Mozione respinta: la città di Berna vuole mantenere la pubblicità negli spazi pubblici

I manifesti delle catene di moda, delle marche di automobili e del cibo dovrebbero continuare ad adornare gli spazi pubblici della città di Berna. Il consiglio comunale di Berna ha votato 36 contro 22 a favore del divieto di pubblicità, respingendo così la mozione di Christa Ammann.

bern.ge_

La mozione chiedeva che gli spazi pubblici, comprese le fermate degli autobus e dei tram, fossero liberati dalla pubblicità commerciale. "La progressiva commercializzazione dello spazio urbano ha innegabilmente effetti negativi sul benessere della popolazione", ha dichiarato giovedì Christa Ammann della Lista Alternativa. Vede anche le piccole imprese locali in svantaggio. Non potevano permettersi gli spazi pubblicitari, e gli spazi potevano essere finanziati solo dalle multinazionali e dalle grandi aziende, ha criticato Ammann. Ha fatto riferimento a città come Grenoble, San Paolo e Bruxelles, dove i regolamenti restrittivi sulla pubblicità hanno creato "spazi di design creativo".

Ammann ha ricevuto il sostegno della maggioranza nel parlamento della città dai partiti di sinistra. "Perché non guardare i graffiti invece delle pubblicità di H&M o studiare un'agenda culturale invece di una macchina?" ha detto Seraina Patzen della Junge Alternative.

Per la maggioranza del parlamento, tuttavia, l'argomento dei costi sembrava prevalere. La pubblicità rappresenta solo lo 0,32% delle entrate annuali della città, ha detto Ammann. Ma si trattava di 3,4 milioni di franchi e quindi non di poco conto, ha argomentato il consiglio comunale. "In una società libera e liberale, ognuno è libero di prestare attenzione alla pubblicità o meno", ha detto il consigliere FDP Christophe Weder. Per Erich Hess della SVP, la pubblicità è addirittura "parte di un'economia ben funzionante".

Secondo il consiglio comunale, lo spazio pubblicitario nella città di Berna è proporzionato rispetto alle altre città. "Non abbiamo affisso manifesti aggiuntivi per molti anni", ha detto l'assessore Ursula Wyss. In definitiva, la questione della pubblicità è una questione di atteggiamento. Il consiglio comunale deve trovare un compromesso tra tutti i desideri, ha detto Wyss. (SDA)

Foto: Pixabay

(Visitato 38 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento