Peter Brönnimann, pubblicitario dell'anno 2013

Peter Brönnimann, direttore creativo esecutivo e co-fondatore di Spillmann Felser Leo Burnett, rappresenterà il settore quest'anno come Advertiser of the Year. Un creativo con i piedi per terra che di solito preferisce mettere in mostra i suoi clienti piuttosto che se stesso.

wdj1

"All'inizio è brutto. Cerco sempre di mantenere la calma e di bloccare il dolore. Dopo un minuto migliora lentamente. E poi arriva il momento in cui so: ora devo uscire, altrimenti non riuscirò a muovermi bene tutto il giorno".

Non è così che Peter Brönnimann descrive il suo lavoro nella Aemtlerstrasse, ma il suo bagno settimanale nel lago di Zurigo. Che sia un luminoso sabato mattina di giugno, una piovosa giornata autunnale o un nevoso weekend invernale: Brönnimann si avventura nell'acqua. Senza una tuta protettiva, anche se il lago ha solo pochi gradi. Solo sulle mani indossa guanti in neoprene in inverno, in modo che le sue mani siano di nuovo immediatamente funzionali dopo il nuoto.

In inverno è già molto dura e non proprio casuale, ammette Brönnimann. "Molte persone pensano che ci si abitui. Ne dubito. Mi sembra estremamente freddo ogni volta. Diventa casuale in marzo o aprile quando fa un po' più caldo, 9 gradi e più. Stranamente, è allora che ci si sente relativamente piacevoli".

Perché Brönnimann esegue ancora il rituale tutto l'anno? All'artista creativo piace testare i suoi limiti fisici? Corre da uno spettacolo all'altro? Niente affatto, dice l'ECD. Fa una pausa e pensa prima di rispondere: "È un'esperienza speciale della natura, totalmente calma e di una bellezza inestimabile, molto semplice e tuttavia spettacolare - e sempre diversa: una volta il sole splende, il lago è liscio, la volta dopo ci sono onde enormi, piove, c'è vento. Un'altra volta sta nevicando".

Brönnimann ha molto da guadagnare dal quotidiano, dal semplice. Il viaggio mattutino in treno verso Zurigo, che altri liquidano come un fastidioso pendolarismo, è uno dei momenti migliori della giornata per lui. "Non sembra affatto di viaggiare in treno. È più come stare seduti in poltrona a leggere il giornale". L'artista creativo ama avere persone intorno a sé e ascoltare le conversazioni. Se accanto a lui si sta svolgendo una scena emozionante, si collega le cuffie - come mimetizzazione - e si appoggia all'indietro. In questo modo, ha già sentito i dialoghi più assurdi sul treno. Ha già assistito alla fine di una relazione al telefono, alla conduzione di un colloquio di lavoro da parte di un responsabile del personale o a due teppisti che parlavano del corretto uso della lavastoviglie. Scene che, se le vedeste in un film, pensereste che la trama sia artificiosa o ricercata. "Viaggiare in treno è spesso cinema dal vivo", dice l'ECD.

Quando si tratta della propria vita, Brönnimann è più riservato con parole di entusiasmo. Qui, il direttore creativo e co-fondatore di Spillmann Felser Leo Burnett (SFLB) sembra applicare uno standard diverso. Se gli si chiede com'è la sua vita quotidiana, dice che ha una vita spaventosamente poco spettacolare - e va bene così.

Ma Brönnimann parla anche di Brad Pitt che conduce un'esistenza poco spettacolare. "A volte mi dispiace quasi un po' per lui", dice. "Penso che abbia una vita noiosa - almeno quando sta filmando". Così come Brönnimann pensa che la glorificazione della recitazione sia sbagliata, per lui il mondo della pubblicità, che ama essere associato al glamour, è tutt'altro che glamour. Le riprese, per esempio, gli ricordano più i militari. "Alzarsi presto, stare molto in piedi e aspettare".

162306580b

Immersione in mondi diversi

Ciò che Brönnimann apprezza particolarmente del suo lavoro è la varietà. A parte alcuni punti fissi - alzarsi alle sei e mezza, fare colazione con la famiglia e prendere la S-Bahn per Zurigo - non ci sono due giorni uguali. A volte è in viaggio e si immerge in un altro mondo durante le riprese. Per esempio, con il meteorologo Martin Horat. In un altro giorno, prima discute una campagna con un amministratore delegato di una società e poi valuta il lavoro con la sua squadra nel pomeriggio. Altre volte, Brönnimann si prende del tempo per essere lui stesso creativo. Poi lavora a un concetto insieme a Johannes Raggio, con cui condivide il timone creativo da qualche mese, o si siede da solo davanti a un foglio bianco.

Quando Brönnimann ci racconta com'è andata la sua carriera di copywriter pubblicitario, fa il mazzo: non ha studiato abbastanza al ginnasio, è riuscito solo a passare gli esami di maturità e ha finito per studiare "niente di serio" (giornalismo). Dopo di che, ha fatto un programma alla radio locale che nessuno voleva ascoltare, poi ha scritto cattivi testi per la Berner Zeitung e infine ha lavorato per Martin Suter. "Ancora oggi è un mistero per me perché Suter mi abbia preso allora. Non avevo niente di veramente buono da mostrare".

Brönnimann, invece, va davvero in visibilio quando si tratta della produzione pubblicitaria della SFLB. Il lavoro creativo porta l'agenzia nelle prime posizioni delle classifiche ogni anno. Tuttavia, è almeno altrettanto importante per il creativo che la pubblicità risuoni con i destinatari. "Penso che la pubblicità popolare sia ciò che distingue SFLB. Un lavoro che la maggior parte delle persone ama guardare una seconda volta. O una terza volta..." Per esempio, le semplici ma geniali frasi di svolta per Swiss Life. O la campagna in corso per Svizzera Turismo, in cui i protagonisti lavorano per il benessere dei turisti con rigore svizzero, ma con molto fascino e un pizzico di umorismo. Attualmente, nell'attuale film invernale, Sebi e Paul sono impegnati a mettere via tutti gli orologi in modo che gli ospiti possano godersi le loro vacanze in completo relax. L'orologio a cucù viene inchiodato, le lancette dell'orologio della chiesa vengono raccolte e al gallo viene proibito di cantare.

Brönnimann vede la pubblicità in Svizzera come un obbligo molto speciale. "Lei è, per così dire, il ministro degli esteri incaricato della pubblicità, e lucida l'immagine della Svizzera con il suo lavoro. Ma Brönnimann sarebbe anche lui un buon ambasciatore. "Mi piace molto trascorrere le mie vacanze in Svizzera. Ciaspolare o sciare in inverno, arginare i ruscelli in estate. Non potrebbe esserci una vacanza migliore. Prendere il treno per le Alpi è, dopo tutto, più comodo che essere stipati tra due file di sedili su un aereo per visitare i suoceri in Australia. Ancora di più con un'altezza di 1,94 metri.

Ma l'artista creativo preferisce lasciare che il suo lavoro parli da solo piuttosto che essere un mezzo pubblicitario. Trova molto piacevole che i clienti e non gli inserzionisti siano al centro della pubblicità. "Se uno spot pubblicitario - come un articolo di giornale - iniziasse con chi ne è responsabile, sarebbe assolutamente divertente", dice Brönnimann. "Quindi noi pubblicitari siamo relativamente modesti".

Per una volta, Brönnimann è ancora in primo piano quest'anno come Advertiser of the Year. Cosa significa il titolo per lui? "Sono orgoglioso e mi sento molto lusingato. È un onore per il mio lavoro", dice l'ECD e aggiunge, "ma prima di tutto il titolo è un grande onore per tutti coloro che lavorano per SFLB e sono impegnati. Si chiama Inserzionista dell'anno. Ma tutti nell'industria sanno che ci vogliono brave persone in tutti i posti per fare un buon lavoro".

Alla SFLB, Brönnimann apprezza il mix di concretezza e fascino internazionale dell'agenzia Leo Burnett. "E abbiamo la fortuna di lavorare per grandi marchi svizzeri e per clienti che credono nel potere delle buone idee". Dopo tutto, avere le migliori idee non serve a niente se non vengono riconosciute dal lato cliente. "Possiamo considerarci molto fortunati da questo punto di vista.

Brönnimann non ha affatto paura di rimanere a corto di idee. "Molte persone hanno la sensazione che le persone creative abbiano meno idee quando invecchiano. Non ci credo. D'altra parte, si diventa più efficienti con il tempo. "La mia esperienza è che sai più rapidamente se dovresti perseguire un'idea se ti passa per la testa". Inoltre, c'è un pizzico di compostezza che Brönnimann non conosceva ancora come pubblicitario junior. Quando vedeva una scena interessante al cinema, studiava immediatamente se poteva usarla per una pubblicità. Oggi ha dei momenti in cui lascia la pubblicità molto indietro. "Ho fatto l'esperienza che posso creare meglio quando creo".

Isabel Imper

broennimann-01
Foto: Isabel Imper

Versione PDF dell'articolo dall'attuale edizione cartacea di Werbewoche.

printausgabe-wewo
(Visitato 28 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento