiente circostante. Andiamo a letto presto, perché sappiamo che domani dobbiamo esibirci.

Giorno 2: "Verso la Terra di Nessuno

Dopo una sontuosa colazione - dopotutto dobbiamo "fare il pieno" di calorie per bruciarle di nuovo più tardi - diversi minibus portano noi e le nostre mountain bike ancora più lontano dalla civiltà di quanto pensassimo di essere. Il percorso si dirige verso il cratere Messum, o per dirla in modo più figurato: verso la terra di nessuno. Ci aspetta un "nulla" spettacolare, una steppa in cui i sensi non hanno alcun appiglio. Gli animali tipici dei safari non compaiono per tutto il giorno, al massimo qualche scarabeo stercorario gigante che brilla al sole. Ciononostante, il nostro equipaggio si diverte molto a correre giù per una collina su un ghiaione scosceso. La sera ci sediamo intorno a un grande falò con tutto il gruppo "Challenge4ACause". I primi settanta chilometri del tour sono stati fatti. E ci rendiamo conto che l'avventura è iniziata.

Il team di Webrepublic è felice dopo una tappa faticosa: le gambe fanno male, ma non hanno perso il sorriso (ancora).

Giorno 3: "Insieme con il vento contrario".

Dopo il "riscaldamento" di ieri e una notte tranquilla, ci ritroviamo in sella alla mountain bike molto presto. Oggi dobbiamo percorrere più di 80 chilometri per raggiungere il primo campo nel deserto; la natura non è esattamente clemente con noi: un forte vento contrario si presenta subito dopo l'inizio della tappa, motivo per cui procediamo molto più lentamente del previsto. Ci "spingiamo" a vicenda quando notiamo che qualcuno è rimasto indietro rispetto al gruppo e siamo ricompensati con l'intera tavolozza di colori del deserto della Namibia. Roccia nera, sabbia dorata nell'aria, montagne rosse in lontananza.

I colori della Namibia sono incredibili e difficilmente possono essere riprodotti adeguatamente dalle foto: roccia nera, cielo rosso scuro, distese infinite.

Le nostre guide ci promettono una "piscina naturale" alla fine del percorso odierno, ma ci avvertono anche che questo lago desertico pullula di scorpioni. Quindi lo sentiamo, la definizione da manuale di "sentimenti contrastanti" ;). Non abbiamo ancora visto rinoceronti, elefanti o antilopi. Ma gli escrementi freschi ci mostrano che gli animali sono molto vicini, ma rimangono nascosti al nostro sguardo. Forse è meglio così, perché meno si mostrano, meno è probabile che diventino un bersaglio per i bracconieri - e noi siamo qui, dopo tutto, per dare l'esempio contro il bracconaggio. Quindi continuate ad andare avanti, verso l'oasi e gli scorpioni.

La definizione da manuale di "sentimenti contrastanti": il terzo giorno della Namibia Challenge, un lago del deserto promette di rinfrescarci, ma allo stesso tempo è l'habitat di innumerevoli scorpioni. Facciamo la conoscenza di uno di loro, fortunatamente solo a vista.

Giorno 4: "Vi vediamo. Ci vedi anche tu?".

Il quarto giorno, di nuovo più di sessanta chilometri - la meta di oggi si chiama "Cliff Camp" e per raggiungerla si attraversa un terreno collinare. In molte salite su sentieri non asfaltati (o addirittura inesistenti) ci chiediamo se riusciremo a completare la "Challenge4ACause". Fortunatamente, questi pensieri scompaiono rapidamente, perché sappiamo di cosa si tratta e anche perché il gruppo ora si armonizza in modo fantastico. Tutti ricevono sostegno e motivazione quando ne hanno bisogno. Anche dalla natura, che ora non riconosce più la nostra presenza con un vento contrario, ma con animali "ospiti del recinto": con una bella regolarità, appaiono ora alla periferia della nostra vista quegli abitanti del deserto, altrimenti conosciuti solo dai documentari televisivi del "National Geographic". Li vediamo, attiriamo l'attenzione l'uno dell'altro, ci rallegriamo. Ci vedono anche loro? Forse è così, oppure ci percepiscono e quindi si tengono a distanza nel tempo. O almeno, ogni volta che pensiamo di avvicinarci a loro, sono scomparsi nell'aria tremolante del deserto.

Damaraland: un'escursione all'interno, intorno e attraverso gli spazi aperti molto, molto ampi.

Giorno 5: "Tra arrendersi e resistere".

Al quinto giorno del nostro tour nel deserto, diventa chiaro a tutti i "Webrepublicans" - in un modo o nell'altro - che siamo appassionati sportivi per hobby, ma non professionisti della mountain bike. Durante la notte il vento soffiava così forte intorno alle nostre tende che non siamo riusciti a dormire... ma nonostante ciò siamo rimasti in piedi, sperando forse di avvistare uno dei rinoceronti di cui stiamo parlando. Almeno ci dicono che a volte soggiornano nella "Concessione Palmwag"; un'area protetta che attraverseremo oggi. Ma siamo stanchi, esausti e alle prese con le nostre esigenze: Oscar, il nostro consulente, deve rinunciare a metà della camminata di oggi, trasferirsi sul veicolo di supporto... e ne è piuttosto infastidito. Il team manager Samuel resiste, ma deve dire addio all'idea di poter correre l'intero tour in testa al gruppo. Il deserto, inoltre, ci rende più umili. E dimostra che noi umani - nonostante la brillante organizzazione intorno alla "Challenge4ACause" - non possiamo, non dobbiamo, non dovremmo dominare su ogni terreno. È una lezione che porteremo con noi nella vita di tutti i giorni.

La Sfida in Namibia richiede molto al Team Webrepublic e a volte l'unica cosa che aiuta è una pausa all'ombra e una severa "nota a se stessi" che tutto questo avviene per una buona causa. Questa è ancora la migliore motivazione per sopportare i muscoli doloranti delle cosce.

Giorno 6 e 7: "Ai propri limiti".

Negli ultimi due giorni della nostra "Challenge4ACause" vogliamo assaporare ancora una volta tutto questo: la sfida, il sudore, il sole e il dolore. Vogliamo raggiungere in mountain bike le "Rocce a strapiombo", un'antica formazione di pietra e un punto culminante segreto del tour. Davanti ai nostri occhi interiori possiamo già vedere come taglieremo il traguardo a Doros Nawas e ci abbracceremo. La fine del percorso richiede ancora una volta tutto da noi. Il ginocchio di Juan, che gli aveva già causato problemi all'inizio del tour, lo costringe ad ascoltare il suo corpo dopo pochi chilometri e a passare dalla bicicletta al veicolo di supporto. Ora si gode un grande safari nella jeep: "Possiamo anche schiacciarlo dentro l'auto!", dice l'autista motivando Juan e premendo l'acceleratore. Per poi rallentare di nuovo: Appaiono elefanti e giraffe, il saluto della natura a questi - come dice un partecipante tedesco - "matti positivi" che hanno trascorso una settimana sfidando gli elementi nel deserto. E poi è finita, c'è qualche lacrima, un misto di stanchezza e gioia; molto sollievo per avercela fatta.

Guardiamo in lontananza - e dalla distanza qualcuno guarda indietro: verso la fine della "Challenge4ACause" vediamo sempre più spesso quegli animali che altrimenti conosciamo soprattutto dai documentari del "National Geographic".

Durante le discussioni all'interno del team di Webrepublic, ma anche con gli altri partecipanti al "Challenge4ACause", riflettiamo sull'esperienza: certamente è un modo speciale (e privilegiato, possiamo ammetterlo!) per creare consapevolezza per la situazione del rinoceronte nero e in generale della flora e della fauna in pericolo della Namibia - perché è inclusa una componente di avventura, perché siamo assistiti in modo eccellente. Tuttavia, quello che abbiamo fatto qui non è una vacanza: il "Challenge4ACause" è una vera sfida; i pedali devono essere pedalati, nella sabbia profonda o su piste di ghiaia - in salita e in discesa. E vediamo praticamente sul posto quali progetti vengono avviati con le quote di partecipazione e quanto questi progetti siano urgenti. Infine, nonostante le difficoltà, l'intera vicenda ha portato con sé anche un certo "fattore di dipendenza". O almeno è quello che chiede il responsabile della campagna Juan mentre torniamo a casa: "Ragazzi, pensate che ci siano altre sfide come questa? Vorrei vedere il Botswana!".

Anche se il nostro viaggio è finito: la natura della Namibia rimarrà nei nostri ricordi. E alcuni membri del team hanno già formulato idee per le prossime sfide.

* Sulla paternità: Le voci del diario sono una sintesi di memo audio dei membri dello staff di Webrepublic Tom Hanan, Samuel Kirchhof, Oscar Pfeiffer e Juan Garcia. Sono stati curati dal caporedattore Johannes Hapig.

(Visitato 1.107 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento