Il Parlamento respinge l'iniziativa per il divieto generale della pubblicità del tabacco

Il Parlamento non pensa molto a un divieto totale della pubblicità del tabacco per proteggere i bambini e i giovani. Dopo il Consiglio nazionale, anche il Consiglio degli Stati ha respinto lunedì l'iniziativa popolare corrispondente.

Il Consiglio degli Stati raccomanda di respingere l'iniziativa per il divieto della pubblicità del tabacco con 27 voti contro 12 e un'astensione. La maggioranza è dell'opinione che un buon compromesso è in vista con la revisione della legge sui prodotti del tabacco e che le preoccupazioni più importanti dei promotori sono prese in considerazione. La legge è attualmente in fase di revisione da parte dei consigli.

Secondo il ministro della sanità Alain Berset, questa proposta è anche la ragione per cui il Consiglio federale raccomanda di respingere l'iniziativa senza un controprogetto. L'iniziativa va anche molto lontano.

Posizione pubblicitaria decisiva non vietata

In Consiglio, solo Hans Stöckli (SP/BE) ha preso la parola, ma con maggior veemenza a favore dell'iniziativa. Come ex sindaco di Biel, non era entusiasta dell'idea di vietare la pubblicità di prodotti che potevano essere consumati legalmente. Poi, quando è entrato nel business della salute, ha visto quanto fosse dannoso il consumo di tabacco. "È l'unico consumo di stimolanti che ha fattori di rischio in tutte le aree del corpo umano", ha detto Stöckli.

Bisogna impedire ai giovani di fumare. L'iniziativa deve andare davanti al popolo perché la prevista revisione della legge sui prodotti del tabacco non include tutti i punti cruciali. Non c'è divieto esattamente dove la pubblicità è efficace per i giovani: su internet. Allo stesso tempo, più dell'80% della pubblicità dell'industria del tabacco oggi passa attraverso internet e i social media.

Il suo voto non ha potuto convincere la maggioranza del Consiglio. Anche il Consiglio nazionale ha raccomandato di respingere l'iniziativa - già nella sessione di primavera. La questione andrà ora al voto finale.

Divieto totale richiesto

La petizione popolare "Sì alla protezione dei bambini e degli adolescenti dalla pubblicità del tabacco (bambini e adolescenti senza pubblicità del tabacco)", presentata da diverse organizzazioni sanitarie nel 2019, chiede un divieto totale della pubblicità del tabacco che raggiunge bambini o adolescenti.

In effetti, questo vieterebbe la pubblicità di sigarette sui manifesti negli spazi pubblici. Ma anche la pubblicità al cinema, le inserzioni, la sponsorizzazione di festival e la pubblicità online per il tabacco non sarebbero più consentite in futuro. (SDA)

(Visitato 91 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento