Rinforzi dalla Svezia

PubliGroupe ha aumentato l'utile annuale del 1999 del 103% grazie alla joint venture

PubliGroupe ha aumentato l'utile annuale del 103% nel 1999 grazie a una joint ventureDa Christophe Büchi PubliGroupe (ex Publicitas Holding) riduce costantemente la sua dipendenza dall'attività pubblicitaria svizzera. Con l'acquisizione di una partecipazione nella svedese Planit Media, rafforza la sua rete di vendita internazionale PPN (Publicitas Promotion Network). Inoltre, ha presentato uno splendido anno finanziario 1999.
PubliGroupe (scritto con una "e" francese: la sede di Losanna obbliga...) compra il 20% delle azioni di Planit Media a Malmö. Allo stesso tempo, è stata concordata l'acquisizione del database di giornali di PPN da parte di Planit Media, così come l'uso di PPN come agenzia di vendita per le offerte di Planit Media.
Planit Media è stata fondata tre anni fa. Offre - attraverso la piattaforma di base www. planitmedia.com - prezzi e dati di più di 39000 riviste ad agenzie pubblicitarie, agenzie di media e case editrici. Il servizio è utilizzato da più di 4000 abbonati in 64 paesi. Attualmente si sta lavorando su nuovi database che conterranno ulteriori informazioni su giornali, pubblicità online, mostre e pubblicità esterna.
L'accordo con PubliGroupe dà a Planit Media l'accesso ai dati dei giornali PPN. Allo stesso tempo, si assicura il potere di mercato di PPN, le cui 52 società gestiscono la vendita di pubblicità per 2000 media stampati e generano un fatturato annuo di 423 milioni di franchi. Non c'è da stupirsi, il capo di Planit Media Colm Barry si aspetta un grande successo dalla nuova cooperazione. Ma qual è l'interesse del P in questo impegno svizzero-svedese? "PPN vede la fusione con Planit Media come un servizio aggiuntivo per i suoi clienti pubblicitari e le agenzie, così come un'ulteriore presenza sul mercato per i suoi titoli rappresentativi", spiega il CEO Hans-Peter Rohner.
Risultati commerciali del 1999 con un utile netto raddoppiato
Tuttavia, PPN non è l'unica divisione P su un percorso di espansione: tutte le aree di business sono attualmente in crescita. Non sorprende che il direttore generale Jean-Jacques Zaugg fosse estremamente soddisfatto alla conferenza stampa annuale di quest'anno a Losanna.
Ciononostante, nel 1999 l'utile netto è aumentato del 103 per cento a 156 milioni di franchi, il profitto più alto nella storia dell'azienda (fatturato consolidato 2,31 miliardi di franchi). Il Consiglio d'amministrazione propone quindi di versare agli azionisti un dividendo di 25 franchi (+108%). E poiché questa proposta deve essere approvata dagli azionisti, ci si può aspettare che venga accettata...
"Tutte le unità di business del gruppo hanno aumentato le loro quote di mercato e la loro produttività", ha sottolineato Zaugg. Un buon segno per la stampa: anche il core business - il commercio di pubblicità - ha contribuito al miglioramento del risultato. In particolare, gli affari negli annunci di lavoro fiorirono.
PubliGroupe dice addio ai cartelloni pubblicitari
Tuttavia, l'eccellente risultato raggiunto nel 1999 è dovuto in gran parte ai proventi finanziari straordinari (vendita di immobili e partecipazioni), che questa volta hanno raggiunto 113 milioni di franchi (più 195%). In particolare, PubliGroupe ha venduto la sua partecipazione del 30% in APG Holding (Allgemeine Plakatgesellschaft). PubliGroupe ha così dato l'addio al suo sogno a lungo coltivato di entrare nel settore dell'affissione.
Una fusione con APG avrebbe avuto perfettamente senso prima vista: la forte posizione di PubliGroupe nella stampa e la competenza di APG nella pubblicità esterna avrebbero permesso di offrire un media mix ancora più interessante. Ma APG non voleva far parte di una fusione con PubliGroupe, scegliendo invece di avere l'appoggio di Decaux, il leader del mercato francese dei manifesti. "Per noi, la vendita della nostra partecipazione è stata la logica conseguenza di questo", dice il quartier generale P. Tuttavia, dire addio ai cartelloni potrebbe non essere stata una decisione facile per i P.
Buone previsioni del tempo per l'inizio dell'anno
Un sacco di sole è previsto anche per l'anno in corso. Gli affari vanno bene in tutte le divisioni, è stato detto a Losanna, in modo che l'alto livello del 1999 dovrebbe essere mantenuto nonostante i notevoli investimenti, soprattutto nel settore online. PubliGroupe si aspetta - "soggetto a flessioni economiche"! - PubliGroupe si aspetta un utile operativo di circa 85 milioni di franchi e proventi straordinari dalla vendita di immobili per circa 70 milioni di franchi.
Per far sì che non solo gli azionisti ma anche i dipendenti possano godere di un ulteriore aumento del valore delle P-shares sul mercato azionario, PubliGroupe vorrebbe che i suoi dipendenti partecipassero al capitale. A tal fine, la creazione di un capitale condizionato (due per cento del capitale sociale) sarà proposta all'Assemblea Generale. Il personale dovrebbe essere in grado di acquistare certificati azionari a condizioni preferenziali.
IPO di Real Media Inc. con incognite
Per quanto riguarda l'IPO recentemente annunciata del gruppo online Real Media Inc. a New York, di cui PubliGroupe detiene ormai il 70% del capitale, a Losanna sono stati forniti pochi dettagli - viste le attuali turbolenze borsistiche e la severa legislazione americana in materia di borsa.
I P-manager si sono limitati ad assicurare che l'entrata in borsa era prevista per maggio, ma che le condizioni non erano ancora state chiaramente definite. Questo è stato seguito dalla specificazione che circa il 15% del capitale sociale sarebbe stato messo in vendita. Per cui ci si aspetta (o si spera) un incasso di circa 80 milioni di dollari. Dopo l'IPO, la partecipazione di PubliGroupe dovrebbe scendere dal 70 al 52%. "Ma vogliamo mantenere la maggioranza", ha aggiunto Zaugg.
P per "pedeckt"

Che bella formulazione: "PubliGroupe sostiene iniziative di case editrici che, alla ricerca di sinergie industriali ed editoriali, si uniscono in gruppi editoriali con l'obiettivo di essere saldamente ancorati nella loro regione ed economicamente sani", si è sentito alla conferenza stampa annuale di Losanna di quest'anno. E come prova che alle belle parole possono seguire anche i fatti, sono stati ricordati i buoni servizi forniti da P nella fusione dei due giornali falliti di Neuchâtel, L'Express e L'Impartial.
Così ora PubliGroupe prende anche una partecipazione del 35% in Vogt-Schild AG, l'editore della Solothurner Zeitung. È un passo verso un grande aggiustamento strutturale tra Berna e Zurigo? E se è così, come potrebbe apparire una tale mossa agli occhi dei P-men? In risposta a questa domanda di WerbeWoche, il capo della PubliPresse Ernst Grab è prudente. Sì, crede nella necessità di sinergie in questa regione, ammette... ma ci sono molti modelli diversi di come si potrebbe realizzare una cooperazione. Beh - in realtà lo avevamo già indovinato noi stessi!

(Visitato 16 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento