Conferenza di settore di Syndicom sul rinnovo del CLA

La conferenza di settore del sindacato Syndicom ha affrontato i prossimi negoziati sul rinnovo del contratto collettivo di lavoro CLA dell'industria grafica. La conferenza dell'industria richiede: Nessuna ulteriore riduzione dei bonus notturni, domenicali e festivi.

Le grandi aziende come la Migros o le FFS, che esternalizzano i lavori di stampa in paesi stranieri più economici, sono in parte responsabili della perdita di preziosi posti di lavoro nell'industria grafica svizzera. Lo ha scritto Syndicom in un comunicato stampa di sabato. È assurdo che i grandi e finanziariamente forti editori di media Tamedia, NZZ e Ringier o la Presses Centrales PCL di Renens mettano in discussione anche la sicurezza dei posti di lavoro nelle tipografie svizzere, esternalizzando la stampa dei loro prodotti nei paesi vicini.

La conferenza dell'industria GIV respinge risolutamente l'attacco dell'associazione dei datori di lavoro Viscom, che sta mettendo radicalmente in discussione importanti conquiste del contratto collettivo di lavoro nei prossimi negoziati CLA, continua il comunicato. In questo contesto, è particolarmente assurdo che anche i grandi e finanziariamente forti editori di media Tamedia, NZZ e Ringier o Presses Centrales SA (PCL) di Renens partecipino a questa "corsa agli armamenti" esternalizzando la stampa dei propri prodotti nei paesi vicini, mettendo così ulteriormente in pericolo la sicurezza dei posti di lavoro nelle tipografie svizzere. Salari minimi corretti sarebbero anche di crescente importanza nell'industria delle arti grafiche, non da ultimo nelle regioni periferiche e per i diplomati dell'apprendistato. Invece della "fissazione dettagliata dei salari minimi" per rafforzare il "margine di manovra imprenditoriale", non dovrebbe più esserci un salario orario inferiore a 22 franchi nell'industria grafica, ha detto Syndicom. Viscom prende in giro tutti i lavoratori notturni e a turni, sostenendo che il "regime eccessivo di compensazione per il lavoro notturno, domenicale e festivo" offre "falsi incentivi" e indebolisce "la competitività dell'industria". Lavorare in orari non programmati porta a gravi limitazioni della vita sociale dei lavoratori.

Pertanto, la conferenza di settore chiede: nessuna ulteriore riduzione dei supplementi notturni, domenicali e festivi. La conferenza di settore GIV è ben consapevole delle difficili condizioni quadro per gli stampatori svizzeri, continua il comunicato. Tuttavia, invece di alimentare le tensioni sociali nel settore e nelle aziende, come sta tentando di fare l'attacco provocatorio di Viscom al CLA, i delegati delle aziende grafiche svizzere stanno cercando di calmare la situazione. Hanno chiesto all'associazione dei datori di lavoro Viscom di attenersi ai risultati degli ultimi negoziati: L'attuale CLA sarà rinnovato senza tagli - allo stesso tempo deve essere dichiarato valido per tutto il settore diventando generalmente vincolante".

 

(Visitato 16 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento