Saluti dal Ministero degli Interni - Episodio 39: Roger Hämmerli, Andy aveva ragione

Roger Hämmerli, amministratore delegato della social content newsroom Andy Was Right, ha già lasciato la sede con un piede fuori dalla porta. Giusto in tempo per l'episodio 39 della serie "Greetings from the Home Office", gli abbiamo chiesto del lavoro a casa.

andywasright_roger_teaser

Werbewoche.ch: Il tempo dell'home office sta finendo in molti posti - quando tornerai in agenzia?

Roger Hämmerli: Abbiamo appena iniziato un cauto ritorno. Lentamente, tutto sta tornando in auge. Tuttavia, dato che non abbiamo mai avuto un "dovere d'ufficio", ogni dipendente può organizzarsi come vuole e tutte le riunioni non obbligatorie si svolgono tramite Slack/Zoom.

 

Tutta la sua azienda si trova - o meglio, si trovava - in un home office?

All'inizio della situazione straordinaria, l'home office era obbligatorio per tutta la squadra. Ogni tanto ero in ufficio per innaffiare le piante o svuotare la cassetta delle lettere. Il mio staff non mi avrebbe mai perdonato se le nostre piante non fossero sopravvissute.

 

Hai incontrato qualche problema tecnico durante l'impostazione della tua stazione di lavoro all'epoca?

Non proprio. Tutto il personale ha Macbook e gli strumenti necessari installati da noi. Personalmente, non è stato un problema neanche per me, dato che il mio appartamento potrebbe piuttosto essere descritto come un rivenditore di tecnologia e gadget.

 

Dove ti sei stabilito?

Stranamente, ho passato la maggior parte del tempo in piedi davanti al mio frigorifero (vedi foto). L'impostazione semplice e la comoda altezza di lavoro mi hanno aiutato a non arrugginirmi completamente. Altrimenti, ovviamente, alla mia scrivania o alla "sedia del podcast".

homeoffice_2

Di cosa hai bisogno per poter fare il tuo lavoro?

Uno smartphone con abbastanza batteria e la mia voce in buona forma.

 

Ha dovuto "riattrezzare" o prendere materiale dai locali dell'ufficio nel corso del periodo di home office?

No. Quando abbiamo smontato le tende qui, ho preso gli utensili più importanti per il nostro podcast e poi basta.

 

Ha già avuto esperienze di lavoro a domicilio o è la prima volta?

Non sono mai stato il tipo da ufficio in casa. Quando ero alla Ringier, il fine settimana era il mio ufficio a casa perché non potevo presentarmi sempre in ufficio. Per il resto, ho evitato abilmente l'home office finora. Non sono spesso nel mio appartamento, ma quando lo sono, voglio spegnermi.

 

Quali processi sono difficili rispetto alla normale vita lavorativa di tutti i giorni quando li devi fare "a distanza"?

Come start-up, la sfida più grande è stata quella di affinare ulteriormente la cultura e i processi del team. Nelle ultime settimane, ci siamo anche espansi molto e la formazione dei dipendenti tramite Slack Call è in qualche modo non così casuale - per dirla diplomaticamente.

 

Quali lavori vanno bene?

Operativamente, tutto il lavoro è andato bene. Non c'era e non c'è niente di cui lamentarsi. La mia squadra ha fatto un ottimo lavoro e sono molto orgoglioso di loro per aver padroneggiato questo in modo così brillante.

 

C'è qualcosa che funziona più facilmente o più produttivamente nell'ufficio a casa?

Non per me. Semplicemente funziono in modo diverso. Ma per i singoli dipendenti, l'ufficio a casa è un vero spazio creativo. I nostri Andy dovrebbero premere l'acceleratore dove funzionano meglio.

 

Cosa fanno per il soffitto che ti cade in testa a casa?

Per fortuna, ho un appartamento in un maisonette che mi permette di fare molte scale. Faccio anche i miei giri mattutini e serali a Glattpark. Altrimenti, mi butto nel lavoro. Quando hai appena lanciato una start-up, non c'è niente di meglio che mettere tutta la tua attenzione su di essa.

 

Ha imparato o perfezionato qualcosa durante questo periodo?

Se dovessi dire cucinare, sarebbe lodevole ma semplicemente sbagliato. Onestamente non ho avuto il tempo di perseguire un'altra passione accanto al lavoro - ma questo mi va bene.

 

Ti è già capitato qualcosa come il nervosismo da ufficio in casa?

Difficile da dire. Bisognerebbe chiedere ai miei colleghi se sono diventato odioso o se lo sopportano ancora.

 

Cosa le manca di più della giornata lavorativa fisica?

Dato che molto spesso lavoriamo in rete e direttamente insieme, manca lo scambio personale. Quelle brevi due o tre frasi in modo che entrambe le parti capiscano cosa si intende e, naturalmente, il contatto con la squadra. In una compagnia giovane, i personaggi stanno ancora trovando i loro ruoli e per questo bisogna passare molto tempo insieme.

 

Cosa ti manca in generale della normale vita quotidiana?

In realtà sono di Glarus. Ho avuto la mia pace e tranquillità lì per 18 anni e quando succedeva qualcosa in città - sì, Glarus può definirsi una città - era fantastico. Quello che mi piace di Zurigo è il fatto che c'è sempre qualcosa da fare. Questa città è viva in ogni angolo e in ogni vicolo. Certo, questo si è perso e vorrei riavere quella "sensazione".

 

Guardando indietro, cosa le mancherà di più della situazione attuale?

Niente. Qualsiasi altra cosa sarebbe una bugia. Ma sono grato per le molte lezioni "gratuite" che la crisi mi ha dato come CEO.

 

Siete sicuri che la vostra azienda sopravviverà alla crisi?

All'inizio della crisi mi sono detto: "Merda, hai la grande sfida che hai sempre voluto e ora succede una cosa del genere...". Sono sicuro di avere più capelli grigi ora di quanti ne dovrei avere a 29 anni, ma attualmente sono più sicuro che mai che non solo siamo usciti dalla crisi più forti, ma che ci ha anche essenzialmente formato come start-up e come squadra.

 

Come tutti sappiamo, ogni cosa ha i suoi lati positivi. Cosa c'è nella tua attuale situazione di home office?

La nostra squadra ha imparato molto in termini di comunicazione. Improvvisamente, non possiamo semplicemente comunicare ogni piccola cosa attraverso il tavolo, ma dobbiamo prestare attenzione a come le informazioni vengono ricevute meglio. Ogni membro dello staff ha dovuto imparare a comunicare in modo più efficiente e chiaro. Una squadra giovane qui sta avendo lezioni di comunicazione al volo e questo ci sarà utile molto tempo dopo la fine della crisi.

 

Fino a che punto Andy Was Right trarrà beneficio dalla crisi o dalle lezioni apprese da essa?

Molte aziende hanno capito quanto possa essere importante una comunicazione veloce e autentica. Non sempre si ha tempo per lunghi processi decisionali e discussioni eterne. Siamo stati in grado di mostrare a molti nuovi clienti come reagire alle circostanze su base giornaliera. Per noi, la crisi è stata un'occasione per testare il nostro modello di business in extremis - con successo. Non siamo mai stati così occupati.

 

Quando e perché ha riso per l'ultima volta in relazione all'home office?

Le risate e le battute stupide non mancano mai qui. Con Leo, abbiamo il maestro di battute piatte per eccellenza in casa nostra, e Remo ha appena fatto un altro ruggito ieri quando ha imitato il leggendario discorso di Christian Gross nello spogliatoio della FCB. È notevole quanto siamo vecchi ormai. I nostri tirocinanti sembravano molto disturbati.

 

Cosa vorresti dare ai tuoi colleghi del settore da portare con sé nel loro cammino attraverso la crisi?

Come nuovo arrivato nel settore e come start-up, non voglio alzare il dito troppo forte qui e distribuire grandi consigli. Posso solo consigliare ciò che mi ha aiutato in questo periodo: Non per guardare sempre a destra e a sinistra, ma per concentrarsi sui propri affari. L'opinione degli altri non paga le bollette in un momento come questo.

Il coronavirus ha una forte presa sulla società. Quelli che possono stare a casa, stanno a casa. Anche l'industria della pubblicità, della comunicazione e del marketing sta spostando su larga scala le operazioni verso l'home office. Con la serie "Saluti dall'ufficio di casa" Werbewoche.ch fa luce sulla vita lavorativa quotidiana tra le quattro mura di casa propria.

Tutti gli episodi in un colpo d'occhio:

(Visitato 98 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento