Le nuove concessioni per i manifesti portano entrate triple a Basilea Città

Dal 2018, quattro aziende invece di una sola saranno autorizzate a utilizzare il totale di 4500 cartelloni pubblicitari a Basilea Città. Riattribuendo la concessione di Palakat in scadenza, il governo ha più che triplicato le sue entrate.

Unbenannt-2

Le significative entrate supplementari per il cantone sono dovute alla gara d'appalto, ha annunciato mercoledì il Dipartimento delle costruzioni e dei trasporti. Si prevede un fatturato annuo di oltre nove milioni di franchi. Per gli inserzionisti, invece, i prezzi dei cartelloni pubblicitari su suolo pubblico scenderebbero.

Sette compagnie hanno fatto domanda per i 2000 cartelloni di grande formato e 2500 di piccolo formato. Il precedente concessionario Allgemeine Plakatgesellschaft APG ha vinto sette delle grandi offerte e Clear Channel due. Nella categoria piccola, Kulturbox e Kulturservice sono stati considerati.

La nuova concessione è valida per dieci anni, cioè fino al 2028 compreso, e porta anche una nuova tecnologia all'Allmend di Basilea, cioè cartelloni digitali e colonne rotanti illuminate. Il cantone "ha dato importanza a un design sobrio degli spazi pubblicitari digitali nella gara", ha continuato.

La concessione dei cartelloni pubblicitari aveva causato problemi a Basilea all'inizio del millennio: all'epoca, il dipartimento dell'edilizia voleva dare la concessione all'APG e far pagare a quest'ultima le strutture del WC in cambio. Il Gran Consiglio ha fermato questo accordo perché il cantone avrebbe perso un totale tra i 32 e i 42 milioni di franchi durante la durata di 15 anni - con un corrispettivo di circa sei milioni.

(Visitato 42 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento