5 anni di lavoro di 1TP3Women: "Il rosa non è stata una mia idea!

Cinque anni fa Regula Bührer Fecker ha pubblicato il libro #Lavoro femminile. In occasione dell'anniversario, l'inserzionista scrive come è nato.

FrauenarbeitA posteriori, non si può sapere com'era una cosa.

E come vola il tempo. Almeno così mi sono sentita di recente, quando mi sono resa conto che sono passati cinque anni da quando ho scritto il libro #Women's Work. Molte persone mi hanno chiesto a) perché ho scritto il libro e b) come si fa a scrivere un libro. In occasione del 5° anniversario di #Women's Work, vorrei raccontarvi questo in un testo personale e un po' più lungo. 

Allora... nel 2017 i miei due figli avevano 1 e 2 anni. I giorni erano di conseguenza felici, pieni e turbolenti, e le notti di conseguenza brevi. La nostra agenzia Rod Kommunikation si era affermata bene sul mercato dopo 10 anni, naturalmente con i soliti alti e bassi, gli sprint e le maratone. 

Mentre ero in vacanza con la mia famiglia nel febbraio 2017, continuavo a parlare con mio marito di come mi sarebbe piaciuto scrivere un libro. Ma cosa? Non avevo l'idea per un romanzo poliziesco, non avevo le competenze per un libro di cucina e non avevo la preparazione accademica per un libro sulla strategia pubblicitaria. Ma volevo scrivere. Perché la scrittura mi ha sempre dato pace, è "il mio luogo di forza" e con due bambini piccoli è - per esperienza - relativamente importante conoscere il proprio luogo di forza. 

Quando si scrive, bisogna sentirsi a proprio agio con il proprio materiale. E il materiale con cui mi sentivo a mio agio era quello che significa essere una donna giovane e ambiziosa in una vita professionale. Come lottare, come affermarsi, come superare le situazioni difficili. Avevo qualcosa da dire al riguardo, vista la mia biografia, che comprendeva "la più giovane donna amministratrice" o "la più giovane donna stratega". Questa sarebbe stata l'idea centrale del mio libro. Registrare le esperienze personali in modo che altri possano imparare da esse. 

Tornato dalle vacanze, a marzo ho contattato due o tre editori di libri. Urs Hofmann, l'allora direttore editoriale di NZZ Libro, mi invitò spontaneamente per un'intervista. Gli è piaciuta la mia proposta. Così bene, infatti, che mi ha chiesto se potevo scrivere il manoscritto entro la fine di maggio. Perché vorrebbe pubblicare il libro (non ancora scritto, sia chiaro) nell'autunno dello stesso anno. 

Sono tornata a casa, un po' sopraffatta, e ho parlato con mio marito. Perché senza il suo sostegno e il suo aiuto a casa, non sarei in grado di farlo. Allo stesso modo, ho parlato con i miei due soci in affari per vedere se potevo limitare il mio impegno per due mesi al fine di scrivere. Tutti loro mi hanno sostenuto in questa impresa. Così ho accettato di partecipare a NZZ Libro. Una volta firmato il contratto d'autore, ho iniziato a lavorare. 

In una prima, selvaggia azione di Post-It, ho registrato i miei frammenti di pensieri non strutturati su Post-It verdi - così come su Post-It rossi le esperienze che non volevo scrivere. Poi ho iniziato a costruire una struttura e dei capitoli. Dovevano esserci 10 capitoli con 10 consigli ciascuno. Include una prefazione, un'introduzione, il retroscena e la parte intermedia. Una volta realizzata la struttura, ho dovuto "solo" riempirla. Ed è esattamente quello che ho fatto nelle settimane successive: Quando i bambini dormivano: scrivere. Quando ho preso il treno per Berna per visitare un cliente: scrivere. Pausa pranzo: scrivere. 

Sono state necessarie altre due pause in montagna per scrivere il contenuto. E a un certo punto, a un certo punto, è stato fatto: il manoscritto è stato scritto. A posteriori, non so davvero come ho fatto a farlo in così poco tempo. Di solito sono più una scrittrice di brevi e corti. (Un amico autore una volta mi ha detto: "Ovviamente il materiale era maturo". E probabilmente aveva ragione).

Mio marito e mio suocero sono stati i primi a leggere il manoscritto e a darmi un feedback. Un'intensa serie di revisioni, alcune notti insonni... e il manoscritto è stato inviato a NZZ Libro. Appena in tempo. Ormai era giugno e il lavoro era ormai affidato agli editori: il testo è stato rivisto, corretto e spedito, il libro e la copertina sono stati disegnati (PS: il rosa non è stata una mia idea!). 

Ma volevo che #Women's Work fosse più di un libro. Volevo che diventasse una piattaforma o un'iniziativa per riunire le giovani donne che oggi si trovano in una situazione simile a quella in cui mi trovavo io in passato. Che la piattaforma diventasse aperta per far sì che le donne leader esperte in Svizzera condividessero e trasmettessero le loro esperienze, le lezioni apprese e i consigli. Come un business club, ma sui social media, senza impegno, gratuito e aperto a tutti. 

Per questo motivo, l'avvocato Judith Weber e la professionista dei social media Maude Federspiel hanno sviluppato insieme a me il concetto di un movimento chiamato #Women's Work, finanziato dall'omonima fondazione. E a un certo punto, era estate, il libro era in stampa, le fondamenta erano state gettate, il sito web era stato progettato, l'account Instagram era stato creato. 

Avevo 39 anni, avevo scritto e registrato un capitolo importante della mia vita. Allo stesso tempo, è diventato chiaro che mia madre era gravemente malata e non sarebbe vissuta a lungo. Ancora oggi sono felice che abbia potuto vivere la creazione del libro, l'intero processo e il lancio. Che sia riuscita a tenere il mio libro tra le mani. 

Non riesco a credere che siano passati cinque anni da allora. Oggi raggiungiamo più di 15.000 donne con i nostri contenuti e le nostre newsletter, Appuntamenti a pranzo ed eventi. I numerosi feedback ci danno slancio. 

Vorrei ringraziare qui e ora tutti coloro che si impegnano nel lavoro di #Women. Senza il sostegno e la collaborazione di donne forti e impegnate, il lavoro delle donne dell'# non sarebbe mai stato possibile. E senza il sostegno e il supporto di uomini forti e impegnati, il lavoro di #Women non sarebbe mai stato possibile: Grazie. 

Se avete comprato e letto il libro, vi ringrazio qui. Perché, come ho detto, finanzia in gran parte la nostra fondazione e quindi le nostre attività. Se ora avete voglia di comprarlo, leggerlo voi stessi o regalarlo a qualcuno, potete scaricare il libro qui. qui piace fare.

Molte grazie
* Regula Bührer Fecker
1TP3Lavoro femminile 


Nella primavera del 2021, Regula Bührer Fecker è stata ospite del nostro Podcast Off The Record.

(Visitato 158 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento