Conferenza dell'industria Syndicom: respinte le proposte CBA di Viscom

La conferenza industriale di Syndicom sull'industria grafica dell'8 dicembre 2012, come la commissione industriale allargata di Syna-Print del 6 dicembre, ha respinto all'unanimità le proposte di licenziamento Gav di Viscom: erano irragionevoli per i lavoratori.

L'estensione dell'orario di lavoro e la riduzione dei supplementi notturni non sono soluzioni alla crisi dell'industria delle arti grafiche - nemmeno se sono legate in un pacchetto prenatalizio di Viscom. Lo scrive Syndicom in un comunicato stampa. I confederati temono che la possibilità di introdurre la settimana di 42 ore in tutte le aziende di arti grafiche, eccetto gli stampatori di giornali, metterebbe in moto una spirale negativa che metterebbe in pericolo centinaia di posti di lavoro. Tre settimane di lavoro gratuito per alcuni e licenziamenti per altri non è una prospettiva, hanno aggiunto i sindacati.

Quattro anni fa, erano già state fatte delle concessioni sui supplementi notturni. Ora è abbastanza. Tuttavia, i negoziati Gav sono sulla strada giusta, senza concessioni sui bonus notturni e sull'orario di lavoro settimanale.
 
La conferenza dell'industria rinnova l'offerta a Viscom di estendere l'attuale CLA e invita all'unanimità l'associazione a riprendere i negoziati CLA.

A settembre, l'associazione dei datori di lavoro aveva annunciato che avrebbe spinto per orari di lavoro più lunghi, bonus ridotti e la rinuncia a salari minimi dettagliati nei negoziati del CLA (Werbewoche.ch ha riportato). Ha citato come motivo la situazione critica dell'industria.

(Visitato 21 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento