Un marketing per Amnesty: Non tu, ma adesso

"Non sta succedendo a te, ma sta succedendo ora": la campagna contro la tortura di Amnesty International mira a rendere tangibile il dolore delle vittime anonime. È stato creato da One Marketing.

In innumerevoli paesi, le persone sono sottoposte a torture arbitrarie - i loro governi non le proteggono adeguatamente o addirittura ordinano le pratiche disumane. L'organizzazione per i diritti umani vuole attirare più attenzione su questi abusi con la sua attuale campagna di sensibilizzazione. Invita la gente a mostrare solidarietà con le vittime e a sostenere Amnesty International nella lotta contro la tortura.

Avvicinare il difficile tema della tortura senza usare contenuti e immagini scioccanti. L'agenzia One Marketing ha affrontato questo compito in modo non convenzionale. Il risultato è un linguaggio visivo molto particolare: A white world mostra la fragilità e la vulnerabilità degli esseri umani, la loro dignità e i loro diritti. In questo bianco - chiuso, nascosto, anonimo - un essere umano si contorce nel dolore. Le realizzazioni fanno a meno dei colori vivaci e dei volti specifici del genere. Nelle rappresentazioni ridotte e minimaliste, i tratti umani chiari sono comunque riconoscibili, l'orrore e il dolore hanno un volto, diventano tangibili e soprattutto: palpabili.

141014_Imp-Aktion-Bern_1

Nelle più grandi città svizzere, le produzioni artistiche possono essere viste in luoghi molto frequentati: In una grande scatola coperta di spandex bianco, una performance artist mostra la sua interpretazione della sofferenza delle vittime della tortura. Con un adattamento visivo per manifesti, spot, pubblicità e supporti pubblicitari digitali, l'appello sarà diffuso a livello nazionale. Aroma ha realizzato la performance box per conto di One Marketing, che ha avuto l'idea, il concetto e l'artwork.

141014_Imp-Aktion-Bern_2

Il colore bianco rappresenta non solo l'innocenza, la purezza e la vulnerabilità dell'essere umano, ma anche l'occultamento, la copertura e la repressione. I soggetti velati hanno lo scopo di incoraggiare la gente a denunciare gli abusi (il compito fondamentale di Amnesty) e di dare un volto reale alle vittime anonime della tortura. Personalità come Viktor Giacobbo, Gelson Fernandes e Melanie Winiger sostengono la campagna; in una seconda linea di materiale pubblicitario mostrano i loro volti contro la tortura.

141014_Imp-Aktion-Bern_3

Il messaggio centrale della campagna "Non sta succedendo a te, ma adesso" illustra la nostra situazione apparentemente ovvia in cui non dobbiamo quasi temere la tortura, mentre altrove molte persone sono sottoposte a torture arbitrarie. Nel contesto degli ambasciatori della campagna, la prospettiva cambia e nella rivendicazione si scambia una lettera senza ulteriori indugi, così che poi si legge: "Non sta succedendo a me, ma ora".

ai_nicht-dir-aber-jetzt-08947

//www.youtube.com/watch?v=BBmxSQ-FX9A

Può succedere - ma non qui, non a te e non a me. Il claim della campagna prende deliberatamente in prestito dalla nota campagna di manifesti del 2006: "Abbiamo trovato l'idea della drammatizzazione emotiva eccitante. Stiamo costruendo sul successo della campagna precedente e stiamo facendo un passo avanti superando la distanza emotiva dopo quella locale", dice Ruth Wagner, amministratore delegato di One Marketing.

AI_Gesicht_A5_d
AI_Haende_A5_d
AI_Koerper_A5_d
Webbilder_1200x900px_Giacobbo
Webbilder_1200x900px_Winiger

Responsabile di Amnesty International, sezione svizzera: Marcel Hagmann, Kevin Luximon, Patrick Walder. Responsabile presso One Marketing Services BSW: Ruth Wagner, Yong-Jong Lee, Balz Farner, Philipp Stamm.
 

(Visitato 228 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento