"La mancanza di giovani talenti è la grande sfida dei prossimi anni"

Cornelia Harder è diventata proprietaria di FCB Zurigo nel 2018. Nella nostra serie di fine anno, guarda indietro al 2018 e azzarda una prospettiva per il prossimo anno 2019.

ceo_owner_nb-cornelia-harder-fcb-zuerich-t

Dopo dieci anni come CEO di FCB Zurigo, Cornelia Harder ha deciso nel 2018 di rilevare il 100% dell'agenzia come proprietario (Werbwoche.chriportato). La rete attiva a livello globale FCB (Foote Cone Belding) ha quindi espresso la sua fiducia in Harder per guidare l'agenzia in modo indipendente e agile nel futuro nel giugno 2018. FCB Zurich, vincitrice della classifica creativa 2016, rimarrà associata al network come agenzia partner e continuerà a beneficiare delle relazioni e delle competenze delle agenzie FCB così come dell'intero gruppo IPG, di cui FCB fa parte.

Settimana della pubblicità: Il tuo highlight personale del 2018?

Cornelia Harder:La mia nuova imprenditorialità come proprietario dell'agenzia FCB Zurigo con la firma del contratto nel giugno 2018.

Quale campagna svizzera del 2018 spicca nella tua memoria?

Pro Infirmis lancia regolarmente buone campagne, tra cuil'ultimo: "Tutti sono uguali, nessuno è più uguale".

Cosa ti ha dato fastidio quest'anno?

Niente. Il mio anno è stato straordinariamente impegnativo, ma anche arricchente.

Quale tema pensi che abbia plasmato maggiormente l'industria pubblicitaria nel 2018?

Forse non modellato, ma occupato noi il DSGVO.

Una tendenza chiave per il 2019?

Una comunicazione di successo si ottiene solo attraverso una collaborazione globale e lasciandosi alle spalle strutture e discipline obsolete. Questo crea nuove eccitanti costellazioni che aprono più spazio alla creatività e all'innovazione. Questo vale sia per le aziende che per le agenzie.

Qual è la più grande sfida che l'industria pubblicitaria dovrà affrontare nel prossimo anno?

La sfida dei prossimi anni, non solo nel nostro settore, è la mancanza di giovani talenti e di conseguenza la "guerra dei talenti".

Cosa ti fa credere che il 2019 sarà un buon anno?

Inizio il nuovo anno con grande libertà e passione imprenditoriale e sono supportato da un team talentuoso e motivato.

Il 2018 sta per concludersi. È tempo di guardarsi indietro ancora una volta - e di azzardare una prospettiva per il prossimo anno. Werbewoche ha chiesto ai rappresentanti dell'industria pubblicitaria svizzera. Tutti loro hanno lasciato un segno nell'industria creativa in una forma o nell'altra. Tutte le interviste si trovano nell'attuale Werbewoche 20/21 del 18 dicembre 2018.Interviste e testo: Thomas Häusermann.

(Visitato 27 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento