Le telefonate pubblicitarie indesiderate sono diminuite di oltre l'80 percento

Negli ultimi sette anni i reclami per chiamate pubblicitarie indesiderate sono diminuiti di oltre l'80%. La Protezione dei consumatori attribuisce questo sviluppo principalmente all'uso di filtri per le chiamate pubblicitarie e a leggi più severe.

Werbeanruf
(Immagine simbolo: Unsplash)

Dal 2015, il numero di reclami è sceso da 27.908 a 2714 nella prima metà dell'anno in corso - estrapolando circa 5500 per l'intero anno, secondo una valutazione dell'Alleanza delle organizzazioni per la tutela dei consumatori, come si legge nella sua dichiarazione di lunedì.

Dal 2012, le chiamate pubblicitarie sono sanzionabili nonostante la classificazione a stelle e strisce. Le chiamate sono consentite se qualcuno è d'accordo o se esiste un rapporto commerciale. Tuttavia, secondo il Konsumentenschutz, l'applicazione di questa disposizione si è rivelata difficile nella pratica.

Infatti, anche se con la revisione dell'ordinanza sulle telecomunicazioni tutti i fornitori di servizi di telecomunicazione devono offrire ai loro clienti una protezione contro le chiamate pubblicitarie illegali dal 1° luglio dello scorso anno, questo non è automatico. Mentre Salt e Quickline hanno attivato il filtro delle chiamate pubblicitarie per tutti i clienti, presso Swisscom e Sunrise i clienti devono agire.

Domanda di filtri standard

"Molti clienti di Swisscom e soprattutto di Sunrise non sanno ancora di dover attivare il filtro per le chiamate pubblicitarie", afferma la presidente della Protezione dei consumatori Nadine Masshardt. Dal punto di vista del consumatore, sarebbe auspicabile che questi filtri fossero attivati di default, perché sono il miglior mezzo contro le chiamate pubblicitarie illegali e anche le frodi telefoniche.

Nell'Alleanza delle organizzazioni per la tutela dei consumatori, le organizzazioni svizzere per la tutela dei consumatori di tre regioni linguistiche coordinano il loro lavoro: oltre alla Konsumentenschutz, la FRC (Fédération romande des consommateurs) e l'ACSI (Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana).

Secondo le sue stesse informazioni, la Konsumentenschutz è una fondazione privata fondata nel 1964 con sede a Berna. L'87% delle sue entrate proviene da contributi di patrocinio e dalla vendita di consulenze, il 13% da un contributo federale. (SDA

(Visitato 98 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento