I marchi devono fare pubblicità come al solito

I marchi devono continuare a pubblicizzare i prodotti nel solito modo durante la crisi del coronavirus. Gli annunci ordinari sono importanti per i clienti perché trasmettono un senso di normalità in una situazione eccezionale. Ciononostante, i marketer hanno ancora bisogno di affrontare la crisi mentre diffondono positività. Questo è il risultato di un sondaggio tra gli utenti di Twitter.

corona-working-facemask

"È impossibile non discutere del coronavirus. I clienti vogliono sapere quali misure di sicurezza le aziende stanno prendendo e se i loro dipendenti stanno mantenendo il loro lavoro. I marchi devono comunicare regolarmente queste informazioni attraverso i social media. Ma non devono esagerare. Se premono troppo la ghiandola lacrimale, diventa rapidamente poco attraente", dice l'esperto di marketing Bernd Pfeiffer di LimeSoda in un'intervista al portale di notizie Pressetext.

 

Trasmettere la normalità

Twitter ha condotto il sondaggio tra 826 utenti. Più della metà (64%) vuole che i prodotti continuino ad essere pubblicizzati come al solito. Uno su due si sente rassicurato da questi annunci e ottiene così un senso di normalità. Tuttavia, la comunicazione del marchio deve adattarsi alla crisi. Solo il sette per cento degli intervistati pensa che sia appropriato che il tono normale prevalga nel marketing.

 

Aiutare nella lotta contro la pandemia

I marchi devono diffondere messaggi positivi nella crisi del coronavirus, secondo il 70% degli intervistati. Devono anche contribuire alla lotta contro la pandemia. Il 77% vuole che i marchi sostengano la società durante questo periodo. L'82% chiede specificamente un aiuto finanziario per il personale medico. (pte)

(Visitato 19 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento