Foto della stampa mondiale

A febbraio, il World Press Photo of the Year 2012 è stato scelto ad Amsterdam. Keystone ha portato la mostra a Zurigo e la esporrà con eventi di accompagnamento fino al 26 maggio nella Papiersaal Sihlcity Zurich.

Una foto di bambini morti dopo un attacco missilistico israeliano nella Striscia di Gaza è la foto stampa dell'anno 2012. La foto dello svedese Paul Hansen mostra un corteo funebre a Gaza City lo scorso novembre. In primo piano, degli uomini tengono in braccio Suhaib Hijazi di due anni e suo fratello Muhammad di tre anni. Entrambi i bambini sono morti. Sullo sfondo, il padre dei bambini, anche lui ucciso, viene portato su una barella. La casa della famiglia era stata distrutta nell'attacco missilistico. Le persone in lutto si stavano recando in una moschea. Hansen ha scattato la foto per il giornale Dagens Nyheter. 

In totale, la giuria ha premiato 54 fotografi in nove categorie. Anche un fotografo svizzero ha ricevuto un premio: Dominic Nahr ha ottenuto il terzo posto nella categoria "Singoli di notizie generali". La sua foto mostra il corpo mutilato di un soldato imbrattato di petrolio al confine tra Sudan e Sud Sudan. Il 29enne fotografo della Magnum aveva scattato la foto per la rivista Time. Dominic Nahr vive in Africa dal 2008. Ha rinunciato a una vita sicura per scattare foto contro l'oblio. Un oleodotto esplode. I soldati del nord e del sud si impegnano in una battaglia crudele. Poco tempo dopo, Nahr si ferma proprio in questo punto e scatta la foto con cui vince il premio un anno dopo. Ma trova il termine voyeur completamente fuori luogo: "Spesso sono l'unico fotografo che cattura questi eventi".

Come è già tradizione, la mostra con le immagini premiate sarà presentata anche quest'anno dall'agenzia fotografica Keystone nella Papiersaal nella Sihlcity di Zurigo. Più di 400 ospiti hanno potuto assistere all'appassionato discorso di apertura di Arnold Hottinger e alla premiazione del fotografo vincitore Paul Hansen. L'ex corrispondente della NZZ per il Medio Oriente Hottinger ha sottolineato l'importanza di "suscitare immagini critiche" e ha fatto appello all'umanità in tempi di guerra. Hottinger ha anche invitato a ripensare i pregiudizi: "La gente del Medio Oriente vuole mostrarsi. Né come estranei né come vittime. Vogliono essere percepiti come esseri umani".

Anche Jann Jenatsch, CEO di Keystone, è impressionato dai fotografi premiati. "La mostra World Press Photo 13 mira a fornire una piattaforma per la conversazione e la scoperta e a mostrare alla gente il lavoro indispensabile dei fotografi della stampa". (padella)

wph
 

(Visitato 21 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento