Saluti dal Ministero degli Interni - Episodio 31: Martin Matt, Mjm.cc

Martin J. Matt è il fondatore e CEO dell'agenzia Mjm.cc, con sede a Basilea e in Liechtenstein. Al momento, però, anche l'ufficio di Matt si trova tra le sue quattro mura. Il 31° episodio della serie "Saluti dall'ufficio di casa" .

Grüsse aus dem Homeoffice

Martin J. Matt è il fondatore e CEO dell'agenzia creativa Mjm.cc. Con il suo team di dieci persone, gestisce mandati in tutta la Svizzera da ben 15 anni - compresi i premi Best of Swiss Web e Best of Swiss Apps. Il padre di due figli ama l'arte, il cinema e viaggiare. Se la crisi di Corona durerà ancora a lungo, sarà finalmente in grado di completare con successo il suo progetto di otto anni per correre la maratona di New York City il prossimo anno.

 

Werbewoche.ch: Da quanto tempo sei in sede?

Martin Matt: Da venerdì 13, come quasi tutti.

 

Tutta la sua agenzia si trova in un home office?

Avendo ridotto la nostra agenzia alla flessibilità negli ultimi anni, eravamo pronti per l'home office in un'ora.

 

Hai incontrato qualche problema tecnico durante l'impostazione della tua stazione di lavoro all'epoca?

Ho lavorato solo uno o due giorni a settimana nell'agenzia prima. Sono abituato a lavorare in treni affollati, con i clienti, in caffè troppo rumorosi e a casa. Quello a cui non sono abituato è la totale immobilità.

 

Dove ti sei stabilito?

Dato che, oltre ad essere un soccorritore d'agenzia, attualmente sono anche insegnante, dog-sitter, cuoco, assente a progetto, avvocato e papà a tempo pieno, il mio posto di lavoro è sempre dove posso essere al sicuro dai miei figli per quello che sembra cinque minuti. In giardino quando piove, in salotto quando c'è il sole e a volte a letto.

Grüsse aus dem Homeoffice

Di cosa hai bisogno per poter fare il tuo lavoro?

Caffè, cellulare, MacBook. In questo ordine. E un gin tonic il venerdì.

Grüsse aus dem Homeoffice

È difficile separarsi abbastanza quando i bambini sono a casa?

Come già detto sopra: impossibile. Ma ammetto che mi sta piacendo molto. Spero che guardando indietro, vedrò la crisi come un periodo positivo per la famiglia.

 

Hai esperienza di home office o è la prima volta?

Non è una novità per me. Tuttavia, si tratta allora meno di un ufficio domestico e più di un ufficio mobile. Ho cercato per anni di non lavorare troppo spesso di notte e nei fine settimana. È rimasto e probabilmente rimane un tentativo.

 

Quali processi sono difficili rispetto alla normale vita quotidiana di un'agenzia?

Lo spirito di squadra. La stragrande maggioranza dei nostri progetti premiati ha un carattere partecipativo molto forte. In questo senso, penso che la nostra grande qualità sia lavorare con le persone e coinvolgerle nel nostro lavoro. Di conseguenza, mi mancano i miei complici, cioè il mio team, i nostri clienti e i freelance. I nostri progetti non sono mai creati in una sola testa, ma sono sempre il prodotto delle idee di un gruppo cospirativo di personalità con gli stessi obiettivi e idee simili.

 

Quali lavori vanno bene?

Abbiamo fatto riunioni in videoconferenza per molto tempo. Con mio grande stupore, le riunioni di squadra e le sessioni di brainstorming vanno stranamente bene con lo zoom.

 

C'è qualcosa che funziona più facilmente o più produttivamente nell'ufficio a casa?

Fare il pendolare a casa propria è già molto piacevole. Altrimenti, non è diventato né più facile né più produttivo per me.

Grüsse aus dem Homeoffice

Cosa fanno per il soffitto che ti cade in testa?

Era da molto tempo che non ero così in forma come adesso. Ci prendiamo molto più tempo per cucinare e per mangiare consapevolmente. In questo senso, la crisi di Corona mi ha reso più sano.

 

Ti è già capitato qualcosa come il nervosismo da ufficio in casa?

Se non fossi il proprietario di un'agenzia, le due ore extra di sonno ogni giorno, il tempo extra per la famiglia, l'esercizio quotidiano, il buon cibo, l'eliminazione dei tempi di pendolarismo e di viaggio sarebbero in fondo molto sopportabili.

 

Cosa le manca di più della vita fisica quotidiana di un'agenzia?

I contatti con le persone e l'incubazione di idee creative per nuovi progetti. L'unica cosa che non può essere digitalizzata è l'aspetto interpersonale. Ho il mio posto di lavoro nell'agenzia al centro della squadra. Questo isolamento forzato non fa bene a nessuno di noi a lungo termine.

Grüsse aus dem Homeoffice

Siete sicuri che la vostra agenzia uscirà indenne dalla crisi?

A gennaio eravamo di fronte a un anno record assoluto. Ora sarà probabilmente più un record negativo. Dato che facciamo molte produzioni dal vivo, questa crisi ci sta colpendo duramente. Ma come sempre, ci saranno perdenti e vincitori. E stiamo cercando di essere tra i vincitori di Corona con la ristrutturazione, le nuove idee e la nostra flessibilità. Credo che avremo successo.

 

Come tutti sappiamo, ogni cosa ha i suoi lati positivi. Cosa c'è nella tua attuale situazione di home office?

Come detto, il plus della famiglia e dello sport. E sono di nuovo un cuoco più abile.

Grüsse aus dem Homeoffice

Quando e perché ha riso per l'ultima volta in relazione all'home office?

Mio figlio ha il potenziale per essere un intrattenitore. Insieme a sua sorella, mi fa sempre ridere. Soprattutto durante le conferenze Zoom. Entrambi hanno capito subito che dico sì a molte cose durante le riunioni video e naturalmente ne approfittano.

 

Anche se non hai una sfera di cristallo: Si aspetta che la situazione attuale duri ancora a lungo?

La crisi con il suo impatto diretto su di noi ci terrà certamente occupati per un po'. Sono più preoccupato per la successiva recessione. Da questo punto di vista, credo che la Svizzera stia ancora una volta reggendo meglio di altri. Ma questo non ci lascerà indenni.

 

Cosa vorresti dare ai tuoi colleghi del settore da portare con sé nel loro cammino attraverso la crisi?

Sono troppo giovane per poter dare buoni consigli. Se ne avessi, sarei abbastanza grande da sapere che è meglio tenerlo per me.

Grüsse aus dem Homeoffice

Il coronavirus ha una forte presa sulla società. Quelli che possono stare a casa, stanno a casa. Anche l'industria della pubblicità, della comunicazione e del marketing sta spostando su larga scala le operazioni verso l'home office. Con la serie "Greetings from the home office", Werbewoche.ch fa luce sulla vita lavorativa quotidiana tra le quattro mura di casa.

Tutti gli episodi in un colpo d'occhio:

(Visitato 136 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento