La maggior parte delle agenzie rimarrà in home office per il momento

Alla fine di maggio, il Consiglio Federale ha tolto l'obbligo di domiciliazione per quelle aziende che fanno testare i loro dipendenti una volta alla settimana per la Corona. L'associazione Leading Swiss Agencies ha chiesto ai suoi membri come affrontano le nuove regole.

Il turno di apertura annunciato dal Consiglio federale è un ulteriore passo verso la normalità. L'obbligo dell'ufficio a domicilio sarà cambiato in una raccomandazione di ufficio a domicilio per quelle aziende che testano regolarmente una volta alla settimana. Per non compromettere la vaccinazione della forza lavoro, il ritorno in ufficio sarà graduale. Una volta che tutti quelli che lo desiderano sono stati vaccinati, la regola dell'home office deve essere allentata senza requisiti di test ripetitivi. In altre parole, il requisito dell'ufficio a domicilio sarà abbandonato a certe condizioni, permettendo un ritorno ai locali dell'agenzia. Tuttavia, un sondaggio interno di Leading Swiss Agencies mostra che il rilassamento non ha ancora portato a un ritorno in agenzia.

Riluttanza a tornare all'Agenzia

Il 44% delle agenzie intervistate lascia decidere ai propri dipendenti se e in che misura tornare in ufficio, e il 34% riferisce che continuerà a mantenere un'alta percentuale di uffici domestici. Inoltre, il 23% riferisce che permetterà a coloro che sono già stati vaccinati due volte di tornare nei locali dell'agenzia per un periodo illimitato di tempo con effetto immediato. Altri stanno eliminando completamente l'obbligo di presenza o stanno tornando in ufficio il più rapidamente possibile e con un concetto di protezione.

Critica dei test ripetitivi in piscina

Solo il 17% delle agenzie esegue test ripetitivi in piscina. A quanto pare, questi test causano troppo sforzo amministrativo. Inoltre, non è ancora chiaro se il test della piscina sia richiesto anche per le aziende il cui personale lavora per lo più in uffici domestici. Anche gli autotest regolari sono richiesti solo da una minoranza (25%). In generale, le agenzie si appellano alla responsabilità personale dei dipendenti e raccomandano di fare il test.

Diversi modi di trattare le maschere obbligatorie

Sembra che la maggior parte delle persone si sia abituata a indossare maschere. Tuttavia, ci sono diversi approcci per quanto riguarda i requisiti di presenza se l'obbligo di maschera continua ad esistere per un periodo di tempo più lungo. Il 44% lascia decidere ai dipendenti se vogliono lavorare in ufficio nonostante l'obbligo della maschera. Per il 35% degli intervistati, il requisito della maschera non ha alcuna influenza sui requisiti, ma per poco meno del 29% sì. Per quanto riguarda lo svolgimento delle riunioni con i clienti, il quadro è molto uniforme: va da sé che i desideri dei clienti vengono presi in considerazione il più possibile, e che si tengono di nuovo più riunioni fisiche nel rispetto delle misure di distanza e di igiene.

(Visited 581 times, 1 visits today)

Altri articoli sull'argomento