Le perdite aumentano

Anche il MACH Basic di nuova concezione non cambia la continua erosione della portata delle testate giornalistiche. In un confronto anno su anno, ben 53 pubblicazioni hanno perso significativamente, 43 delle quali in lingua tedesca.

Con il MACH Basic 2014-2 sono ora disponibili per la prima volta i dati comparativi di due indagini completamente indipendenti. I risultati di MACH Basic 2014-1 sono ancora costituiti per il 50% dalle stesse cifre di MACH Basic 2013-2 (si veda anche il riquadro "MACH Basic 2014-1"). Allo stesso modo, circa la metà dei dati dell'ultimo studio è già presente nella valutazione del 2014-1. Per questo motivo, l'attenzione di questo studio si è concentrata sulla valutazione del 2014-2. Per questo motivo, in questo numero ci si concentra sui confronti dell'anno precedente. E questi mostrano ora che complessivamente, su tutte le testate coperte da Media Trend Journal in questo periodo, sono stati persi più di 2,5 milioni di contatti. Ciò corrisponde a un calo del 5,9%.

Tutti i gruppi di titoli perdono

Come mostra il grafico "Variazione del totale dei contatti", le oscillazioni più evidenti si registrano nella Svizzera meridionale. Qui la stampa quotidiana ha guadagnato il 5,0%, mentre la stampa domenicale ha perso il 13,6%. Tuttavia, l'aumento della stampa quotidiana non è dovuto a scostamenti significativi delle singole testate ed è quindi piuttosto casuale. La perdita della stampa domenicale, invece, è dovuta a un calo significativo della diffusione del Caffè della Domenica. Tuttavia, questa è l'unica testata ticinese con una variazione significativa. Nella Svizzera occidentale sono nove le testate con variazioni significative e tutte negative: due quotidiani, l'unico domenicale, cinque testate della stampa generalista e una della stampa speciale. Nella Svizzera tedesca, invece, ben 43 testate hanno subito perdite significative. 7 nella stampa quotidiana, 3 nella stampa domenicale, 23 nella stampa popolare e 12 nella stampa specializzata. Per contro, solo due testate hanno guadagnato in modo significativo: il Tagblatt di San Gallo, grazie ai lettori "acquistati" dai broadsheet, e il voluminoso Landliebe di Ringier.

kontaktsummen

Azioni gratuite invariate

Il totale dei contatti delle testate gratuite è diminuito in tutti i gruppi di testate, ma in misura minore rispetto alle pubblicazioni a pagamento. Pertanto, con l'eccezione della stampa domenicale, la quota gratuita è generalmente aumentata leggermente ed è ora pari al 47,2% in tutte le aree linguistiche e in tutti i gruppi di titoli.

Come mostra il grafico "Quote libere per gruppi di testate e regioni linguistiche", la domenica ci sono contatti liberi solo in Ticino. Ma la percentuale è del 100%, esattamente come per la stampa generalista e quella specializzata. In generale e nelle altre due regioni linguistiche, tuttavia, la quota libera è ancora più alta nella stampa generalista. In generale, più piccola è l'area linguistica, più alta è la quota gratuita. Tuttavia, ci sono anche grandi differenze a seconda del segmento di testata. Ad esempio, nel segmento "temi nazionali" con i periodici, i temi di consumo e la grande distribuzione nella Svizzera francese, la quota è quasi del 90% e proviene esclusivamente dalle due testate cooperative di Coop e Migros.

Gratisanteile

La combinazione raggiunge il 50 per cento

In almeno due aree linguistiche, sei offerte raggiungono almeno il 5% di diffusione ciascuna. Sono elencate nel grafico "Offerte nazionali" in ordine di diffusione nazionale. Ad eccezione della KombiNation SwissWomen di Ringier con Schweizer Illustrierte, Glückspost, L'Illustré e TV8 e della NZZ Business Combi di NZZ e Le Temps, tutte queste offerte sono rappresentate in tutte e tre le regioni linguistiche. Il terzo posto del CombiNation Swiss Family di Ringier con SonntagsBlick, Schweizer Illustrierte, L'Illustré, L'Hebdo, TV8 e Il Caffè della Domenica raggiunge la seconda maggiore diffusione nella Svizzera francese. Nel caso dell'offerta leader, Kombinazione, con tutti e tre i settimanali Migros, è evidente la forte differenza tra le tre aree linguistiche. In Svizzera nel suo complesso, tuttavia, l'offerta raggiunge ancora quasi la metà della popolazione assimilata di 14 anni e oltre. Le due offerte CombiNation di Ringier sono entrambe significativamente più forti nella Svizzera francese rispetto alle altre aree linguistiche e alla media svizzera. Due delle combinazioni nazionali sono offerte da Migros e Ringier, una ciascuna da Tamedia e NZZ/Ringier.

nationale-angebote

Migros e Coop dominano

Il grafico "Cacciatori di persone nella Svizzera tedesca" elenca ora tutte le offerte che raggiungono almeno il 25% della popolazione di base nell'area linguistica. La soglia minima del 30% fissata un anno fa è ora superata solo da tre offerte. In entrambe le aree linguistiche principali, le testate di Migros e Coop continuano a occupare le prime posizioni. Nella Svizzera tedesca segue 20 Minuten, che si lascia alle spalle tutte le combinazioni di titoli a pagamento ed è anche l'unica offerta la cui portata non è attualmente significativamente inferiore a quella di un anno fa. Nella Svizzera francese, dove la soglia minima per l'inclusione è del 30%, la combinazione feriale/domenicale di Le Matin e RomandieMAX con le stesse riviste Ringier sono davanti al giornale dei pendolari, così come la CombiNation SwissFamily, che però deve essere occupata in tutte le aree linguistiche. In questo caso, tutte le offerte, ad eccezione di 20 minuti e Coopération, hanno perso una portata significativa rispetto all'anno precedente.

Reichweitenjaeger
reichweitenjaeger-westschweiz

Ringier domina i pagamenti

In ogni caso, le testate singole a pagamento non trovano spazio nel concerto delle grandi combinazioni e delle testate gratuite. Le Matin Dimanche nella Svizzera francese è l'eccezione che conferma la regola, anche se, secondo l'ultima certificazione, più di un quarto della tiratura è distribuito gratuitamente o con uno sconto superiore al 50%. L'edizione domenicale di Le Matin è ancora leader tra le testate di punta a pagamento (vedi grafico). In questo caso è stato necessario abbassare il limite inferiore al 15%, poiché il precedente limite del 20% è superato solo da quattro testate. L'ordine non è cambiato. L'editore dominante è Ringier con i quattro titoli L'Illustré, SonntagsBlick, Schweizer Illustrierte e TV8. Tamedia, con le due testate di Le Matin, ha lo stesso numero di pubblicazioni in questa classifica di Konsumenteninfo con Bon à savoir e K-Tipp. Infine, anche Axel Springer è rappresentato con il Beobachter. Solo le testate francesi Bon à savoir, L'Illustré e TV8 non hanno perso terreno rispetto all'anno precedente.

toptitel-bezahlt

Ueli Custer

Informazioni di base

Le analisi si basano sulle tabelle del volume del rapporto messo a disposizione dal WEMF in anticipo con un periodo di blocco. Sono stati valutati tutti i quotidiani che appaiono almeno cinque volte alla settimana (senza grandi tirature), tutte le testate della stampa generalista, finanziaria ed economica e la stampa speciale. Le testate settimanali locali e regionali non sono state incluse. Nel caso dei quotidiani, viene presa in considerazione solo l'unità più grande. Le testate e le edizioni parziali non sono elencate, indipendentemente dalla proprietà.
 
Non sono inclusi anche i risultati dei supplementi dei giornali Z riportati nelle tabelle WEMF - le belle pagine come supplemento di NZZ e NZZ di domenica e il Vista-La combinazione di giornali è un supplemento a un'intera serie di quotidiani. Questo perché i loro valori non sono stati rilevati separatamente, ma solo mostrati come una combinazione calcolata delle testate portanti. Non possono quindi essere confrontati con quelli dei supplementi rilevati separatamente, come Das Magazin, NZZ Folio, Télétop Matin, Femina o il supplemento serale Extra del Corriere del Ticino. Come mostrano i risultati di queste testate, il loro utilizzo è in ogni caso significativamente inferiore a quello delle testate portanti. I valori indicati in MACH Basic per Z - die schönen Seiten e Vista-Zeitungombi sono quindi certamente gonfiati.

Base di estrapolazione

Si basa sulle statistiche sulla popolazione e sulle economie domestiche dell'Ufficio federale di statistica (STAT-POP) e sulla rilevazione strutturale dell'Ufficio federale. La popolazione di MACH Basic 2014-2 è identica a quella di MACH Basic 2014-1 ed è strutturata come segue:

- Gruppo linguistico tedesco: 4 631 000 (+38 000 o 0,8%)
- Gruppo linguistico francese: 1 503 000 (+10 000 o 0,7%)
- Gruppo linguistico italiano: 288 000 (+3000 o 1.1%)
- Popolazione totale: 6 422 000 (+52 000 o 0,8%)

L'aumento si riferisce al confronto con il MACH Basic 2013-2.

Campionamento

Sono inclusi non solo i numeri di rete fissa registrati, ma anche le persone che vivono in famiglie senza numero registrato (15 % di tutte le famiglie) o senza linea fissa (5 % di tutte le famiglie).

Dimensione del campione

Sono 19.276. Procedura di indagine In una prima chiamata, la persona target viene reclutata e poi intervistata per telefono o online con una seconda chiamata.

Periodo di indagine

I risultati del MACH Basic 2014-2 sono stati raccolti tra il 10 aprile 2013 e il 5 aprile 2014. Circa la metà dei valori sono identici a quelli del MACH Basic 2014-1, raccolti tra il 1° ottobre 2012 e il 6 ottobre 2013.

Materiale di puntamento

Agli intervistati viene fornito il materiale di puntamento (logo del titolo e possibili specifiche di risposta) sia per l'intervista telefonica che per il questionario online.

Incentivazione

I partecipanti all'intervista ricevono un piccolo regalo del valore di dieci franchi, che aumenta la disponibilità a partecipare.

Spazi di comunicazione

52 aree di comunicazione combinate (zKommR) integrano il divario tra le aree economiche e i distretti, che spesso hanno un numero di casi molto ridotto.

Raggiungere i giornali con una tiratura inferiore a 20 000 copie
Nella valutazione 2014-2, i valori si basano sulla media dei lettori di tutti i 24 mesi, raccolti secondo il nuovo metodo. Questo aumenta la base dei dati e riduce il range di fluttuazione. Ulteriori dettagli sono disponibili nel volume del rapporto o sul sito www.wemf.ch.

 

Altri articoli sull'argomento