Saluti dall'Home Office - Episodio 40: Yvan Piccinno, Wunderman Thompson

Nel 40° episodio di "Greetings from the Home Office", Yvan Piccinno, CEO e presidente del consiglio di amministrazione di Wunderman Thompson Svizzera, ci racconta come si sente nel suo home office e cosa gli mancherà di esso.

Grüsse aus dem Homeoffice

Yvan Piccinno è amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione di Wunderman Thompson Svizzera (precedentemente: Advico, Futurecom, Wunderman, Exxtra e Young&Rubicam (Y&R)). Piccinno ha guidato l'agenzia di 110 persone dal dicembre 2017.

 

Werbewoche.ch: Il tempo dell'home office sta finendo in molti posti - quando tornerai in agenzia?

Yvan Piccinno: Am liebsten morgen! Leider müssen wir alle Mitarbeitende noch etwas vertrösten, obwohl es bei uns einige sind, die sofort das Remote-Working aufgeben möchten. Wir halten uns strikt an die behördlichen Empfehlungen und erarbeiten zurzeit diverse Szenarien für die Rückkehr ins Office.

 

Tutta la sua agenzia si trova in un home office?

Sì, dal 16 marzo tutti i 110 dipendenti sono nei loro uffici di casa. Alcuni sono in ufficio tutti i giorni - naturalmente a rotazione e con le necessarie misure di sicurezza.

 

Hai incontrato qualche problema tecnico durante l'impostazione della tua stazione di lavoro all'epoca?

Erfreulicherweise – nebst wenigen Ausnahmen beziehungsweise Sonderkonstellationen –  hat unsere IT alles rechtzeitig in den Griff bekommen. Auch auf diesem Weg nochmals ein «Danke» an: Dominik, Elias, Anthony, Rabit und Piravis (Lernender) – also dem ganzen Team, welches das alles möglich machte.

 

Dove ti sei stabilito?

Sono cresciuto in una tipica, grande e rumorosa famiglia italiana e sicuramente in circostanze modeste. Il mio sogno più fervente era quello di avere più spazio per me stesso ... Ero già in grado di soddisfare questo desiderio con un "home office".

Grüsse aus dem Homeoffice

Di cosa hai bisogno per poter fare il tuo lavoro? A seconda dell'ora del giorno e dell'argomento all'ordine del giorno:

Caffè, una testa chiara, energia, un pizzico di pazienza, la volontà di perseverare e un atteggiamento positivo.

 

Hai dovuto "aggiornare" o prendere del materiale dall'agenzia durante il periodo dell'home office?

Essendo una grande sostenitrice dell'home office, ero già ben attrezzata in anticipo. Tuttavia, considerando la posizione davvero speciale, potrei ancora ispirare mia moglie per uno o due acquisti aggiuntivi.

 

Ha già avuto esperienze di lavoro a domicilio o è la prima volta?

A causa del mio precedente lavoro come libero professionista e come consulente indipendente, è in un certo senso un déjà vu per me - allora solo un po' più forzato e con uno scambio più impersonale.

 

Quali processi sono difficili rispetto alla normale vita quotidiana di un'agenzia quando bisogna farli "a distanza"?

Dopo l'euforia iniziale per la nuova situazione, ora si scopre che lo scambio sociale così come la vicinanza sono essenziali nonostante tutto il progresso tecnologico - almeno per me.

 

Quali lavori vanno bene?

Fortunatamente, nel complesso, tutto il lavoro va bene. Certamente, puoi passare alla modalità offline (nel senso di accessibilità), che può darti una fascia di tempo indisturbata e produttiva.

 

C'è qualcosa che funziona più facilmente o più produttivamente nell'ufficio a casa?

Difficile... le sieste a mezzogiorno sono sicuramente più rilassanti

 

Cosa fai se il soffitto ti cade in testa a casa?

Cuffie in testa, scarpe da jogging e via nella foresta.

 

Ha imparato o perfezionato qualcosa durante questo periodo?

No, ma sono particolarmente orgoglioso del mio vecchio iMac (lampada da terra - vedi foto), che finalmente sono riuscito a convertire in jukebox dopo anni!

Grüsse aus dem Homeoffice

Cosa le manca di più della vita fisica quotidiana di un'agenzia?

Wow, ci sarebbe una lista infinita... e per non offendere o trascurare nessuno, diremo solo: TUTTO!

 

Cosa ti manca in generale della normale vita quotidiana?

Può sembrare banale, ma sono le piccole cose nella vita che portano gioia - che sia il saluto amichevole di Christine alla reception, gli spaetzle incredibilmente buoni e freschi di Wolfi e Doreen o il "buona sera" della donna delle pulizie quando lascia l'agenzia.

 

Guardando indietro, cosa le mancherà di più della situazione attuale?

Non vedevo l'ora di rispondere a questa domanda: senza esitazione - alle sieste regolari durante il pranzo!

 

Siete sicuri che la vostra agenzia sopravviverà alla crisi?

Naturalmente domineremo la crisi. Se siamo un po' intelligenti e coraggiosi, sono persino dell'opinione che usciremo rafforzati da questa situazione e completeremo con successo il cambiamento iniziato quasi tre anni fa.

 

Come tutti sappiamo, ogni cosa ha i suoi lati positivi. Cosa c'è nella tua attuale situazione di home office?

Una mentalità di coesione e di elevarsi al di sopra di se stessi non si crea di solito in acque calme, una tempesta spesso porta aria fresca. Le vecchie abitudini possono ora essere definitivamente eliminate.

 

Quando e perché ha riso per l'ultima volta in relazione all'home office?

Il coronavirus ha una forte presa sulla società. Quelli che possono stare a casa, stanno a casa. Anche l'industria della pubblicità, della comunicazione e del marketing sta spostando su larga scala le operazioni verso l'home office. Con la serie "Greetings from the home office", Werbewoche.ch fa luce sulla vita lavorativa quotidiana tra le quattro mura di casa.

Tutti gli episodi in un colpo d'occhio:

Grüsse aus dem Homeoffice

Cosa vorresti dare ai tuoi colleghi del settore da portare con sé nel loro cammino attraverso la crisi?

Non vedo l'ora di riunirci - di persona!

(Visitato 113 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento