Communication Summit 2013: cambiamenti esplosivi delle parti

Dal giornalismo alle PR e ritorno. Questo percorso, scelto da molti professionisti dei media, racchiude opportunità e pericoli. Al Communication Summit 2013 organizzato da ZPRG e ZPV, le presentazioni e una discussione si sono concentrate su coloro che passano dall'altra parte.

Sicurezza, buona retribuzione e possibilità di promozione: questo è ciò che i professionisti dei media cercano in tempi incerti e lo trovano nelle posizioni di staff di aziende e uffici, in organizzazioni e associazioni non profit e nelle agenzie di PR e comunicazione, come scrive la ZPRG in un comunicato stampa su Presseportal.ch. La loro conoscenza dei meccanismi del frenetico business dei media è molto richiesta. Centinaia di giornalisti hanno seguito il richiamo e sono passati da una parte all'altra negli ultimi anni. Alcuni dopo sono andati di nuovo nella direzione opposta.

Il Communications Summit di quest'anno è stato progettato per fornire approfondimenti nel mondo dei page-turners. Circa 350 ospiti hanno partecipato all'evento organizzato congiuntamente dall'Associazione della stampa zurighese ZPV e dalla Società di relazioni pubbliche zurighese ZPRG al Politecnico di Zurigo Audimax. Giornalisti, consulenti e manager della comunicazione hanno riferito e discusso sugli ostacoli del cambio di lato, e su artigianato, etica e salari, sulle aspettative divergenti di aziende e redazioni e sulla tensione tra PR e giornalismo in tempi di cambiamento dei media. Come nel panel stesso, il pubblico era molto più dominato dai rappresentanti delle PR.

Il discorso principale è stato tenuto da Peter Hartmeier, un uomo dai molti cambiamenti. Fino all'estate scorsa, è stato capo della comunicazione aziendale di UBS Svizzera, e prima ancora, tra le altre cose, caporedattore del Tages-Anzeiger e direttore dell'Associazione della stampa svizzera. Oggi Hartmeier lavora come consulente indipendente. Insieme a lui, Reto Lipp, conduttore del programma economico "Eco" su SRF, Elisabeth Meyerhans, ex segretaria generale del DFE ed ex redattrice della NZZ, ora consulente indipendente per la comunicazione e l'economia, Susanne Mühlemann, giornalista economica di lunga data, anche al Sonntagsblick e alla Bilanz, ora responsabile delle relazioni con i media presso Swiss International Air Lines, e Christof Moser, redattore del Der Sonntag e giornalista freelance, opinionista pungente su temi mediatici.

Il prossimo vertice sulla comunicazione avrà luogo all'inizio di febbraio 2014.

Un rapporto dettagliato con ulteriori link può essere trovato su qui.

ComSum2013-1090_preview
 

(Visitato 21 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento