Saluti dall'home office - Episodio 20: Urs Jenni, Jenni Kommunikation

Nella nostra serie "Saluti dall'home office", visitiamo per la prima volta Urs Jenni, un vero professionista delle PR, nelle sue quattro mura. Ha fondato la Jenni Kommunikation nel 1993 e ora - più di 25 anni dopo - deve affrontare nuove sfide.

Jenni Kommunikation

Urs Jenni proprietario e amministratore delegato dell'agenzia di PR Jenni Kommunikation, che ha fondato nel 1993. Jenni si descrive come un "bon vivant attivo che ama le sfide intellettuali e culinarie".

 

Werbewoche.ch: Da quanto tempo sei in un home office?

Urs Jenni: Dal 9 marzo abbiamo fatto i primi giri di prova, dal 16 marzo completamente nell'home office.

 

Tutta la sua agenzia si trova in un home office?

Abbiamo un'impiegata che si occupa dell'ufficio, io vado in agenzia nei fine settimana e almeno una sera sì e una no.

 

Hai incontrato qualche problema tecnico durante l'impostazione della tua stazione di lavoro?

No. La configurazione corrispondente ha avuto luogo a casa mia circa due anni fa, al mio vice la workstation è stata impostata e testata nel Q4 2019. Solo la larghezza di banda a casa oscilla un po' fortemente e in ufficio sostituiremo certamente alcuni dispositivi dopo la pandemia.

 

Dove ti sei stabilito?

Ho una specie di mini bovindo nel mio appartamento, che mi serve da studio. Se ho bisogno di più spazio o voglio avere un po' di vista, mi siedo al grande tavolo della sala da pranzo.

Jenni Kommunikation

Di cosa hai bisogno per poter fare il tuo lavoro?

Molto importante: un succo fresco al mattino. No, seriamente, un notebook, cuffie, cellulare, blocco note e la mia penna Yard-O-Led, che ho ricevuto in regalo quando ho fondato la mia agenzia 27 anni fa, una stampante e un client softphone sul notebook e un telefono fisso collegato direttamente alla rete dell'ufficio. Ho anche strumenti di videoconferenza e una buona connessione internet per assicurarmi che tutto funzioni correttamente.

 

Hai esperienza di home office o è la prima volta?

Come consulenti di comunicazione, siamo abituati alla flessibilità e occasionalmente lavoriamo dal nostro ufficio a domicilio. Questo mi è familiare anche per i viaggi, allora semplicemente la stanza d'albergo o un caffè diventa l'ufficio di casa. Ma in questa misura è chiaramente una prima volta.

 

Sulla base delle prime esperienze: Quali processi sono difficili rispetto alla normale routine dell'agenzia?

Siamo abituati a poter accedere alle conoscenze del team in qualsiasi momento, dato che di solito lavoriamo tutti a distanza visiva l'uno dall'altro. Una rapida occhiata e si capisce se si può interrompere brevemente qualcuno al lavoro e chiedere/discutere qualcosa o se è meglio aspettare. Anche gli stati d'animo sono chiaramente visibili quando ci si conosce così bene. Questo non è il caso dell'home office e questo scambio spontaneo è certamente più complicato.

 

Quali lavori vanno bene?

Attualmente non ci sono restrizioni, tutto funziona senza problemi.

 

C'è qualcosa che funziona più facilmente o più produttivamente nell'ufficio a casa?

In genere lavoro ancora più concentrato, perché le interruzioni sono per lo più eliminate e, a parte qualche domanda ad hoc, comunichiamo tra di noi a orari fissi. Sento lo stesso dalla squadra.

 

Cosa fanno per il soffitto che ti cade in testa?

Pianifico i menu e cerco idee per nuovi piatti. Ho anche trasformato la mia sala di lettura in una mini-palestra, uso regolarmente la cyclette e guardo un film. I manubri e un tappetino da yoga mi invitano a fare esercizio e a rilassarmi. Inoltre, circa 20 libri sono in attesa di essere letti. Di tanto in tanto, mi siedo sul balcone e leggo, sempre che il rumore dei lavori fuori dalla mia porta d'ingresso non sia troppo forte.

Jenni Kommunikation

Cosa le manca di più della vita fisica quotidiana di un'agenzia?

Mi manca molto lo scambio spontaneo con il team, che non è compensato dalla riunione quotidiana mattutina via videochiamata e dalle varie conversazioni one2one. Mi manca anche la sensazione di frenesia, l'eccitazione di lavorare su un progetto o una proposta per i clienti, il sedersi insieme per i pitch e vedere come le nostre teste iniziano a fumare. Ci porteremo via degli insegnamenti dalla crisi che sicuramente ci aiuteranno a ottimizzare il nostro lavoro futuro.

 

Siete sicuri che la vostra agenzia/azienda uscirà indenne dalla crisi?

A questo proposito, la questione è se vedremo una ripresa dell'economia sotto forma di una curva V, U, U lunga o, nel peggiore dei casi, L. Dal punto di vista odierno, sopravviveremo in tutti gli scenari, ma probabilmente dovremo perdere un po' di terreno - più la crisi dura, più è lunga.

 

Come tutti sappiamo, ogni cosa ha i suoi lati positivi. Cosa c'è nella tua attuale situazione di home office?

Molto chiaramente una decelerazione. Per esempio, mi risparmio il viaggio al lavoro e inizio la giornata con meno tensione. E mi piace molto il fatto che ora posso usare la mia stufa a gas molto spesso.

 

Cosa vorresti dare ai tuoi colleghi del settore da portare con sé nel loro cammino attraverso la crisi?

Cercate di trarre il meglio dalla situazione e di incorporare gli insegnamenti positivi nello sviluppo dell'agenzia.

 

Altri articoli sull'argomento